FoxAnimation  

I Simpson, tutti i lavori di Homer: Mr. Spazzaneve

di - | aggiornato

Il nostro Homer si è spesso cimentato in lavori alternativi a quello di ispettore di sicurezza della centrale elettrica: ricordate quando divenne Mr. Spazzaneve?

0 condivisioni 0 commenti

Condividi

Mr. Spazzaneve: questo è il mio nome, questo è il mio nome! Alzi la mano chi non ha letto questa prima parte canticchiando. Perfetto, ci sarà sicuramente qualcuno che ha mentito! Sì perché è davvero impossibile non pensare a quello che è senza se e senza ma il motivetto più famoso di tutta la storia dei Simpson assieme a quello sulla monorotaia e, ovviamente, alla sigla.

Ma perché vi parliamo di Mr. Spazzaneve? Semplice! Abbiamo deciso di introdurvi al meglio alla 25esima stagione - in arrivo il 2 maggio su Fox e Fox Animation - ricordando i 5 lavori più assurdi del nostro carissimo Homer. Ragion per cui non avremmo mai potuto non parlare di questo fantastico episodio, il nono della quarta stagione!

Mr. Spazzaneve: la trama

Una insolita ondata di neve invade Springfield, il tutto mentre Homer è - tanto per cambiare - inchiodato tra gli sgabelli del bar Boe. Marge, preoccupatissima, chiama il marito dicendogli di tornare a casa. Al suo ritorno, però, il capofamiglia di casa Simpson si schianta letteralmente sull'altra auto di sua proprietà, la station wagon rossa guidata nel 90% dei casi da Marge.

Andando alla ricerca di una nuova auto, Homer viene colpito da una felicita idea: su spinta di un venditore, il nostro eroe decide di comprare uno spazzaneve. Dopo un inizio alquanto difficile, l'attività decolla: tuttavia gli affari hanno vita breve, dato che Barney pensa bene di far concorrenza al suo migliore amico diventando Re Spazzaneve. A questo punto Homer risponde pan per focaccia, mandando il compagno di bevute in una strada inesistente di una località di montagna.

Vota anche tu!

Ricordate ancora a memoria la canzoncina di Mr. Spazzaneve?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

Il karma però punisce Homer, con Barney che resta bloccato tra le nevi prima che l'amico si ricongiunga con lui, salvandolo. Sembra l'inizio di una fantastica avventura, prima che Mr. Spazzaneve pronunci una frase che mai avrebbe dovuto proferire.

Quando due migliori amici lavorano insieme, neanche Dio in persona può fermarli!

E così ci si avvia alla chiusura dell'episodio, col diretto interessato che manda su Springfield un'ondata di caldo anomala che fa sciogliere tutta la neve. La giacca di Mr. Spazzaneve, quindi, verrà riposta nell'armadio di casa Simpson.

I retroscena dietro Mr. Spazzaneve

A dispetto di ciò che si possa pensare, dietro a uno degli episodi più riusciti della storia dei Simpson non c'è affatto una storia felice: stando ai racconti dell'epoca, infatti, pare che proprio in concomitanza con la scrittura di Mr. Spazzaneve i contratti di diversi autori fossero scaduti. Ciò portò Al Jean, ma soprattutto Jon Vitti, a scrivere l'episodio di proprio pugno nella quasi totalità della trama.

Proprio Vitti fu la mente dietro a Mr. Spazzaneve, nonché quella dietro all'accordo con la guest star Adam West - presente nell'episodio al pari della cantante Linda Ronstadt -. L'idea della trama nacque da una considerazione davvero singolare: Vitti, infatti, notò come in diversi show televisivi non vi fosse molto spazio per la neve, neanche in periodi storici come il Giorno del Ringraziamento o addirittura Natale. 

Una delle chicche del making of di Mr. Spazzaneve riguarda la candidatura di Barney come Re Spazzaneve: in principio, infatti, gli autori pensarono anche a Lenny come possibile rivale di Homer. Una pista però abbandonata molto presto, in quanto la spalla di Carl non fu giudicata adeguatamente carismatica. E voi, conoscevate tutti i retroscena riguardo a questo storico episodio? Quante volte l'avevate già visto nel corso della vostra vita?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.