FOX

L'Attacco dei Giganti: l'autore ritratta sulla fine del manga, arriverà entro 2 anni

di - | aggiornato

Il famoso manga di Hajime Isayama a quanto pare non finirà entro il 2019, ma potrebbe durare ancora un paio d'anni.

L'attacco dei Giganti Eren e Gigante Colossale Kodansha

33 condivisioni 0 commenti

Condividi

Qualcosa è cambiato nello svolgimento della storia de L'Attacco dei Giganti. L'autore Hajime Isayama è recentemente stato intervistato riguardo alla sua opera principale e ha rivelato alcune nuove informazioni che contraddicono quanto sostenuto in passato.

Sul finire dello scorso anno, durante una visita di un'emittente televisiva giapponese nello studio del mangaka, questi aveva mostrato in anteprima l'ultima tavola del capitolo finale del suo fumetto, svelando che L'Attacco dei Giganti si sarebbe concluso entro il 2019. Sembra però che l'autore ci abbia ripensato e che il manga andrà avanti ancora per un po'.

In un'intervista sul giornale giapponese Yomiuri Shimbun, tradotta su Twitter da SP Manga, Hajime Isayama ha infatti rivelato che la sua opera finirà entro uno o due anni e non più entro il 2019. Sembra dunque che quanto stia accadendo negli ultimi capitoli del manga abbia bisogno di un maggiore approfondimento rispetto a quanto preventivato in passato, e l'autore si deve essere reso conto che per concludere al meglio L'Attacco dei Giganti dovrà impiegare più tempo del previsto.

D'altronde la storia, per quanto possa essere completa nella mente del mangaka, può sempre subire delle modifiche nel suo svolgimento man mano che le idee nascono e influenzano quanto di originale aveva ideato l'autore.

Isayama, nella stessa intervista, ha anche aggiunto ulteriori dettagli sul suo manga indicando alcune fonti d'ispirazione e alcuni significati particolari.

Attack on Titan personaggi principalHDKodansha

L'idea del Gigante Colossale che appare sin dall'inizio del fumetto è nata dal ricordo di una mostra del 1998 vista a Fukuoka, dove erano esposti diversi corpi umani reali trattati con sostanze chimiche per preservarne l'aspetto. L'idea che portò alla creazione del Gigante Colossale nacque proprio dalla visita a quest'esposizione. Come già raccontato in altre occasioni, i giganti senza controllo sono invece ispirati ai clienti ubriachi dell'internet café dove Isayama lavorava part time.

Parlando sempre del Gigante Colossale, il mangaka rivela che gli occhi dell'enorme essere nascondono una profonda tristezza, e che quando lo ha creato non voleva fosse visto solamente come un semplice mostro che spaventasse le persone. All'inizio voleva che i giganti simboleggiassero odio e violenza, ma sperava che il pubblico vi vedesse anche dell'altro.

Attack on Titan protagonistiHDKodansha

Parlando di Eren, il protagonista del manga, Isayama ha poi rivelato che non si è ispirato a Big X di Osamu Tezuka, che non ha mai letto, ma che l'unica vera influenza ricevuta dal leggendario mangaka sono gli interventi chirurgici in Black Jack.

Infine, parlando sempre dei giganti, l'autore ha detto:

Spesso mi viene chiesto dai lettori che cosa simboleggino i giganti, ma io non li ho mai intesi come una satira nei confronti della realtà. Volevo semplicemente rappresentare un diverso concetto di giustizia mostrato da un altro punto di vista. Nel mio lavoro ci sono molte scene violente, e queste potrebbero disturbare alcuni lettori. Nonostante ciò quello che ho creato l'ho sempre sentito dentro di me, pensando sempre 'vorrei leggere un manga come questo'. Alla fine però mi ritengo una brava persona!

Cosa ne pensate delle nuove affermazioni di Hajime Isayama? Siete contenti che il manga durerà ancora per un po' o speravate che la fine fosse più vicina?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.