FoxLife  

Crisi di coppia con figli: i consigli del dottor Gianluca Franciosi

di -

Perché molte coppie entrano in crisi dopo la nascita di un figlio? Come far fronte ai cambiamenti che subentrano dopo l'arrivo di un bimbo? E soprattutto, cosa fare quando una gravidanza diventa l'unico collante in una relazione sentimentale?

0 condivisioni 0 commenti

Condividi

Dopo la nascita di un figlio la vita di una coppia cambia radicalmente, nel bene e nel male. Ci si ritrova improvvisamente sbattuti in una realtà magari fino a quel momento sconosciuta, nella quale diventa fondamentale cercare un nuovo equilibrio. Facile a dirsi, difficile a farsi, spercialmente durante i primi mesi, quando ritagliarsi degli spazi per sé e per il nostro partner diventa praticamente impossibile. 

A risentirne è inevitabilmente la qualità del rapporto di coppia, che a volte si abbassa improvvisamente, senza lasciarci neanche il tempo di rendercene conto.

Questo è quello che è accaduto alle due coppie protagoniste della settima puntata di Amore e altri rimedi, dopo la nascita dei rispettivi figli. Andrea e Sara, Marilyn ed Emiliano hanno fatto fatica a ricostruire una dimensione a due. Ma perché all'indomani di un evento tanto meraviglioso può succedere proprio questo?

E soprattutto, quali rimedi è possibile adottare per scongiurare o affrontare una crisi?

Crisi di coppia con figli: perché succede

Subito dopo la nascita di un bebè i genitori sono inevitabilmente assorbiti dal nuovo arrivato. Specialmente la madre è totalmente rivolta al piccolo e questo tipo di attenzione rischia di allontanarla da sé stessa, dalle sue necessità e dal proprio compagno, che spesso si ritrova a non capire bene come supportarla, sottovalutandone a volte la stanchezza o la fatica. 

Un cambiamento del genere può sfociare in una crisi: davanti ad una nuove mole di impegni è facile ritrovarsi impreparati e la stanchezza lascia spazio a nervosismo e recriminazioni. Inutile girarci attorno, genitori non si nasce e diventarlo è sempre un cammino tortuoso, ricco di scoperte. 

Una volta messe in conto le normali difficoltà dei primi tempi, destinate - quando non ci sono ulteriori problemi - a risolversi naturalmente, è possibile adottare alcuni accorgimenti nel momento in cui dovessimo renderci conto che la situazione ci sta sfuggendo di mano.

Crisi di coppia con figli: cosa fare

Davanti ad ogni tipo di crisi di coppia, il primo passo da fare è comunicare. Diventare genitori è un'esperienza nuova, per questo è giusto non dare per scontato che ci sta accanto capisca automaticamente ciò di cui abbiamo bisogno. 

È quindi importante chiedere chiaramente quello che desideriamo, senza aspettare che il nostro compagno se ne renda conto autonomamente.

Altro aspetto fondamentale è garantirsi degli spazi per due. Se si ha la possibilità di farlo, è bene lasciare ogni tanto il figlio a parenti o baby sitter per potersene stare un po' da soli.

Trasformarsi in genitori è un cambiamento fisiologico e come tale va accettato e seguito. Con la consapevolezza che se le cose dovessero precipitare, può essere utile rivolgersi ad un terapista.

Uomini considerati “inutili” dalle neo mamme: perché succede?

Tra madre e figlio si crea - specialmente nei primi mesi - un legame davvero esclusivo, che può portare una neo mamma ad escludere il compagno, ritenuto magari non all'altezza. Paternità e maternità sono due cose estremamente differenti e il ruolo di mamma sarà sempre qualcosa di unico.

Ma estromettere il padre dalla cura del bebé è sbagliato e può condurre ad una frattura all'interno della coppia. Rendetelo partecipe, dategli modo di occuparsi in tutto e per tutto del nuovo arrivato, incoraggiandolo e sostenendolo.

E tenendo sempre a mente l'importanza della comunicazione e delle richieste: la lettura del pensiero è infatti ancora fantascienza.

Quando la gravidanza è la via d'uscita da una crisi: l'opinione di Gianluca Franciosi

Ci sono alcuni casi in cui la gravidanza - all'interno di una coppia - diventa quasi una questione di vita o di morte. Secondo lo psicoterapeuta di Amore e altri rimedi queste situazioni sono potenzialmente quelle più pericolose, perché lasciano sottintendere che un figlio possa costituire l'unico legame tra i due partner.

In un momento del genere è importante fermarsi e ragionare bene sul perche l'unico elemento fondante della coppia potrebbe essere un figlio e non i due partner stessi e quello che loro possono creare a livello di coppia.

Una famiglia può nascere nel momento in cui c'è una coppia. Se non ci sono le basi di un rapporto, è difficile poi - quando si diventa genitori - affrontare qualsivoglia difficoltà.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.