FOX

[Spoiler!]

Game of Thrones: che cos'è la Compagnia Dorata?

di - | aggiornato

In Game of Thrones 8 ha un ruolo fondamentale per volontà di Cersei, ma che cos'è la Compagnia Dorata? Da dove arriva e perché combatte?

16 condivisioni 0 commenti

Condividi

La Compagnia Dorata è uno degli eserciti di cui abbiamo sentito parlare in modo ricorrente, durante le stagioni di Game of Thrones. Nel corso dell'ultima, lo schieramento mercenario sembra destinato a giocare un ruolo chiave nello scacchiere di Westeros, ma chi sono gli uomini che la compongono e perché combattono?

La Compagnia Dorata di Essos

La Compagnia Dorata è un gruppo militare mercenario che offre i suoi servigi a chi è in grado di pagare di più per averli. La truppa non segue quindi ideali politici, ma semplicemente il compenso. Per questo motivo, nel corso delle stagioni, abbiamo visto alcuni personaggi non fidarsi di loro — come ad esempio Stannis Baratheon, che si rifiutò di ingaggiarli per rimpolpare il suo esercito.

Il capitano Harry Strickland in Game of Thrones 8x01HDHBO
Il comandante Harry Strickland, a capo della Compagnia Dorata

In realtà, nonostante i mercenari abbiano la fama di tradire il loro cliente in caso di offerta superiore da parte dell'avversario, la Compagnia Dorata ha reso il fatto di non aver mai rotto un contratto prima di averlo completato il suo slogan e la sua ragione d'essere.

Guidata dal capitano Harry Strickland, la truppa mercenaria è composta da 20mila uomini (nei romanzi di George R. R. Martin erano però 10mila) e 2mila cavalli. Conta, inoltre, su diversi elefanti ma, come abbiamo appreso nel primo episodio di Game of Thrones 8, non è stato possibile portarli a Westeros, nonostante le richieste della regina Cersei Lannister.

Uno scatto di Cersei da Game of Thrones 8x01HDHBO
La regina Cersei Lannister in compagnia di Euron Greyjoy, che le ha portato la Compagnia Dorata

Il ruolo della Compagnia Dorata

Attenzione! Possibili spoiler!

Dopo anni in cui sono state provate da lunghe guerre, le truppe a disposizione dei Lannister e di Cersei iniziavano a scarseggiare. Per questo motivo, già nel corso della stagione 7, la regina diede mandato a Euron Greyjoy di raggiungere il continente di Essos, a est di Westeros, per ingaggiare la Compagnia Dorata e metterla al suo servizio.

L'oneroso investimento da parte della regnante ha portato ai suoi frutti quando, nell'episodio 1 di Game of Thrones 8, abbiamo assistito allo sbarco dell'esercito mercenario presso Approdo del Re. Dopo essersi rifiutata di inviare i suoi uomini al Nord per aiutare i vivi nella Battaglia di Grande Inverno, quindi, Cersei può ora contare su un esercito sterminato, che le ha dato la forza militare necessaria a prepararsi all'attacco di Daenerys.

I Dothraki prima della battaglia di Grande InvernoHDHBO
L'immenso esercito di Dothraki (evidenziato dalle fiamme) schierato a protezione di Grande Inverno prima della battaglia, sotto lo sguardo delle sorelle Stark

La Madre dei Draghi, che vuole impadronirsi del Trono di Spade, aveva dalla sua un khalasar di 100mila Dothraki, ma questi sono stati in larga parte uccisi durante gli scontri con il Re della Notte alle porte di Grande Inverno.

L'altra larga parte dell'esercito di Daenerys è costituita dagli Immacolati, che contavano originariamente su circa 13mila uomini. Anche in questo caso, però, abbiamo appreso che sono stati dimezzati dopo la Battaglia di Grande Inverno.

Gli Immacolati in Game of ThronesHDHBO
Gli Immacolati, capeggiati dal comandante Verme Grigio, il fedelissimo esercito di Daenerys

Ne sapremo indubbiamente di più nel corso del quinto episodio di Game of Thrones 8, quando il clima si farà decisamente caldo, per le vicende di Westeros. L'appuntamento è fissato per lunedì alle ore 3.00 italiane, su Sky Atlantic e Now TV con sottotitoli in italiano.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.