FOX

Spider-Man: Far From Home, come sarà Peter Parker dopo l'addio di Iron Man?

di - | aggiornato

In Spider-Man: Far From Home vedremo Peter Parker affrontare la realtà, quella senza il suo mentore Tony Stark. Troverà il supporto di Happy Hogan e stringerà un'alleanza con Mysterio. Queste e altre notizie dal set del film.

31 condivisioni 0 commenti

Condividi

Il secondo trailer di Spider-Man: Far From Home ha rivelato molte più informazioni sulla pellicola che chiuderà ufficialmente la Fase 3 del Marvel Cinematic Universe. Questa inizierà subito dopo gli eventi raccontati in Avengers: Endgame e introdurrà nuovi iconici personaggi dei fumetti, come Mysterio.

Quello diretto da Jon Watts non sarà semplicemente un film dove si scontreranno bene e male, ma descriverà anche la crescita personale di Peter Parker (Tom Holland), che non sembra trovare un attimo di pace.

Il passaggio del testimone

Spider-Man ha esordito ufficialmente nel MCU con Captain America: Civil War (2016), reclutato da Tony Stark. Il Vendicatore, un idolo per il giovane Parker, diventa il mentore dell'inesperto spararagnatele della Grande Mela.

Un legame davvero forte quello tra i due personaggi (quasi come se fossero padre e figlio), non è quindi difficile immagine lo sconforto e il dolore di Peter dopo la morte di Tony. Quest'ultimo, in Avengers: Endgame, ha sacrificato la sua vita per salvare quella di miliardi di altri esseri viventi, rubando a Thanos le Gemme dell'Infinito e schioccando le dita per ridurre in polvere tutti i nemici.

Il secondo trailer di Spider-Man: Far From Home si apre proprio con il dolore di Peter, che rivolgendosi a Happy Hogan afferma:

Dovunque mi giro, vedo la sua faccia. Mi manca moltissimo.

Questo è passaggio fondamentale non solo per il film, ma per l'intero futuro del MCU. La spalla del genio di New York, infatti, consegna il testimone al giovane del Queens. L'eredità di Iron Man è sua:

Tony non ha fatto quello che ha fatto senza la certezza che tu avresti continuato dopo la sua morte.

Happy Hogan e Peter Parker in una scena del secondo trailer di Spider-Man: Far From HomeHDSony Pictures / Columbia Pictures / Marvel Studios

Dopo la morte di Tony, sarà proprio il personaggio interpretato da Jon Favreu a doversi impegnare per tenere Peter al sicuro. I due dovranno quindi trovare un modo per lavorare come un vero team, possibilmente affiatato. Ma sotto l'ala protettiva di Hogan ci saranno anche gli amici di Peter, anche loro in pericolo, come ha dichiarato lo stesso attore e regista intervistato sul set del film:

Tutti questi ragazzi sono sotto la mia responsabilità, perché essendo amici di Peter, sono trascinati in un mondo che è molto più pericoloso di quelle esperienze da liceali che questi ragazzi dovrebbero vivere.

La presenza di Tony Stark in Spider-Man: Far From Home si farà dunque certamente sentire. Ci sarà il Jet delle Stark Industries, Peter Parker indosserà il costume Iron-Spider creato da Tony Stark (lo stesso di Avengers: Infinity War e Avengers: Endgame), e Happy Hogan avrà un ruolo importante. Questa è effettivamente parte dell'eredità di Tony.

Mysterio, una nuova guida per Peter?

Dopo aver visto il secondo trailer di Spider-Man: Far From Home in molti, soprattutto coloro che hanno letto qualche fumetto sullo spararagnatele, avranno pensato: "Ok, qui c'è qualcosa di strano". E di strano c'è effettivamente qualcosa.

Ciò che attualmente sappiamo è che Spider-Man viene reclutato da Nick Fury per stringere un'alleanza con qualcuno proveniente da un altro universo, proprio Quentin Beck, alias Mysterio. Nella clip quest'ultimo rivela a Peter l'esistenza del multiverso, ma ciò che sbalordisce è che l'illusionista sembra essere dalla parte dei buoni, giunto su Terra-616 per eliminare gli Elementali e salvare il mondo. Quentin... non ce la conti giusta!

La stretta di mano tra Peter Parker e Quentin Beck nel secondo trailer di Spider-Man: Far From HomeHDSony Pictures / Columbia Pictures / Marvel Studios

Supposizioni a parte, ha parlato del personaggio interpretato da Jake Gyllenhaal (storico membro dei Sinistri Sei) il regista Jon Watts, che così fornisce qualche dettaglio interessante:

Mysterio esordisce nei fumetti come un eroe. Mi ispiro sempre alla fonte e a ciò che ha reso inizialmente emozionante quel personaggio.

Volevo portare sul grande schermo un personaggio mai visto prima. Tra tutti i grandi ed iconici nemici di Spider-Man, lui è balzato al primo posto. Considerando chi è, cosa potrebbe o non potrebbe fare, è davvero aperto a tante possibilità per il tipo di storia che possiamo raccontare su di lui. Quindi, è stato facile intuire che quella di Mysterio sarebbe stata una buona aggiunta per l'universo.

Ma se Mysterio è dalla parte dei buoni, quale minaccia dovrà affrontare Spider-Man? Il commento del regista su Hydro-Man, Molten Man e altri villain ancora non svelati:

Dato che Mysterio recita la parte dell'eroe in questa storia, avevamo bisogno di veri antagonisti in grado di mettere in pericolo Peter. Volevo alzare la posta in gioco rispetto al precedente capitolo. Con l'Avvoltoio è stata una sfida uno contro uno, un nemico maccanizzato. Ma con Spider-Man hai la possibilità di osare molto di più. L'abbiamo visto combattere contro avversari molto più grandi, in scene spettacolari. Per fare ciò ho pensato di lanciare nella mischia nemici che alcuni definiscono di serie B, ma ho sempre amato Hydro-Man e Molten Man e la sua abilità di diventare un gigante, una creatura elementale per Spider-Man contro cui lottare.

In un'altra recente intervista, Jon Watts ha definito Mysterio lo zio figo di Peter, non un mentore ben più severo come Tony Stark. In attesa di stravolgimenti di ogni sorta, la prima impressione è che l'illusionista sembra avere ottime intenzioni e potrebbe dunque diventare una nuova guida per Peter, un esempio da seguire. Sarà davvero così?

Il mondo ha sempre bisogno di Spider-Man

Nemmeno dopo la scombussolata parentesi rappresentata da Avengers: Endgame Peter Parker riuscirà a godersi un momento di tranquillità. L'obiettivo dichiarato è quello di vivere una vita normale, almeno per qualche giorno, magari con una vacanza in giro per l'Europa. Ma quando c'è Nick Fury di mezzo, addio sogni di gloria...

Intervistato sul set di Spider-Man: Far From Home, Tom Holland ha parlato del nuovo Spider-Man, quello segnato dal doppio scontro con Thanos e dalla perdita di un pilastro della sua vita da superoe:

Alla fine, si tratta sempre di salvare persone e fare la cosa giusta.

In questo film, il mondo è in pericolo. Credo che Avvoltoio fosse un nemico meno pericoloso, la situazione era sotto controllo. Molte persone non lo sanno, ma questo è un evento che riguarda il mondo intero. Per lui [Peter] c'è molto di più in gioco e credo che lo capisca, e ciò significa che deve dare davvero tutto. Il punto del film è che Peter Parker vorrebbe dire alla ragazza [MJ] che la ama e godersi una bella vacanza. Ma tutto viene rovinato.

Una vacanza se la meritano tutti, ma - citando Ben Parker - "da un grande potere derivano grandi responsabilità". Così continua l'attore britannico:

Questo film è sul fatto che lui vorrebbe staccare la spina per un po' ma le responsabilità dell'essere Spider-Man prendono poi sempre il sopravvento. Ed è una cosa abbastanza divertente, perché nel primo film abbiamo mostrato come Peter amasse i suoi poteri e il suo alter-ego.

Non è possibile prendersi una vacanza quando sei un supereroe e hai il dovere di salvare vite.

Quello di Peter in Spider-Man: Far From Home sarà un viaggio emozionale, la storia di un singolo da non considerare nel contesto di un universo più ampio. Così Jon Watts commenta il confronto tra il suo prossimo film e Avengers: Infinity War e Avengers: Endgame avanzato da alcuni organi di stampa:

No, non bisogna pensare alla storia inserita nel contesto di un universo più vasto, ma in quello del viaggio emozionale di Peter Parker. Dov'era l'ultima volta? Dove è finito? Dove andrà?

Anche Zia May (Marisa Tomei) tornerà in Far From Home, ma che tipo di rapporto avrà con suo nipote dopo aver scoperto la sua identità segreta? Sarà di supporto, rivela Tom Holland:

È comprensiva, capisce quali sono le capacità di suo nipote. Sa che è al sicuro, per la maggior parte delle volte. Quando agisce come amichevole Spider-Man di quartiere, i pericoli sono pochi, ma quando affronta minacce più grandi, allora credo che lei si preoccupi come se fosse nel primo film.

Spider-Man: Far from Home (2019)

Data uscita in Italia: 10 luglio 2019
  • Titolo originale: Spider-Man: Far from Home

  • Genere: Avventura, Azione, Commedia, Fantascienza, Supereroi

  • Nazione: Stati Uniti d'America

  • Regista: Jon Watts

  • Cast: Tom Holland, Zendaya, Jake Gyllenhaal, Jacob Batalon, Marisa Tomei, Samuel L. Jackson, Cobie Smulders, Jon Favreau, Michael Keaton, Tony Revolori, ...

Spider-Man: Far From Home arriverà il 10 luglio nelle sale cinematografiche d'Italia. Come vi aspettate sia cambiato il mondo del MCU dopo Avengers: Endgame? Vi convince la figura di Mysterio o credete che le sue azioni abbiano un secondo fine?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.