FOX

A Livorno una statua per Bud Spencer

di - | aggiornato

A quasi 3 anni dalla morte l'Italia si ricorda finalmente di Bud Spencer: una via intitolata nel comune di Fontevivo e una statua a Livorno dedicata a Carlo Pedersoli.

La statua dedicata a Bud Spencer pagina Facebook In onore di Bud Spencer / Fabrizio Galli

279 condivisioni 0 commenti

Condividi

L'Italia s'è desta nel ricordare una delle icone nazionali del cinema mondiale: a quasi 3 anni dalla scomparsa di Bud Spencer arrivano (finalmente) i primi omaggi all'attore che, in solitaria oppure al fianco di Terence Hill, ha fatto ridere più di una generazione prendendo a schiaffi e cazzotti i prepotenti.

Qualche anno fa la città di Budapest aveva reso omaggio a Carlo Pedersoli, al secolo Bud Spencer, con una mastodontica statua in bronzo. E mentre in Sassonia si celebra il mito di Hill con un museo di due piani dedicato all'attore, dalle nostre parti ci si ricorda dell'attore italiano più conosciuto al mondo (a dirlo fu un sondaggio qualche anno fa). Prima una via intitolata a Pedersoli/Spencer nel comune di Fontevivo, nel parmense, ora una statua dedicata al gigante del grande schermo che verrà inaugurata il prossimo 2 giugno a Livorno.

La locandina dell'evento dedicato a SpencerHDIn onore di Bud Spencer / Facebook

Livorno e il litorale toscano: Bud Spencer girò lì Bulldozer e Bomber

A promuovere l’iniziativa è la pagina Facebook "In Onore di Bud Spencer" con il Patrocinio e la collaborazione del Comune di Livorno e dell’ Assessorato alla Cultura e di quello allo Sport che intende realizzare sul lungomare al termine di Viale Italia un monumento in onore dell’attore nei luoghi della sua vita e dei suoi film.

A realizzare l’opera il famoso carrista viareggino Fabrizio Galli che creerà in vetroresina dipinta con un armatura in ferro una riproduzione a grandezza naturale (192 cm per 130 kg) del mito del cinema raffigurato nelle vesti di “lupo di mare” e che avrà ai suoi piedi un borsone semi aperto, da cui usciranno in parte un casco da football americano e due guantoni da pugilato, che ricordano così i due film ambientati nella zona con un forte legame allo sport. Le pellicole, dei veri e propri cult, sono Lo chiamavano Bulldozer e Bomber, girate rispettivamente nel 1978 e nel 1982 da Michele Lupo. In quei due film, con Spencer orfano di Hill, furono i vari Raimund Harmstorf, Jerry Calà, Giovanni Vettorazzo e Nando Paone i partner del gigante buono del cinema, con le musiche di Guido e Maurizio De Angelis a scandire invece il tempo della narrazione.

L'omaggio a Baud Spencer sarà possibile solo grazie alla partecipazione da parte dei fans: il traguardo della campagna crowdfunding da raggiungere è di 20.000 euro, cifra che, esclusi i costi delle singole ricompense, servirà a ricoprire tutte le fasi della realizzazione del monumento (materiali, attrezzature, trasporto, collocazione statua, ecc) effettuate materialmente dall’artista e dai professionisti che assisteranno al compimento dell’opera fin dalla progettazione.

In cambio della somma inviata sarà possibile ricevere un gadget dedicato all'attore: dalla marmellata Puffin (che forza e grinta darà) alle t-shirt del merchandising ufficiale, passando per le birre artigianali Charlie e Johnny Firpo ispirate al film Pari e Dispari.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.