FOX

La Cina blocca tutte le versioni di Wikipedia

di - | aggiornato

In occasione del trentesimo anniversario della protesta di piazza Tienanmen, la Cina ha bloccato totalmente Wikipedia. L'enciclopedia non è raggiungibile in una nessuna versione.

Logo e slogan di Wikipedia Wikimedia Foundation

19 condivisioni 0 commenti

Condividi

Wikipedia non è certamente il sito più amato dal governo cinese. L'enciclopedia digitale è stata bloccata in vari modi nel corso degli anni, ma prima di ora non era stata mai completamente oscurata.

Stando a quanto riportato dall'Open Observatory of Network Interference (OONI), la Cina ha reso Wikipedia inaccessibile da aprile, e in tutte le lingue in cui è disponibile la piattaforma. I motivi del blocco sono attualmente sconosciuti, ma potrebbe non essere un caso che tutto ciò sia avvenuto a distanza di poche settimane dal trentesimo anniversario della protesta di piazza Tienanmen.

Quello della Primavera democratica cinese è considerato in occidente come uno degli eventi più importanti del ventesimo secolo, ma non per la Cina. Molti documenti relativi alla protesta sono stati infatti occultati e le autorità operano costantemente per censurare le notizie sullo storico avvenimento. Il blocco di Wikipedia nel paese potrebbe dunque essere una delle tante conseguenze di questa politica.

Ma perché il governo cinese non ha oscurato solo le pagine riguardanti la protesta? Perché Wikipedia è passata ormai da qualche anno al protocollo HTTPS, che impedisce di tenere traccia della navigazione sul suo portale. Le autorità cinesi non possono quindi controllare quali singole pagine gli utenti consultino, e hanno deciso di estirpare il problema alla radice, ovvero rendendo l'enciclopedia completamente irraggiungibile.

La libertà di Internet sembra ancora essere un'utopia in Cina. È risaputo infatti che il governo ha il pieno controllo dei contenuti pubblicati su motori di ricerca, social network e addirittura nelle chat 'private', e il blocco di Wikipedia è solo l'ultima dimostrazione di tale potere.

Fonte Engadget

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.