FOX

[Spoiler!]

Game of Thrones 8: cosa c'è davvero a ovest di Westeros?

di - | aggiornato

Nel finale di Game of Thrones, abbiamo scoperto che un personaggio ha potuto finalmente coronare il suo sogno di esplorare cosa si trovi a ovest di Westeros. La domanda sorge da sé: cosa troverà durante i suoi viaggi? E perché ci vuole andare?

84 condivisioni 0 commenti

Condividi

C'è un grande mistero, che alberga nel mondo di Game of Thrones: nessuno, né nella serie TV né nei romanzi di George R. R. Martin, sa dire con certezza cosa si trovi a ovest di Westeros. Sono state diverse le spedizioni che hanno cercato di far luce sulla questione, non riuscendo pienamente nell'intento. Serviva qualcuno di temerario per provarci ancora e, come abbiamo visto nel finale della serie firmata HBO, quel qualcuno è stato trovato ed è appena salpato per la vita che voleva.

Attenzione! Possibili spoiler!

Il viaggio di Arya Stark

Dopo la conclusione delle vicende dei Sette Regni, con Bran Stark sul trono dei Sei Regni e Sansa Stark su quello del Nord, Arya Stark può finalmente assecondare l'ultimo consiglio di Sandor: dedicare la sua vita a ciò che vorrebbe fare, non a vendicarsi. "Prima di partire per un viaggio verso la vendetta, scava due tombe", diceva Confucio, ed è proprio il messaggio che il Mastino ha passato alla giovane eroina di Grande Inverno.

Rory McCann e Maisie Williams in Game of Thrones 8x05HDHBO
Sandor ferma Arya prima che il tentativo di uccidere Cersei le costi la vita

Spogliata della sua vendetta prima che potesse uccidersi nel tentativo di compierla, Arya accetta di tenere le armi al fianco, non strette forte tra le dita, e decide di realizzare quel desiderio che aveva già espresso nel corso della sesta stagione. Ferita dall'orfana a Braavos, la ragazza veniva soccorsa da Lady Crane e domandava proprio alla donna "cosa pensi che ci sia a ovest di Westeros?". Quando lei gli rispondeva che c'è probabilmente la fine del mondo, Arya replicava "mi piacerebbe vederlo".

Da allora, quel suo temerario desiderio è stato soffocato dalla sua vendetta da compiere. Fino all'epilogo. Nel montaggio alternato finale dedicato ai tre Stark che iniziano la loro nuova vita, vediamo Arya portare con sé, immancabilmente, Ago e la daga simbolo delle morti di Lord Baelish e del Re della Notte. La ragazza si trova a bordo di una nave fregiata del simbolo degli Stark, nella polena e nelle vele, mentre salpa proprio verso il Sunset Sea, quello a ovest di Westeros, per scoprire cosa l'attenda al di là del mondo conosciuto.

Maisie Williams in Game of Thrones 8x06HDHBO
Arya Stark salpa verso l'ignoto nel finale di Game of Thrones

Si tratta di un'avventura che in diversi hanno tentato, con esiti differenti e a volte fatali. Ma può l'eroina di Grande Inverno lasciarsi spaventare dall'ignoto nascosto oltre il mare? Conosciamo già tutti la risposta.

Cosa troverà Arya a ovest di Westeros?

Questa, invece, è una risposta difficile da dare. Né la serie TV né i romanzi hanno mai spiegato con certezza cosa ci sia all'altro lato del mare che bagna le coste occidentali di Westeros. Secondo George R. R. Martin, però, il mondo è un geoide, come la Terra, il che significa che se non ci fosse nessun altro continente, si arriverebbe dall'altra parte, ossia a Essos.

Non sembrerebbe però questo il caso: se Westeros è la Britannia ed Essos è visto come l'Eurasia, vale la pena ricordare che nell'immaginario di Martin c'è anche un altro continente, a sud di Essos, chiamato Sothoryos. La struttura sembra ricordare quella della Terra, il che potrebbe suggerirci che a Occidente ci sia un continente simile all'America – un vero e proprio nuovo mondo, per chi arriva da Westeros.

La mappa di Westeros ed EssosHDGame of Thrones Fandom
Le terre conosciute del mondo di Game of Thrones

Chi ha tentato il viaggio prima di Arya è riuscito ad arrivare ad alcune piccole regioni, che sono state battezzate Aegon, Visenya e Rhaenys. Altri, invece, non sono riusciti nell'intento: per restare all'interno della dinastia Stark, c'è un antenato di Arya, Brandon Stark, che partì con la flotta del Nord e non riuscì mai a tornare a casa. La sua scomparsa fu così dolorosa e compianta che suo figlio, Brandon (sì, è un nome diffuso nella dinastia) decise di bruciare quel che rimaneva della flotta per evitare che qualche altro Stark riprovasse la medesima avventura. Una ruota che Arya ha deciso di interrompere.

Perché Arya parte per il Sunset Sea?

Arya Stark non ha mai voluto essere una lady. Fin da quando era solo una bambina, la più giovane delle figlie di Lord Eddard Stark è sempre stata una vera e propria scheggia impazzita, difficile da gestire per il suo essere indomita e combattiva. Mentre tentava di imparare a ricamare, veniva descritta come una bambina con le mani "delicate come quelle di un fabbro ferraio". Una battuta che, alla luce del suo debole per Gendry, suona sicuramente azzeccata.

Assecondata da suo fratello (cugino) Jon e da suo padre Ned, Arya ha potuto però seguire la sua vocazione: è più brava a combattere di molti ragazzi, nonostante le regole dovrebbero vietarle di addestrarsi all'uso della spada e dell'arco, in cui eccelle. Con le lame, soprattutto grazie alle lezioni del maestro Syrio Forel. Anni dopo, a Grande Inverno con Sansa, Arya ricordava i momenti in cui suo padre la vide tirare con l'arco di nascosto e raccontava alla sorella:

Sapevo che quello che stavo facendo era contro le regole, ma lui stava sorridendo, quindi sapevo che non era così sbagliato. Le regole, erano sbagliate.

Maisie Williams e Sean Bean in scenaHDHBO
Con naturalezza, Arya diceva a suo padre di non avere nessuna intenzione di essere una lady

Già questo, ci spiega uno dei motivi per cui Arya decide di rifiutare di diventare una lady, tanto meno una lady di qualcun altro. Se Jon sarà il carismatico leader dei Popoli Liberi, Sansa la regina delle genti del Nord, Brandon il re dei Sei Regni, Arya diventa semplicemente la regina della sua vita – che è la sola cosa che abbia mai voluto davvero, prima di vedersi strappare ogni altra cosa dal bisogno di vendicare la sua famiglia. Suo padre voleva garantirle una vita da sposa di qualche lord, lei rispondeva "quella non sono io".

La natura indomita di Arya è stata ricordata, casomai ce ne fosse bisogno, anche in una scena chiave della stagione 7: il suo incontro con Nymeria. La metalupa, che la ragazza era stata costretta ad abbandonare sul cammino per Approdo del Re, per evitare che venisse uccisa, si rifiuta di tornare a casa con lei. Ha la sua vita, che vive nei suoi termini, e Arya non potrebbe riportarla e rinchiuderla a Grande Inverno. "Non sei tu", commentava la ragazza, rendendosi conto che, come tutti i metalupi dei suoi fratelli, anche la sua Nymeria era diventata esattamente uguale alla proprietaria che l'aveva cresciuta.

Mentre le altre ragazze, come Sansa, si sentivano affascinate da storie di corte e principi, Arya ha lasciato tutti di sasso proprio quando ha scelto il nome del suo metalupo. Nymeria, infatti, è una donna combattente, principessa di Rhoynar, di cui la giovane Stark ha scoperto le gesta e ha fatto una sorta di idolo. Questo, ci porta alla conclusione che un altro dei personaggi storici che hanno dato ulteriore respiro al temperamento indomito di Arya potrebbe essere la nobile Rhaenys Targaryen, condottiera di draghi che provò a volare oltre il Sunset Set per scoprire cosa si nascondesse a ovest di Westeros.

La meraviglia di Arya alla vista dei draghi, nell'episodio di apertura della stagione 8, ci conferma che si tratta di una storia che probabilmente la ragazza conosce. Non è tutto: in precedenza, anche Elissa Farmen (conosciuta anche come Alys Westhill) riuscì, vendendo delle uova di drago, a procurarsi una nave per viaggiare al di là del Sunset Sea. Secondo un marinaio, la sua nave venne vista attraccare ad Asshai, al confine orientale di Essos, ma nessuno sa cosa la donna abbia trovato durante il tragitto, né se fosse davvero lei.

Maisie Williams e Kit Harington in Game of Thrones 8x06HDHBO
Arya e Jon si salutano prima che lei parta per il mare e lui per la Barriera

Importanti donne della storia di Westeros hanno tentato l'impresa, prima di Arya, non piegandosi a ciò che ci si sarebbe aspettato dal loro status di lady, di principesse, di donne di alto lignaggio. Hanno scelto di combattere e scoprire, e le loro gesta sono giunte fino alla giovane lupa. E chissà che, un giorno, proprio quelle di Arya Stark, salvatrice dei vivi, non arrivino a una futura generazione di temerarie e coraggiose donne combattenti che vorranno a loro volta decidere di per sé della loro vita.
Che, magari, si imbatteranno in una metalupa e la chiameranno Arya.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.