FOX

Plutone nasconde un oceano sotterraneo protetto da metano gassoso

di - | aggiornato

Uno studio condotto da un team di scienziati giapponesi rivela che Plutone nasconde un oceano sotterraneo, protetto dal congelamento grazie alla presenza di una sorta di gabbia di metano gassoso.

Uno scatto di Plutone NASA/JHUAPL/SwRI

16 condivisioni 0 commenti

Condividi

Dopo la recente scoperta del ghiaccio superionico, forma d’acqua fra le più abbondanti del nostro Universo che si troverebbe in uno stadio a metà fra solido e liquido, arriva una notizia destinata a rivoluzionare tutto ciò che sapevamo sul pianeta nano Plutone.

Pare infatti che sul corpo celeste in questione si nasconda un oceano al di sotto della sua superficie ghiacciata, proprio come Europa (quarto satellite naturale di Giove) ed Encelado (sesto satellite naturale di Saturno).

La conferma arriva da uno studio, pubblicato su Nature Geoscience, frutto degli sforzi combinati di ricercatori delle università di Hokkaido, Kobe e Osaka, senza contare anche il contributo dell’istituto universitario scientifico e tecnologico più grande del Giappone, l’Istituto di Tecnologia di Tokyo.

La scoperta è stata resa possibile mettendo insieme dati ricavati da simulazioni al computer, ottenute grazie alle informazioni provenienti dalla sonda spaziale della NASA New Horizons (lanciata nel 2006), sonda che ha scattato le prime foto ravvicinate di Plutone in occasione del sorvolo del pianeta nano, cominciato il 14 luglio 2015.

Il sospetto che su Plutone si trovasse un oceano sotterraneo era già saltato in mente ai ragazzi della NASA, come anche evidenziato da un tweet del 2016 di NASA New Horizons:

Il cuore ghiacciato di Plutone nasconde forse un oceano sotterraneo?

Stando a quanto affermato dai ricercatori giapponesi, l’oceano sarebbe ubicato al di sotto della porzione occidentale di Sputnik Planitia, bacino a forma di cuore grande quanto il Texas e situato intorno all’equatore di Plutone. È proprio in questo punto infatti che la crosta ghiacciata del pianeta è più sottile.

Una foto ravvicinata di Sputnik Planitia, bacino a forma di cuore situato su PlutoneNASA/JHUAPL/SwRI
Uno sguardo ravvicinato a Sputnik Planitia

Il team di scienziati giapponesi rivela inoltre che l’oceano plutoniano è protetto da una sorta di gabbia di metano gassoso, che avrebbe l’importantissimo compito di fare da isolante termico fra la sua superficie ghiacciata e lo specchio d’acqua sotterraneo. In tal modo, si eviterebbe così il congelamento dello specchio d’acqua in questione.

Per gli addetti ai lavori, l’esistenza di “oceani sommersi” nel nostro sistema solare costituirebbe ulteriore prova della possibilità di forma di vita diverse da quelle terrestri, lasciando, perché no, anche qualche speranza in più per l’uomo in costante ricerca di un nuovo corpo celeste in cui insediarsi.

E voi che ne pensate? Vi aspettavate di trovare un oceano nascosto anche su Plutone?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.