FoxCrime

Allison Mack tentò di reclutare almeno un altro membro del cast di Smallville per NXIVM

di - | aggiornato

Alaina Huffman, collega di Allison Mack in Smallvile, ha raccontato che l'attrice l'ha invitata più volte alle riunioni della organizzazione NXIVM. Intanto, il processo a Keith Raniere continua.

Allison Mack prima dell'esplosione dello scandalo NXVIM Getty Images

7 condivisioni 0 commenti

Condividi

Lo scandalo di NXIVM sembra non finire mai. Un altro membro del cast di Smallville ha dichiarato di essere stato oggetto di un tentativo di reclutamento da parte di Allison Mack.

A fare la rivelazione è stata Alaina Huffman (interprete di Dinah Lance/Black Canary), che in una intervista a US Weekly (ripresa da Fox News) ha raccontato di essere stata invitata dalla collega a partecipare alle riunioni del gruppo, ma che gli impegni con la famiglia e il lavoro glielo hanno impedito (fortunatamente): 

Sono stata invitata a diversi incontri ma, poiché all'epoca i miei due bambini erano piccoli, non ho mai avuto tempo e i nostri programmi non sono mai stati allineati. Quindi ho finito per non partecipare.

L'attrice ha aggiunto che una sorta di "sesto senso" le ha suggerito di stare lontana da NXIVM:

Era solo una sensazione. Mi dicevo: 'No, io sto bene'. E mi sono tenuta alla larga. Non so se fosse perché avevo la mia cerchia, non ero particolarmente suggestionabile o vulnerabile. Avevo molti amici, ero sposata e avevo i miei figli.

L'attrice Alaina HuffmanGetty Images
Allison Mack avrebbe provato a reclutare anche Alaina Huffman in NXIVM

D'altra parte, Alaina ha riconosciuto il potere attrattivo di Allison Mack e della organizzazione:

Posso capire l'appeal che esercitava. C'era questa giovane donna di successo che stava vivendo una vita fantastica. Era intrigante. Posso capire come sono state reclutate le persone.

Alla fine, la scoperta del lato (molto) oscuro di NXIVM non l'ha stupita:

Mi sono ritrovata a pensare: 'Mio Dio! Oh, ha senso!'.

Prima di Alaina, un altro membro del cast di Smallville a essere accostato all'organizzazione era stata Kristin Kreuk. L'interprete di Lana Lang è stata indicata come un membro di rilievo di NXIVM, ma la giovane attrice ha negato con fermezza di fare parte della "cerchia ristretta" e di essere una "reclutatrice di schiave sessuali".

Inoltre, sembra che Allison Mack avesse provato a fare entrare nell'organizzazione anche Emma Watson. La star di Smallville ha indirizzato diversi tweet alla celebre collega per parlarle di un "fantastico movimento femminile" di cui faceva parte. Tuttavia, non ha mai ottenuto risposta.

Gli ultimi sviluppi del caso NXIVM

La rivelazione di Alaina Huffman su Allison Mack (che ad aprile 2019 si è dichiarata colpevole di associazione a delinquere e favoreggiamento nel caso NXIVM) è arrivata mentre a New York è in corso il processo al fondatore dell'organizzazione, Keith Raniere.

Come riportano il New York Times e Heroic Hollywood, dal dibattimento sono emerse verità e dettagli scioccanti. In particolare, una serie di conversazioni dell'uomo con l'attrice, in cui il sedicente "guru" conferma di essere (insieme a una cerchia ristretta di fedelissimi, tra cui la ex star di Smallville) l'ideatore della pratica di marchiare a fuoco le adepte della congregazione chiamata DOS (Dominos Obsequious Sororium, ovvero Signori delle donne schiave), una vera e propria setta all'interno di NXIVM.

Nelle registrazioni, Raniere si consulta con Mack su come dovrebbe essere eseguita la procedura e scende nei dettagli di quella che è la sua visione:

Pensi che la persona che viene marcata dovrebbe essere completamente nuda e tenuta su un tavolo, come in una sorta di rito sacrificale? [...] Le gambe devono essere divaricate, con i piedi tenuti ai lati del tavolo. Le mani probabilmente sopra la testa, come se fossero legate.

L'uomo prosegue dicendo che il rituale deve apparire volontario (però aggiungendo che registrare la procedura potrebbe garantire una ulteriore "garanzia" di fedeltà):

La persona dovrebbe chiedere di essere marchiata. Dovrebbe dire: 'Per favore, marchiami, sarebbe un onore' - o qualcosa del genere - 'un onore che voglio portare addosso per il resto della mia vita'. [Il marchio dovrebbe evocare, n.d.r.] un sentimento di sottomissione. E dovrebbe dirlo prima di essere bloccata, in modo che non sembri che sia stata costretta. 

Raniere chiede anche ad Allison Mack cosa ha provato quando è stata lei a sottoporsi al rituale e l'attrice dimostra totale assoggettamento all'uomo:

Penso che una delle cose più significative sia stata quella che mi ha detto [nome non udibile, n.d.r.] mentre eseguivamo la procedura: 'Pensa al tuo padrone e all'amore per il tuo padrone. Pensa al dolore e collegalo all'amore per il tuo padrone'.

Inoltre, in un'altra registrazione, il sedicente guru dichiara che il marchio è "molto direttamente correlato" alle sue iniziali.

Parole che sconfessano quanto affermato in precedenza da Raniere, che aveva ritenuto "importante chiarire che la sorellanza [di DOS, n.d.r.] non fa parte di NXIVM" e lui non era "associato al gruppo". Peraltro, sottolineando che "uno psichiatra forense di fama internazionale, psicologi ed ex membri delle forze dell'ordine" avevano condotto un'indagine indipendente sulla sorellanza per conto dei leader e non aveva riscontrato alcun tipo di illecito.

L'uomo aveva anche provato a prendere le distanze dal marchio, dicendo che rappresentava lettere dell'alfabeto greco, i 7 chakra e i 4 elementi.

Al momento, Keith Raniere continua a professarsi innocente. Se sarà riconosciuto colpevole, rischia il carcere a vita.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.