FOX

Il Vietnam multa la fashion designer Ngoc Trinh per il vestito troppo audace a Cannes 2019

di - | aggiornato

Una stilista vietnamita rischia di dover pagare una multa salata per l’abito indossato sul red carpet di Cannes, troppo sexy ed esplicito per le dure leggi del paese.

Ngoc Trinh a Cannes Getty Images

9 condivisioni 0 commenti

Condividi

Un abito particolarmente sexy e audace ha scatenato polemiche in Vietnam.

La stilista 29enne Ngoc Trinh il 19 maggio si è presentata sul red carpet di Cannes, per la prima di A Hidden Life, con un abito scintillante che ha lasciato davvero poco all’immaginazione.

Si trattava di una mise aderente e trasparente, con una gigantesca scollatura sulla schiena, il lato B in primo piano, velato solo da una striscia sottilissima di tessuto, uno spacco abissale e lo stesso materiale trasparente sul décolleté, dove si affacciava l'ormai classico topless velato. Anche la gonna, realizzata con una miriade di minuscole perline, lasciava completamente scoperte le gambe. L’ensemble è stato abbinato dalla fashion designer a un paio di scarpe con il tacco nere, altissime.

Tutto questo avrebbe scandalizzato il Vietnam, come riporta Page Six, proprio perché il long dress a malapena nascondeva le parti intime.

Secondo un rapporto ufficiale, riportato da Vietnam Express, Nguyen Ngoc Thien, ministro della cultura, sport e turismo del Vietnam, si sarebbe espresso in modo molto duro sulla mise della stilista, definendo l’abito “improprio, offensivo, tanto da causare l’indignazione pubblica”.

Le leggi del paese impongono sanzioni pecuniarie a chi scopre in pubblico parti del corpo e purtroppo l’exploit sensuale di Ngoc Trinh non ha fatto eccezione, in quanto la donna non è considerabile come “un’artista”, caso particolare in cui il ministero potrebbe concedere qualche centimetro in più.

Ngoc Trinh sul red carpet di CannesGetty Images
La discussa mise di Ngoc Trinh

Secondo quanto riferito, Thien avrebbe ordinato ai funzionari di indagare sulla stilista per accertare eventuali violazioni delle severe leggi del Vietnam sulla decenza pubblica.

Vietnam Express ha segnalato che il pubblico vietnamita avrebbe espresso opinioni negative sul vestito scelto dalla designer, che a parere di alcuni avrebbe dovuto rappresentare il proprio Stato. Il Vietnam, però, si dissocia dalle sue scelte stilistiche.

A quanto pare, i commenti più frequenti che sono fioccati sull’outfit hanno definito il vestito “grossolano”, “strano” e “sessualmente esplicito”.

Ngoc Trinh a CannesGetty Images
L'abito succinto di Ngoc Trinh

Non sappiamo ancora come si evolverà la vicenda. Il Vietnam è noto per punire con multe salate chi indossa abiti succinti in pubblico. È probabile che sia questa la sorte che toccherà a Ngoc Trinh.

La mise della designer ha ricevuto commenti indignati solo in Vietnam. Nelle altre parti del mondo, il suo look è stato lodato. Come riporta Next Shark, la Trinh tornando indietro non cambierebbe abito.

Ho ricevuto molte lodi per il mio abito. Non mi interessa se la gente lo critica, perché mi sono sentita bella, e la mise ha fatto una buona impressione sul red carpet di Cannes. Non posso soddisfare il mondo intero.

Che ne pensate?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.