FOX

Nikolaj Coster-Waldau difende D&D dalla 'stupida' reazione al finale di Game of Thrones

di - | aggiornato

Nikolaj Coster-Waldau, attore che è stato Jaime Lannister in Game of Thrones, ha difeso gli showrunner David Benioff e D. B. Weiss dalle martellanti critiche ricevute dalla stagione finale, che hanno ferito attori e produzione.

18 condivisioni 0 commenti

Condividi

La stagione finale di Game of Thrones, andata in onda in sei episodi tra aprile e maggio, è senza dubbio quella che ha diviso maggiormente i fan della serie TV targata HBO. Non tutti hanno apprezzato la direzione degli eventi, altri hanno criticato i tempi della narrazione, altri si sono scagliati contro le scelte di fotografia che hanno caratterizzato la più lunga battaglia mai comparsa sul piccolo e sul grande schermo, nell'episodio 3.

Le critiche sono andate dalla petizione di protesta che voleva spedire nell'oblio la stagione per rifarla come se niente fosse alla goliardia di chi ha fatto finire in cima ai risultati di Google la foto degli showrunner David Benioff e D. B. Weiss sotto la parola chiave "pessimi scrittori". Altri ancora si sono lasciati andare puramente all'insulto, ormai una costante dell'epoca della Rete, al punto che lo scrittore George R. R. Martin non ha mancato di far notare come si tratti di un comportamento tossico.

Nikolaj Coster-Waldau in un primo pianoHDGetty Images
Nikolaj Coster-Waldau è stato Ser Jaime Lannister per 55 episodi in Game of Thrones

Sulla questione si è espresso anche Nikolaj Coster-Waldau, attore danese che ha vestito i panni di Jaime Lannister nelle otto stagioni di Game of Thrones. Ospite nel corso di un panel per l'evento Con of Thrones a Nashville, come raccontato da Huffington Post, l'attore si è prestato a rispondere alle domande dei fan, toccando anche l'argomento delle critiche e degli insulti.

Criticare, non insultare

Coster-Waldau ha sottolineato di essere felicissimo di aver fatto parte di uno show entrato a tal punto nel cuore delle persone da spingerle a creare una petizione. Significa, secondo l'attore, che l'affetto per i personaggi e gli eventi di Westeros ha raggiunto livelli altissimi, al punto da voler cambiare il corso delle vicende perché non sono andate come alcuni fan prevedevano o si auguravano:

Siamo davvero fortunati ad aver fatto parte di uno show di cui le persone si curano così tanto, al punto che si arrabbiano se le cose non vanno come vogliono loro. È fantastico, amo [ride, n. d. r.] che abbiano creato una petizione perché volevano far riscrivere la stagione.

Critiche e trovate goliardiche sono però diverse dall'insulto a cui molti si sono lasciati andare. Un atteggiamento che l'attore danese ha voluto mettere in evidenza davanti ai fan, per sottolineare che molti dello staff, attori compresi, sono stati feriti da questi commenti:

Per ogni stagione ci sono sempre state tantissime attenzioni e tantissime discussioni, ma per quella finale si sono raggiunti livelli straordinari. Noi attori abbiamo questo gruppo su WhatsApp e ho visto alcuni di noi rimanerci veramente male, perché alcune di queste cose che giravano erano feroci. Non devi fare l'errore di cominciare a leggere tutta quella me*da, perché sì, molti di voi si arrabbiano parecchio per le cose – anche molti di voi che siete qui, sono sicuro – quindi scrivete cose tipo 'andate a fa**ulo, co***ni. Non è questo quello che succederà! Hanno fatto a pezzi il mondo di George, hanno rovinato tutto!'. Per voi magari è solo divertente, ma molte persone se la sono presa.

Nikolaj Coster-Waldau nei panni di Jaime LannisterHBO
Jaime Lannister in Game of Thrones

L'attore non vuole che i fan che hanno esagerato si sentano in dovere di chiedere scusa, precisa. Voleva però che sapessero come gli attori che hanno dato vita ai personaggi di Game of Thrones hanno vissuto la cosa:

Abbiamo avuto addosso quella strana sensazione di 'ma che diavolo? Abbiamo lavorato così duramente'. Non vi sto chiedendo di dispiacervi, non è quello che sto dicendo. Sto solo dicendo come è stato per noi affrontare tutta questa cosa.

Coster-Waldau su D&D: nessuno teneva alla stagione finale quanto loro

Nikolaj Coster-Waldau ha parlato anche specificamente degli insulti riservati a David Benioff e D. B. Weiss: diversi fan si sono scagliati particolarmente contro la loro decisione di chiudere gli eventi di Game of Thrones in sei episodi, giungendo alla conclusione che i due showrunner volessero semplicemente liberarsi il prima possibile di Jon Snow e compagni per passare ad altri lavori, come Star Wars.

Niente di più sbagliato, per Ser Jaime, che non le manda a dire e definisce stupido questo ragionamento:

Che qualcuno possa anche solo immaginare che i due creatori dello show non siano i più appassionati, i più grandi, i più coinvolti di tutti in questo progetto, che qualcuno ritenga anche solo per un secondo che non abbiano passato gli ultimi dieci anni a pensare a come terminare il tutto, è una cosa abbastanza stupida.

Alcuni dei maggiori protagonisti di Game of Thrones con D&D e George R. R. MartinHDGetty Images
Da sinistra: Michelle Fairley (Catelyn Stark), Maisie Williams (Arya Stark), Sophie Turner (Sansa Stark), Kit Harington (Jon Snow), lo scrittore George R. R. Martin, Peter Dinklage (Tyrion Lannister), Nikolaj Coster-Waldau (Jaime Lannister), Lena Headey (Cersei Lannister) e gli showrunner David Benioff e D. B. Weiss

Visto che gli insulti gratuiti hanno ferito gli attori, Coster-Waldau ha ricordato ai fan che anche gli showrunner leggono i commenti degli spettatori, che gliene hanno riservato di ogni sorta:

Sappiate che anche loro leggono i commenti. Anche se te ne stai per le tue, poi vedi 'ca**o di scrittori stupidi, co***oni!'. David e Dan si sono fatti il cu*o, loro e tutte le altre persone che hanno lavorato a Game of Thrones, e sono a migliaia, per realizzare la miglior stagione possibile per l'epilogo.

Durante l'evento, un fan è intervenuto per far sapere all'attore danese che Game of Thrones ha avuto un grande impatto nella sua vita, motivo per cui lo ama tantissimo. L'attore lo ha ringraziato per il suo contributo e si è augurato che queste parole possano arrivare anche a D&D, che ormai da qualche settimana vivono con la convinzione di essere diventati le persone più odiate del mondo:

Vorrei solo che Dan e David potessero essere qui per sentire questo commento, per sapere che la gente ama davvero lo show, che non è che improvvisamente si siano trasformati nelle persone più odiate del mondo. Lo dico perché questo è come potrebbero sentirsi – so come si sentono.

Lena Headey e Nikolaj Coster-Waldau nella stagione 7 di Game of ThronesHDHBO
Lena Headey e Nikolaj Coster-Waldau nei panni dei gemelli Cersei e Jaime Lannister

Non ci sono dubbi che ci sia una palese differenza tra far notare aspetti che non si sono apprezzati e discuterne, come la comunità di Game of Thrones ha sempre fatto nell'arco degli anni, e lasciarsi andare al puro insulto contro gli addetti ai lavori. La speranza, dopo l'intervento di Coster-Waldau, è che possano ora notarla anche tutti coloro che non sono andati troppo per il sottile.

In precedenza, anche altri attori, tra cui Kit Harington (Jon Snow) e Sophie Turner (Sansa Stark), non avevano gradito l'idea della petizione, che avevano definito assurda e irrispettosa per tutte le persone che hanno lavorato dando il meglio di sé per la stagione finale di Game of Thrones.

Il cofanetto Game of Thrones: The Complete CollectionWarner Bros.

Game of Thrones è andato in onda su HBO in otto stagioni, dal 2011 al 2019. I 73 episodi delle vicende arriveranno a dicembre in Italia in uno speciale cofanetto da collezione, che sarà anche accompagnato da una più economica edizione standard ricca di contenuti bonus e dalla raccolta della sola stagione finale. I lettori di Cronache del Ghiaccio e del Fuoco, la saga di George R. R. Martin che ha dato vita alla serie TV, sono invece ancora in attesa di The Winds of Winter, penultimo volume delle vicende dei Sette Regni.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.