FoxCrime

Chernobyl: suicida uno dei liquidatori del disastro

di - | aggiornato

Rivedere in TV quello che aveva vissuto nella realtà avrebbe riaperto vecchie ferite e spinto al suicidio Nagashibay Zhusupov, uno dei liquidatori del disastro di Chernobyl.

0 commenti

Condividi

Il dolore e l'umiliazione sono tornati all'improvviso, insopportabili, e ha deciso di farla finita. Nagashibay Zhusupov, uno dei liquidatori del disastro di Chernobyl, si è suicidato lo scorso giugno ad Aktobe, in Kazakistan.

Come riporta il Daily Mail, l'uomo si sarebbe lanciato dal tetto di un edificio di 5 piani. Secondo la figlia, Gaukhar, il padre avrebbe deciso di togliersi la vita dopo avere guardato la serie TV di HBO sull'esplosione del reattore nucleare in Ucraina:

Abbiamo visto tutti Chernobyl. Papà guardava e ricordava con enorme dolore quei momenti che aveva vissuto. Aveva le lacrime agli occhi.

Il presidente di una organizzazione che rappresenta i liquidatori di Chernobyl, Bakitzhan Satov, ha raccontato che Zhusupov è stato uno dei primi ad arrivare alla centrale dopo l'esplosione del reattore 4.

Ma nonostante il suo eroismo, il governo russo avrebbe "rifiutato" di assegnarli uno degli appartamenti previsti per i veterani del disastro. Invece, l'uomo, la moglie e i 5 figli sono stati alloggiati nel dormitorio di un ostello, malmesso e troppo piccolo per ospitare in maniera decorosa tutta la famiglia.

Satov ha spiegato che Zhusupov ha lottato per oltre 10 anni per ottenere la sistemazione che riteneva che gli spettasse dopo il servizio prestato. Poi ha scoperto che il suo nome era stato "cancellato" dalle liste ed è rimasto distrutto:

Aveva fatto causa per essere reinserito negli elenchi delle assegnazioni. L'ultima volta che l'ho visto, era molto provato per non essere riuscito a ottenere un appartamento.

L'uomo è convinto che la mancata assegnazione della casa sia stata la causa del suicidio del veterano:

Credo che si sia buttato dal tetto per la disperazione di avere combattuto per tanti anni senza riuscire a ottenere una sistemazione adeguata.

La serie TV ChernobylHDHBO
L'omaggio ai liquidatori del disastro della centrale nella serie TV Chernobyl

Anche gli amici sostengono che Zhusupov abbia deciso di farla finita perché era umiliato dalla mancanza di attenzione e rispetto delle autorità nei suoi confronti:

Viveva in povertà. Non aveva una vera casa.

Come osserva il Daily Mail, molti veterani della tragedia del 1986 hanno ottenuto un alloggio e un aumento della pensione da parte dei governi coinvolti nella tragedia, ovvero l'Ucraina, la Russia, la Bielorussia e il Kazakistan. Ma a quanto pare, non Zhusupov, che non ha ricevuto una casa e poteva contare su un reddito di circa 39 euro a settimana.

Una situazione molto difficile, aggravata dai problemi di salute dell'uomo. L'esposizione alle radiazioni ha profondamente debilitato l'ex liquidatore, che nel corso degli anni è stato costretto a lunghi periodi di degenza in ospedale. Cosa che lui stesso aveva raccontato con amarezza un po' di tempo fa:

Nessuno ci ha detto perché ci avevano chiamato [alla centrale, n.d.r.]. All'epoca, io guidavo i trattori. Dopo Chernobyl, la mia salute è peggiorata. Ho anche lavorato nel sito di test nucleari di Semipalatinsk

La figlia Gaukhar è convinta che la visione della serie TV di HBO abbia riaperto le vecchie ferite e che il padre non abbia retto al dolore:

Mio padre è stato aiutato dal governo, ma non come voleva. Voleva ottenere una casa come gli altri liquidatori di Chernobyl che hanno sacrificato la loro salute per la causa. Ma il suo sogno è rimasto un sogno.

E così, a distanza di 33 anni dalla tragedia, l'elenco delle vittime di Chernobyl si allunga ancora.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.