FOX  

Legion 3x03, ti presento Charles Xavier

di - | aggiornato

L'ultimo episodio di Legion ha finalmente introdotto nella serie il celebre Charles Xavier, mostrandoci il suo primo incontro con Gabrielle Haller e la nascita di David.

Charles Xavier in Legion FOX

3 condivisioni 0 commenti

Condividi

Ci siamo, il momento più atteso dai fan dell'Universo Marvel è finalmente arrivato. Il Capitolo 22, ovvero il terzo episodio dell'ultima stagione di Legion, ha finalmente introdotto nello show il celebre Professor X, leader degli X-Men nonché padre biologico di David Haller.

Interpretato dalla star di Game of Thrones Harry Lloyd, il Charles della serie di Noah Hawley - il cognome Xavier non viene mai pronunciato ma non vi sono dubbi circa l'identità del personaggio - non è ancora il calvo e paraplegico fondatore della Scuola per Giovani Dotati che tutti conosciamo bensì una sua versione giovanile, una figura alla ricerca di un proprio posto nel mondo. Non stupisce quindi che Legion lo abbia inizialmente presentato come un ospite di una struttura psichiatrica, luogo in cui è stato rinchiuso per via dei suoi poteri telepatici, visti non come un'abilità straordinaria ma come un disturbo della mente.

È proprio in questo ospedale che Charles ha modo di conoscere la bellissima Gabrielle Haller (Stephanie Corneliussen), di cui si innamora all'istante e che aiuta a uscire dallo stato catatonico in cui è caduta in seguito ai traumatici eventi della Seconda Guerra Mondiale.

Stephanie Corneliussen e Harry Lloyd in LegionFOX

Benché non sia stata una trasposizione 1:1 degli eventi dei fumetti, la serie ha mantenuto un certa aderenza al materiale originale, concedendosi anche l'inserimento di qualche gustoso easter egg proveniente dalla mitologia degli X-Men.

Quello più significativo è stato senza dubbio la presenza di una versione embrionale di Cerebro, l'iconico macchinario trova-mutanti che il giovane Xavier ha utilizzato per rintracciare l'unico altro telepate che è riuscito a percepire. Purtroppo per lui quest'ultimo si rivelerà essere Amahl Farouk, i cui scopi - come ormai ben sappiamo - sono molto meno benevoli e positivi di quelli del futuro Professor X, che vede nelle proprie abilità un modo per aiutare gli altri.

Involontariamente è proprio la sete di conoscenza di Charles, una smania di sapere che lo spinge a recarsi in Marocco per incontrare il malvagio mutante, a permettere al Re delle Ombre di scoprire dell'esistenza di suo figlio, convincendolo a utilizzarlo come corpo ospite per i suoi diabolici piani.

Amahl Farouk e il piccolo DavidFOX

Uno degli elementi più significativi e riusciti dell'episodio di Legion è il parallelismo tra David e suo padre. Entrambi dotati di un potere straordinario, estremamente caritatevoli ma anche profondamente egoisti, tutti e due hanno incontrato la donna della loro vita in uno istituto psichiatrico, venendone rapiti all'istante salvo poi rovinare le rispettive relazione a causa della loro ossessione per il Re delle Ombre.

Ancora più sconvolgente è stata però la scoperta che sono state proprio le azioni del David del presente a far sì che quello del passato venisse abbandonato dai genitori. Viaggiando nel tempo per cercare di tenere unita la sua famiglia e salvare sua madre, tra visioni oniriche e l'ossessiva ripetizione del brano Wot di Captain Sensible, il giovane mutante ha infatti finito per trasformarsi nella causa per cui Gabrielle è ricaduta in uno stato catatonico. Un ulteriore e inaspettato colpo basso che non fa altro che confermare ciò che ormai appare chiarissimo, ossia che la vera nemesi di David non è il Re delle Ombre bensì David stesso.

Per scoprire quale sarà la prossima mossa del mutante più forte del pianeta non vi resta che sintonizzarvi mercoledì 24 luglio alle ore 21 su FOX e gustarvi il nuovo episodio di Legion, come sempre in prima visione assoluta

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.