Game of Thrones: il copione dell'ultimo episodio svela perché Drogon ha bruciato il Trono di Spade

di - | aggiornato

Perché Drogon ha distrutto il Trono di Spade? A quanto pare, non sarebbe stato un ultimo gesto nei confronti di Daenerys pieno di valore simbolico, ma... un danno collaterale.

Drogon brucia il Trono di Spade nell'episodio 8x06, The Iron Throne HBO

98 condivisioni 0 commenti

Condividi

Il finale di Game of Thrones ha lasciato dietro di sé una lunga (lunga) scia di polemiche e molte domande in sospeso. Gli appassionati della serie HBO hanno provato a rispondere con varie teorie. E durante il panel al San Diego Comic-Con, Maisie Williams e Conleth Hill hanno contribuito a chiarire alcuni dubbi relativi alle storie di Arya e di Varys.

Ma adesso è spuntata una rivelazione che molto probabilmente i fan avrebbero preferito continuare a ignorare, perché cambia radicalmente il significato di uno dei momenti più emozionanti della (controversa) stagione conclusiva.

Come riporta CNET, il sito ufficiale degli Emmy Award ha reso disponibile al pubblico il copione dell'ultimo episodio, The Iron Throne, in virtù della candidatura a Migliore sceneggiatura per una serie drammatica. Sullo script sono descritti i vari passaggi della storia e soprattutto è spiegato perché Drogon ha bruciato il Trono di Spade. E con buona pace dei fan, non c'è alcuna ragione romantica.

Il figlio prediletto di Daenerys non ha rivolto la sua furia contro l'emblema dei Re e delle Regine di Westeros perché unico, vero responsabile della morte della sua amata madre, bensì perché... era molto arrabbiato e il Trono era lì:

[Drogon, n.d.r.] rivolge lo sguardo su Jon. Vediamo il fuoco accendersi nella sua gola. Anche Jon lo vede. Si prepara a morire. Ma il getto di fiamme non è per lui. Drogon vuole bruciare il mondo, ma non ucciderà Jon. Rivolge il suo respiro di fuoco sulla parete in fondo alla sala, facendo esplodere tra le fiamme quello che resta dei grandi blocchi di pietra rossi. Guardiamo oltre la spalla di Jon mentre le fiamme investono il Trono di Spade. Non il bersaglio dell'ira di Drogon, ma solo uno stupido oggetto che si trova lì al momento della conflagrazione.

Dunque, il grande drago (forse) ultimo della sua specie non ha agito con l'intenzione di cancellare il simbolo del potere assoluto e corruttore. La distruzione dell'Iron Throne è stata un "danno collaterale" della furia e del dolore per avere perso Dany.

D'altra parte, poco più avanti nella descrizione della scena, c'è una frase che sembra stonare nel contesto:

Chi sederà sul Trono di Spade? Nessuno.

Volontariamente o no, Drogon ha consegnato per sempre l'Iron Throne a Daenerys.

Probabilmente, la spiegazione dei (non) motivi dietro al gesto di Drogon finirà con il fare aumentare ancora la delusione dei (tanti) fan che non hanno amato la stagione finale di GoT e l'ultimo episodio. Ma di certo non ha intaccato il loro spirito critico e il sense of humour.

Come scrive CNET, gli appassionati della serie hanno "fatto le pulci" alla sceneggiatura di The Iron Throne e hanno trovato un altro passaggio che li ha lasciati... perplessi. 

Secondo lo script, quando Arya rivela ai fratelli l'intenzione di scoprire "cosa c'è a ovest di Westeros", Jon e Sansa si guardano e non sanno rispondere perché "nessuno dei due ha passato geografia"

I fan hanno trovato la frase poco felice e l'hanno immediatamente resa il bersaglio di una valanga di battute e di meme sul web:

'Nessuno dei due ha passato geografia'. Direttamente dal copione che ha ricevuto la nomination agli Emmy per la Migliore sceneggiatura per una serie drammatica. LOL.

Jon ogni volta che ha una lezione di geografia.

Jon (sussurrando): 'E se scoprono che non capiamo niente di questa mappa?'. Sansa (sussurrando): 'Stai calmo. Sta andando bene'.

Insomma, le discussioni, le polemiche e le prese in giro sulla stagione finale di Game of Thrones sembrano destinate a durare ancora a lungo...

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.