FOX

Henry Cavill: non è stato facile diventare Geralt in The Witcher

di - | aggiornato

Henry Cavill sarà Geralt in The Witcher: nel corso di un'intervista, l'ex Uomo d'acciaio ha rivelato i passi della sua trasformazione nello Strigo più famoso dei videogiochi.

Henry Cavill nei panni di Geralt di Rivia in The Witcher Netflix

8 condivisioni 0 commenti

Condividi

Non è facile, per un fan, riuscire a diventare parte della produzione di qualcosa che ama: c'è invece riuscito Henry Cavill, appassionato dei romanzi di Andrzej Sapkowski e della serie di videogiochi The Witcher, che sarà Geralt di Rivia nella prossima serie Netflix.

In occasione del San Diego Comic-Con, l'attore ha parlato con Entertainment Tonight della sua trasformazione nello Strigo, rivelando alcuni dettagli dal dietro le quinte della produzione. Cavill ha prima di tutto confermato che la serie Netflix si ispirerà ai romanzi, e non ai videogiochi di CD Projekt RED. Proprio gli scritti di Sapkowski sono stati presi come base per dare un volto al protagonista di The Witcher:

Abbiamo le descrizioni di Geralt nel libro, io e Lauren [S. Hissrich, la showrunner, n. d. r.] ne abbiamo discusso via telefono e via mail, ancora prima che ci incontrassimo per la terza volta. Abbiamo avuto un primo incontro, poi un provino, poi alla fine ci siamo incontrati in un'altra location.

Entrambi si sono resi conto che, per trasmettere le peculiarità dell'aspetto fisico di Geralt, era necessario puntare su due caratteristiche: i suoi capelli argentati e i suoi occhi da Witcher. La produzione si è concentrata molto su entrambi, racconta Cavill:

Ci siamo concentrati sui capelli e sugli occhi di Geralt – e per i capelli ci è voluto un bel po', dovevamo sistemare al meglio la parrucca, c'è voluto un bel po' di lavoro da parte di Jackie, che si occupa delle mie acconciature.

È stato complicato, perché dovevamo anche ottenere la giusta tonalità della pelle, quindi Alva, che si occupa del mio make-up, ha lavorato duramente per trovare l'equilibrio giusto. Abbiamo fatto un bel po' di test e alla fine abbiamo trovato un risultato che ci ha lasciato soddisfatti.

Se, però, nel caso di trucco e parrucco si è trattato di trovare le soluzioni migliori per dare vita a Geralt, nel caso degli occhi, per Cavill, c'è stato da soffrire:

Indossare lenti a contatto è una cosa, dovevi indossarle per tre ore alla volta e poi toglierle. È stato... voglio dire, avevo davvero un aspetto che spaccava, ma mi facevano un po' male gli occhi. Però erano d'aiuto, per dare il suo aspetto al personaggio. Una volta che ti hanno sistemato addosso tutte queste cose, da lì il passo per essere Geralt è stato breve.

Henry Cavill nei panni di Geralt di RiviaHDNetflix
Henry Cavill ha letto tutti i libri di Andrzej Sapkowki e giocato la trilogia di The Witcher: per questo si propose per il ruolo di Geralt nella serie Netflix

Al momento dell'annuncio di Henry Cavill come Geralt, molti fan si preoccuparono proprio del fatto che l'attore, celebre soprattutto per il ruolo di Clark Kent/Superman nel DC Extended Universe, potesse in qualche modo tradire l'aspetto fisico del cacciatore di mostri mutante. Considerando la cura per i dettagli di cui Cavill stesso racconta, da parte di Netflix, e quanto visto nel primo teaser, sembra proprio che non sarà così.

La stagione di debutto di The Witcher arriverà su Netflix a fine 2019. La serie promette contenuti per un pubblico adulto e, ha precisato la showrunner, non assomiglierà a Game of Thrones: avrà una sua identità e si ispirerà a Il Guardiano degli Innocenti.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.