FOX

Kevin Spacey legge una poesia in pubblico, a Roma [VIDEO]

di - | aggiornato

Dopo due anni di esilio, Kevin Spacey è tornato a esibirsi in pubblico. L'attore è stato il protagonista di un reading a Palazzo Massimo alle Terme a Roma.

42 condivisioni 0 commenti

Condividi

Le ultime apparizioni di Kevin Spacey lo hanno visto nel ruolo di imputato in un'aula di tribunale. L'attore si è ritirato dalla scena pubblica a causa dello scandalo delle presunte molestie sessuali ai danni di diversi uomini, ma lo scorso weekend ha deciso di mettere fine al suo esilio. E per farlo ha scelto Roma.

Vestita con un elegante completo color tabacco, la (ex) star di House of Cards è apparsa a sorpresa davanti a un piccolo pubblico selezionato e ha letto il componimento Il pugile, del poeta contemporaneo Gabriele Tinti, ispirato alla statua bronzea del Pugile in riposo, conservata nella sede del Museo nazionale romano di Palazzo Massimo alle Terme (trovate la performance nel video in copertina).

Kevin Spacey in tribunaleHDGetty Images
Kevin Spacey in tribunale con il suo avvocato

Il poema racconta la parabola di un lottatore usato per divertire gli spettatori e poi abbandonato come un oggetto rotto e inutile in una pozza di sangue a bordo ring e più di un passaggio è sembrato un riferimento diretto alla vicenda di Spacey:

Più si è feriti e più si è grandi. E più si è vuoti. Mi hanno usato per i loro divertimenti, nutrito di roba scadente. La vita se n'è andata in un momento. È sempre stato così: ho lottato, cercato un orlo, un'alba dove poter ricominciare. Ho passato un'infinità di notti senza dormire. Sono rimasto ore e ore a sudare per distruggere e cadere. Ho fatto di tutto per occupare ogni vuoto. Il sangue brillava nelle mie vene e io, in fondo, ho sempre voluto precipitare.

Tuttavia, in una mail a The Hollywood Reporter (THR), Tinti ha negato l'esistenza di un collegamento alla parabola della star e ha ribadito che l'unica ispirazione del suo componimento è la statua del Pugile in riposo.

Il poeta ha spiegato di avere scelto il due volte Premio Oscar per I soliti sospetti e American Beauty "perché è il migliore attore al mondo" e ha dichiarato che Spacey si è dimostrato entusiasta del progetto e ha dato tutto sé stesso alla causa:

Ha apprezzato immediatamente il coraggio e la natura speciale della mia proposta. [...] La sua generosità e la disponibilità nel garantire lo svolgimento del reading ha reso tutto il resto facile. Ha contribuito con una intensità di partecipazione molto più grande di quanto mi aspettassi, prova del grande artista che è. In verità, non c'è dubbio che sia uno dei più grandi attori viventi. Per me, è stato un onore che abbia accettato di leggere i miei versi.

Dopo il reading, Tinti ha pubblicato una foto che lo ritrae "con l'unico e il solo Kevin Spacey" e una serie di tweet che documentano l'entusiasmo del pubblico presente:

Come spiegano il Sun e il Telegraph, l'evento è stato annunciato in maniera criptica sul sito del Museo nazionale romano e inizialmente ha coinvolto una cinquantina tra visitatori e ospiti selezionati. Ma (inevitabilmente) la presenza di Spacey ha finito con il radunare una piccola folla di curiosi e l'attore ha ripetuto la lettura, stavolta di fronte a un pubblico di circa 150 persone.

Nonostante la dichiarazione di Gabriele Tinti, la corrispondente da Roma del Daily Beast, Barbie Latza Nadeau, non ha potuto fare a meno di vedere nella performance un riferimento alla vicenda personale del due volte Premio Oscar e ha definito il reading "una confessione, più che un momento di recitazione". Poi ha aggiunto:

Era chiaro che, anche se poteva essere caduto in disgrazia per le presunte molestie sessuali, non provava alcun rimorso.

Atteggiamento che, a suo dire, ha reso l'esibizione dell'attore qualcosa di magnetico e... inquietante:

Ha stabilito un contatto visivo con quasi tutti coloro che erano in piedi nelle prime file. Era una situazione tanto ipnotica e affascinante quanto vagamente terrificante.

La reporter ha sottolineato a più riprese la (presunta) labilità tra recitazione e realtà, soprattutto nella parte finale del poema:

Bisogna succhiare il cuore d'un eroe finché batte, lo dovresti sapere. Ho scosso il paese, scrollato le arene, fatto a pezzi gli avversari. Ho illuminato il buio, raccolto gli insulti, costretto agli applausi. 

Nadeau scrive anche che solo lei e altri 3 giornalisti erano stati informati dell'evento e che a ognuno di loro era stata promessa una intervista con Spacey. Ma alla fine, ci sono state "solo poche parole insignificanti sul prosecco, al bar del museo, dopo che l'attore vincitore del Premio Oscar in disgrazia è stato fatto scappare dai paparazzi".

Quella a Roma è la prima apparizione in pubblico di Kevin Spacey dal 2017. In precedenza, l'attore era comparso in una specie di video natalizio, in cui si difendeva dalle accuse di molestie sessuali alla Frank Underwood. 

Lo scandalo iniziato con la confessione di Anthony Rapp è costato al due volte Premio Oscar il ruolo in House of Cards e in Tutti i soldi del mondo (dove è stato sostituito da Christopher Plummer con un reshoot delle scene in cui appariva) e la messa al bando da Hollywood.

Nelle ultime settimane, l'attore ha visto cadere la causa civile e il procedimento penale intentati nei suoi confronti da un giovane barista di Nantucket. Ma la sua vicenda legale è tutt'altro che chiusa, con decine di uomini che lo accusano di molestie e comportamenti inappropriati.

Prevedere come andrà a finire è molto difficile. Di certo, Kevin Spacey non sembra intenzionato ad accettare il marchio di infamia che gli è stato cucito addosso.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.