FOX

Il ramen di Piranha diventa realtà, da Pesce d'Aprile a vera pietanza

di - | aggiornato

A grande richiesta Il ramen di Piranha diventa realtà in Giappone dopo essere nato come un semplice Pesce d'Aprile.

Il ramen di Piranha in Giappone PR Times

0 commenti

Condividi

Negli ultimi anni i Pesci d'Aprile proposti in questa folle giornata stanno iniziando a sfuggire di mano e a trasformarsi in realtà. Viene quasi il dubbio che certe proposte, all'apparenza surreali e impossibili da concretizzare, in realtà facciano parte di un piano segreto di marketing delle aziende, che tastano il terreno per vedere l'indice di gradimento del pubblico per le loro idee più folli.

Così è successo in Giappone per quanto riguarda il ramen di Piranha, versione nata come scherzo della famosa pietanza tipica nipponica a base di brodo e noodle. Durante lo scorso primo aprile, Holyday Jack, compagnia dedita alla creazione di eventi, ha mandato un comunicato stampa in cui annunciava di aver creato il primo ramen al mondo fatto con i Piranha. Al momento l'annuncio era stato poi smentito rivelandosi essere un semplice Pesce d'Aprile, ma gli amanti di ramen e della buona cucina giapponese ci rimasero malissimo, inondando l'azienda di commenti tra il deluso e l'arrabbiato.

Per farsi perdonare Holiday Jack ha allora deciso di trasformare lo scherzo in realtà, ordinando un carico gigantesco dei voraci pesci presenti in Amazzonia dal Sud America. Il carico è stato registrato come la più grande importazione di Piranha in Giappone, con oltre 300 KG di pesci (ben 2000 Piranha), così tanto da aver sorpreso anche gli addetti alla dogana aeroportuale.

Piranha RamenPR Times

Questa grande quantità di pesci servirà appunto a creare il tanto agognato ramen di Piranha, che Holiday Jack ha definito come il primo in Giappone e probabilmente al mondo nell'industria del ramen. 

Questa inedita pietanza non sarà disponibile nei menù di qualche ristorante per sempre, ma sarà una prelibatezza limitata nel tempo. Saranno realizzate soltanto 1000 ciotole di questo ramen particolare e il periodo in cui sarà possibile mangiarlo andrà dal 20 al 23 settembre, dunque quattro soli giorni per gustare il piatto.

Il ramen di Piranha verrà servito nel Ninja Cafe and Bar di Tokyo, un locale aperto recentemente nel quartiere di Asakusa, famoso per essere uno dei luoghi turistici più conosciuti del Giappone. Gli avventori potranno anche dedicarsi a diverse attività ninja dopo il pasto, come il famoso lancio degli shuriken.

Gli chef hanno inoltre già parlato della realizzazione di questa probabile leccornia, facendo sapere che il brodo sarà interamente preparato con il vorace pesce dell'Amazzonia, ma non solo: si potrà anche chiedere una versione con all'interno un intero Piranha fritto come "guarnizione".

Piranha toppingHDPR Times

Vista l'esclusività del piatto è logico aspettarsi dei costi non troppo economici, e infatti un piatto di ramen di Piranha costerà 3000 Yen, ossia all'incirca una trentina di euro, mentre l'aggiunta del Piranha fritto costerà un ulteriore 2500 Yen, per un totale di 5500 Yen per la versione completa del piatto (circa 55-60 euro in totale), un prezzo non indifferente per una ciotola di ramen.

Certo l'esperienza di essere tra gli unici al mondo a poter assaggiare questo piatto inedito non ha prezzo, e immaginiamo che le 1000 ciotole previste andranno a ruba con anche parecchia fila per accaparrarsele, come succede spesso in questi casi in Giappone.

Cosa ne pensate di questo piatto nato come Pesce d'Aprile, vi piacerebbe essere tra i fortunati a poterlo assaggiare?

Fonte: Soranews24

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.