FOX  

Legion 3: la fine è solo un nuovo inizio

di - | aggiornato

Una corsa contro il tempo per cercare di rimediare agli errori commessi e, forse, riuscire finalmente ad essere amati. La nostra recensione degli ultimi due episodi di Legion.

David e Charles FOX

4 condivisioni 0 commenti

Condividi

Dopo un'intera stagione passata a cercare di annullare la propria vita e riavviare la propria esistenza, David ce l'ha fatta. Il suo Io presente non esiste più, come non esistono più quelli di Syd, Farouk e di tutti gli altri personaggi dello show, svaniti nel nulla per lasciare spazio a una totale riscrittura delle loro vite.

Dei tanti modi in cui il viaggio lungo, tortuoso, spesso delirante e doloroso di Legion poteva concludersi, Noah Hawley ha optato per quello più atipico, senza morti o scontri di ogni sorta. È una sensazione di speranza quella che pervade gli ultimi momenti della serie, in cui tutti i protagonisti sono consci di aver imparato qualcosa dai propri errori, anche se solo per alcuni di loro questo sapere resterà tale.

Infatti, con la riscrittura della linea temporale di David, soltanto Gabrielle, Charles e il Farouk del passato manterranno intatti i loro ricordi, provando a donare al giovane mutante quell'amore e quel calore familiare che tanto ha desiderato. Certo, nonostante il Re delle Ombre abbia promesso di accantonare l'idea di trasferirsi nella mente del ragazzo e Xavier sia intenzionato a smettere di viaggiare per il mondo al fine di restare accanto alla sua famiglia e darsi all'insegnamento (diventando probabilmente quel Professor X che noi tutti conosciamo), non è escluso che anche in questa nuova linea temporale David non finisca per trasformarsi in un mostro.

Fortunatamente, le probabilità che le cose stavolta vadano diversamente giocano tutte a suo favore.

L'abbraccio tra David e Charles in LegionFOX

Benché il nostro protagonista sia riuscito nel suo intento, il finale di Legion non ha però rappresentato un completo happy ending per tutti i personaggi, in particolare per Syd. Il suo percorso di crescita è stato uno dei più sofferti all'interno della serie, con la ragazza che ne ha letteralmente passate di tutti i colori prima di acquisire una certa sicurezza, compreso vivere una seconda esistenza in compagni di Melanie e Oliver.

Se David può in qualche modo aspirare a una vita migliore di quella passata, per Syd si prospetta un nuovo corso che, oltre probabilmente a farle rivivere le brutte esperienze della gioventù, le impedirà di conoscere David, di innamorarsi di lui, di soffrire a causa sua e di diventare nuovamente la donna che è adesso.

Dopotutto, però, questa è la storia di David, ed è a lui che spetta il compito di cambiare, riallacciando magari anche gli stessi legami del passato evitando questa volta di ripetere gli stessi sbagli.

David e Syd in LegionFOX

Affascinante, profonda, straniante, a volte ostica da seguire ma non per questo meno ipnotica, Legion ha rappresentato e rappresenta un unicum nella storia della serialità televisiva. Uno show che è stato capace di parlare di supereroi e superpoteri in un modo assolutamente inedito, prendendo quanto basta dai fumetti per creare una storia dal taglio autoriale giocata più sui sentimenti e sulle emozioni dei personaggi che su scontri e combattimenti.

A Noah Hawley va dato il merito di aver elevato il genere a qualcosa di più di semplice intrattenimento per gli amanti dei mutanti Marvel, facendo di Legion una serie capace di catturare l'attenzione e generare lodi anche da chi solitamente snobba questa tipologia di prodotti.

Ora che il tumultuoso viaggio di David è giunto al termine, a noi non resta che sperare che show di questo tipo siano sempre più frequenti sui nostri schermi. Perché questa non è la fine ma solo un nuovo punto di partenza.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.