FOX

Memory: The Origins of Alien, il trailer del documentario sul capolavoro horror di Ridley Scott

di - | aggiornato

Un documentario che scava a fondo nella mitologia di Alien, e nel processo creativo di sceneggiatori e designer: l'opera di Alexandre O. Philippe si svela nel primo trailer ufficiale.

18 condivisioni 0 commenti

Condividi

Il trailer ufficiale di Memory: The Origins of Alien fa luce su alcuni aspetti del documentario dedicato al cult horror di Ridley Scott. L’opera è diretta da Alexandre O. Philippe, già noto per il documentario The People vs. George Lucas, dedicato a Star Wars, e 78/52: Hitchcock's Shower Scene, incentrato sull’iconica scena della doccia di Psycho.

Così come è possibile osservare dal trailer, Memory: The Origins of Alien approfondirà i temi di maggiore interesse del primo Alien, film che ha dato il via a un fortunato franchise, e protagonista di numerose celebrazioni per il suo 40esimo anniversario, come la pubblicazione di sei cortometraggi inediti. Philippe ha spiegato che il documentario indaga non solo la dimensione cinematografica di Alien, ma anche quella mitologica e culturale:

Sono molto interessato ai momenti cinematografici che diventano fenomeni culturali. È possibile dire senza dubbio che la scena della doccia di Psycho faceva parte di questa categoria, e anche la sequenza del Chestburster era ugualmente importante.

Così come riporta Collider, l’opera racconta vari aspetti del processo che ha portato Ridley Scott, lo sceneggiatore Dan O’Bannon e il designer H.R. Giger a creare quello che è considerato un capolavoro del genere horror. Sono presenti, inoltre, interviste a Veronica Cartwright (Alien, Gli Uccelli), Roger Christian (Alien, Star Wars: Episodio IV – Una nuova Speranza), Tom Skerritt (Alien, Top Gun), Ronald Shusett (Alien) e Roger Corman (Il Silenzio degli Innocenti). Questa la sinossi ufficiale:

Memory: The Origins of Alien svela la storia non ancora raccontata che si cela dietro al capolavoro cinematografico di Ridley Scott, e fa luce su un tesoro fatto di contenuti inediti provenienti dall’archivio di Dan O’Bannon e H.R. Giger – inclusi appunti originali, design scartati, storyboard, filmati dal set e l’originale sceneggiatura di 29 pagine firmata da O’Bannon risalente al 1971, intitolata Memory. Il documentario, inoltre, accompagna i fan nell’esplorazione della mitologia di Alien e dedica un approfondimento all’iconica scena del Chestburster.

Parlando proprio di Chestburster, c’è da dire che lo stesso Ridley Scott si era soffermato sull’argomento in un'intervista del maggio 2019, in cui faceva luce sulla genesi di questa sequenza passata alla storia del cinema. Anche Alexandre O. Philippe ha parlato dell'argomento, spiegando inoltre cosa l’ha spinto a girare questo documentario:

Inizialmente, l’impulso era quello di concentrarsi solo sulla scena del Chestburster, ma ho realizzato molto velocemente che non potevo parlare di questa sequenza nello stesso modo in cui avevo trattato la scena della doccia di Psycho. Sono molto diverse, perché Psycho e Alien parlano agli spettatori in modi totalmente differenti. Direi che il motivo per il quale Alien è così apprezzato dal pubblico nel mondo è perché attinge a piene mani da idee e immagini che risalgono al nostro passato. Quindi il documentario è la storia di una genesi, ma anche una visione mitologica del film di Ridley Scott.

Una sequenza di AlienHD20th Century Fox

Siete curiosi di dare uno sguardo al documentario Memory: The Origins of Alien? Il film è atteso il 4 ottobre nei cinema statunitensi e su piattaforme di streaming on demand.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.