FOX

Omicidio a Palazzo Pitti. il videogioco su Firenze e i suoi misteri

di - | aggiornato

Un interessante progetto che fonde cultura e videogioco dedicato a Firenze e le sue opere d'arte.

Omicidio a Palazzo Pitti videogioco TuoMuseo

3 condivisioni 0 commenti

Condividi

Il videogioco sta diventando sempre più importante come media in grado non solo di divertire, ma anche di insegnare. L'associazione culturale TuoMuseo sta infatti sviluppando un videogioco ambientato all'interno della reggia medicea di Palazzo Pitti a Firenze, in collaborazione con la casa editrice Sillabe e con Opera Laboratori Fiorentini - Civita e Gallerie degli Uffizi.

The Medici Game: Murder at Pitti Palace, questo il nome del gioco, è un'avventura investigativa ambientata proprio nelle suggestive sale di Palazzo Pitti, includendo alcune delle più famose come la Sala Bianca, quella di Saturno e quella di Prometeo, oltre che la Grotta del Buontalenti all'interno del giardino di Boboli. Le diverse opere d'arte, tra cui molti capolavori di Raffaello, saranno presenti all'interno del gioco.

Gli ambienti infatti, saranno ricostruiti grazie a un mix di fotografie reali e grafica digitale. La protagonista del gioco sarà Caterina, giovane storica dell'arte coinvolta, suo malgrado, in un misterioso caso di omicidio durante una visita al Palazzo Pitti. Per salvarsi la vita la giovane dovrà improvvisarsi detective e risolvere una serie di enigmi, grazie anche alle sue competenze storico-artistiche, così da scoprire anche alcuni segreti secolari custoditi dall'antico palazzo.

Palazzo Pitti videogame TuoMuseoHDTuoMuseo

Per dare maggior risalto alla storia, è stato persino creato un profilo Instagram della protagonista come se fosse una persona reale, all'indirizzo caterina_florence92.

The Medici Game: Murder at Pitti Palace sarà disponibile in autunno per diversi dispositivi mobile nelle versioni per iOs e Android in diverse lingue, tra cui italiano, inglese, spagnolo, russo, portoghese, cinese e giapponese.

Eike Schmidt, direttore delle Gallerie degli Uffizi in supporto del progetto ha dichiarato:

Palazzo Pitti a Firenze, una delle più belle e spettacolari regge al mondo, sta per diventare anche ambientazione di un videogioco incentrato sui grandi temi della storia e dell’arte. È un’iniziativa fantasiosa per interessare il pubblico più giovane e avvicinarlo ai nostri musei, offrendo spunti innovativi per appassionarsi al nostro patrimonio culturale. L’incontro con l’arte e la bellezza avviene così attraverso il gioco, strumento didattico potentissimo.

Omicidio a Palazzo Pitti CaterinaHDTuoMuseo


Anche Giuseppe Costa, presidente e AD di Opera Laboratori fiorentini a commentato il progetto videoludico:

Siamo felici di questa collaborazione che rafforza l’impegno della nostra azienda ad investire affinché l’arte si rivolga ai giovani e sia sempre al passo con i tempi. I videogame di oggi sono in grado di creare mondi virtuali dalla qualità visiva incredibile e con il lancio di The Medici Game intraprendiamo un proficuo percorso che unisce il mondo dell’arte e quello della cultura con i videogiochi. Un progetto che può favorire la diffusione della conoscenza dei nostri musei.

L'iniziativa non è la prima per quanto riguarda l'arte della Gamification, ossia il trasformare in gioco situazioni quotidiane, in questo caso realtà culturali. TuoMuseo aveva infatti già realizzato un altro gioco chiamato Father to Son per il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, progetto di grande successo con oltre 4 milioni di download.

Cosa ne pensate di quest'iniziativa, proverete il gioco?

Fonte: FirenzeToday

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.