FOX

Miami, L'Avana e una storia incolore di spie: la recensione di Wasp Network da Venezia 76

di - | aggiornato

Penelope Cruz e Edgar Ramírez sono i protagonisti di Wasp Network, il nuovo film di Olivier Assayas sulle orme del suo cult Carlos. La recensione da Venezia 76.

Penelope Cruz BIM

1 condivisione 0 commenti

Condividi

Inutile nasconderlo: di fronte alle premesse e all'ambientazione di Wasp Network, il nuovo film del cineasta francese Olivier Assayas in concorso a Venezia 76, in molti si aspettavano un nuovo Carlos. Nel 2010 infatti Assayas aveva conquistato i cinefili di mezzo mondo con una pellicola davvero esplosiva, dedicata all'omonimo rivoluzionario venezuelano. Stavolta invece il regista è riuscito a strappare il permesso di girare a Cuba (finendo per essere messo sotto sorveglianza con tutta la sua troupe) per raccontare quello che viene considerato l'ultimo atto della Guerra Fredda

Wasp Network è l'ultima storia di spie in cui la tecnologia ha un ruolo marginale e sono tradimenti sul campo, infiltrati e talpe a giocare un ruolo determinante, nell'ultima contrapposizione tra comunisti e capitalisti prima maniera. Stavolta però sono i compagni di Castro a vedersela con L'aquila statunitense. 

I protagonisti di Wasp NetworkHDBIM
Il sistema giudiziario americano si occuperà della vicenda raccontata in Wasp Network

Ambientato negli anni '90 tra L'Avana e Miami, Wasp Network racconta con rigore e distacco una storia che ancor oggi ha letture opposte in base a chi la racconti: gli abitanti di Cuba o gli esuli politici che risiedono in Florida. 

Traditori o eroi? 

Per tutta la prima metà Wasp Connection è un film di spionaggio classico per trama, rigoroso nella sua impostazione. La pellicola si apre con la diserzione di un eroe di guerra e pilota d'aerei. Interpretato da Edgar Ramírez, l'uomo lascia senza una parola la moglie (Penelope Cruz) e la figlia, vola da L'Avana fino alla base militare statunitense di Guantanamo in Florida e chiede asilo. Il benvenuto è a suon di cene da McDonald's e positività: la comunità cubana locale di Miami lo accoglie con gioia e lo aiuta a trovarsi un lavoro. 

Ben presto però l'uomo verrà avvicinato dalle frange più politiche, attiviste e con un'agenda terrorista della comunità cubana; quella che da tempo vuole la fine del regime di Castro. Con il silenzio assenso delle autorità statunitensi e con fondi provenienti da traffici illegali, queste organizzazioni cercano di destabilizzare l'economia cubana, puntando a spaventare i turisti stranieri. Se i vacanzieri smettessero di raggiungere l'isola, l'economia presto tracollerebbe. 

Gael García Bernal e Penelope Cruz in Wasp NetworkHDBIM
Gael García Bernal e Penelope Cruz non brillano in Wasp Network

Quello che gli esuli non sanno è che in realtà i protagonisti del film non sono fuggiti davvero da Cuba. Si tratta di un commando di spie sotto copertura, che ottenendo la fiducia degli esuli cubani puntano a prevenire i loro attacchi in madrepatria. Le loro azioni avvengono all'insegna della segretezza più assoluta: Wasp Network racconta le ricadute di questa decisione sulle vite e sulle famiglie dei protagonisti, puntando il dito soprattutto sul comportamento ambiguo del governo statunitense. 

Grande storia, bassa incisività 

La storia raccontata da Assayas è affascinante perché i suoi protagonisti sono delle leggende viventi a Cuba, considerati alla stregua di eroi, ma traditori molto odiati dalle comunità di Miami e in Florida. Una volta mostrata la squadra in azione e la sua efficacia nel prevenire atti terroristici, Assayas lascia la sua trama di spie e piani da sventare per concentrarsi sulle ricadute politiche di questo triangolo di potere e del suo vertice oscuro: gli Stati Uniti. 

Senza anticipare troppo, non mancheranno svolte giudiziarie la cui bussola morale è tutt'altro che rivolta verso la giustizia. Come Assayas ha ricordato in conferenza stampa, la Florida è uno stato chiave per le elezioni statunitensi e il sostegno della comunità cubana di esuli è essenziale per ottenere la vittoria.  

Penelope Cruz in versione anni '90 Wasp NetworkHDBIM
Penelope Cruz ha inparato l'accento cubano per il suo personaggio in Wasp Network

Se la storia lo gruppo di spie di Wasp Network fornisce ben più di un appiglio a una visione critica del ruolo "neutrale" degli Stati Uniti nelle vicende tra esuli e compagni cubani, Assayas non sembra interessato ad approfondire ulteriormente. La sua ricostruzione della vicenda è tanto scarna e rigorosa da ricordare l'approccio scelto da Polanski per J'Accuse, senza però dimostrare nemmeno vagamente la stessa verve. Sarebbe stata una scelta più pericolosa, ma forse anche più indovinata, non concentrarsi così tanto sul personaggio della moglie fedele interpretata da Penelope Cruz, che qui non dà vivacità a una pellicola che incorre in parecchi momenti di stanca. 

Non è che Wasp Network non abbia tra le mani una buona storia, anzi: è che Assayas si fa vedere meno del solito e sembra quasi voler infliggere questa narrazione allo spettatore, più che coinvolgerlo e appassionarlo alla stessa. In un anno di concorso veneziano in cui la selezione ha fatto pochissimi passi falsi, Wasp Connection è comunque un buon film, ma rimane uno dei titoli più deludenti e meno memorabili.  

Voto6/10

Si sperava in un nuovo Carlos, invece stavolta Olivier Assayas fa il suo ma senza lasciare il segno, confezionando una storia di spie che lascia poco dietro di sé pur raccontando una storia vera.

Elisa Giudici

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.