FOX

Johnny Depp ribadisce il rispetto verso i nativi americani nello spot Dior per il profumo Sauvage

di - | aggiornato

Johnny Depp ha ribadito le intenzioni cristalline dello spot Dior per il profumo Sauvage e ha affermato che la campagna non voleva e non vuole in alcun modo mancare di rispetto ai nativi americani.

Johnny Depp a Venezia 76 Getty Images

13 condivisioni 0 commenti

Condividi

Dopo avere presentato in anteprima a Venezia 76 la sua ultima fatica, Waiting for the Barbarians, Johnny Depp è volato al Festival del cinema americano di Deauville, in Francia, per proseguire il tour del film e ricevere un tributo alla carriera da Catherine Deneuve. E in occasione dell'evento nella cittadina normanna ha parlato del controverso spot Dior per il profumo Sauvage.

L'ultima campagna della casa di moda francese, di cui l'attore è protagonista, è finita al centro di un infuocato dibattito, perché giudicata razzista e offensiva nei confronti dei nativi americani. La polemica ha assunto dimensioni tali che la maison ha deciso di ritirare la pubblicità, ma la star di Pirati dei Caraibi ha ribadito che è stata realizzata all'insegna del più totale rispetto per la storia e la cultura degli indigeni del Nord America (e non solo).

Come scrive The Hollywood Reporter (THR), Johnny ha spiegato che la clip non riflette la profondità del progetto, intitolato We Are the Land:

Per sua stessa definizione, un teaser è una versione molto concentrata di immagini. Ci sono state obiezioni al teaser dello short film. Il film vero e proprio non è mai stato visto.

L'attore è stato fermo nel ribadire che lo spot non ha mai voluto offrire una visione distorta o offensiva dei nativi americani:

Non c'è mai stato - e come potrebbe o vorrebbe esserci - alcun intento infamante. Il film è stato realizzato con grande rispetto per gli indigeni non solo del Nord America, ma di ogni parte del mondo. È un peccato che la gente sia saltata alle conclusioni e abbia avanzato queste obiezioni. Tuttavia, sono obiezioni che vanno tenute in conto.

Johnny ha dichiarato che per lo spot non è stata presa una decisione definitiva e che il team creativo ha in programma di incontrare i soggetti che si sono ritenuti offesi dalla campagna per trovare una soluzione.

La star di film cult come Edward mani di forbice e Sweeney Todd - Il diabolico barbiere di Fleet Street ha sottolineato che la pubblicità è stata realizzata in collaborazione con la Comanche Nation e altre organizzazioni che si occupano di difendere e preservare i diritti e la cultura dei nativi americani e ha riaffermato (una volta di più) le intenzioni cristalline della produzione:

Posso assicurarvi che non c'è stata alcuna volontà di sfruttamento. Si tratta di uno short film fatto di e con grande rispetto e amore per dare visibilità alle popolazioni native americane. Non hanno ricevuto grande aiuto dal governo degli Stati Uniti. L'intento è puro come non lo è mai stato. Di conseguenza, troveremo un accordo in modo che tutti siano felici.

Le parole di Johnny Depp (e l'annunciato incontro "risolutore") metteranno fine alla polemica? Per saperlo, non resta che aspettare.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.