FOX

Adele chiede il divorzio dal marito Simon Konecki

di - | aggiornato

La relazione tra Adele e il marito Simon Konecki è giunta a termine. Dopo la separazione annunciata ad aprile, i due hanno divorziato.

Una foto di Adele Getty Images

2 condivisioni 0 commenti

Condividi

Dopo cinque anni di frequentazione, nel 2016 Adele e Simon Konecki sono convolati a nozze. Dopo soli tre anni di matrimonio, tuttavia, la cantante e il compagno, dalla cui unione nel 2012 è nato il piccolo Angelo, si sono separati.

La coppia, nota per la riservatezza (nessuno dei due si è mai lasciato andare a dichiarazioni sulla loro relazione) non aveva dato alcuna avvisaglia di una crisi, così Adele e Konecki hanno colto tutti di sorpresa all'annuncio di non stare più insieme.

La notizia della separazione era arrivata nell'aprile del 2019 tramite il quotidiano britannico The Sun. I due hanno tenuto a far sapere, tramite i loro portavoce, di volersi impegnare, nonostante le divergenze, "a far crescere il loro bambino in un ambiente amorevole".

A cinque mesi dalla separazione, i documenti per il divorzio sono stati presentati in tribunale e firmati da entrambe la parti. 

Resta da capire se la separazione legale sarà problematica dal punto di vista economico. Un giudice dovrà stabilire se il patrimonio della cantante, o parte di esso, debba essere diviso con l'ex marito. Quello di Adele, infatti, ammonta a circa 160 milioni di euro (il che fa della cantante una delle giovani star più ricche del Regno Unito), mentre Simon Konecki possiede circa 900mila euro. Lui, infatti, gestisce un'organizzazione no-profit chiamata Life Water, che si occupa di portare acqua potabile alle popolazioni meno abbienti dell'Africa.

La disparità di salario, insieme alle proprietà immobiliari acquistate insieme, potrebbe far sì che il divorzio costi ad Adele una piccola fortuna.

I due non hanno fatto alcuna dichiarazione sul divorzio, avevano in precedenza chiesto che venisse rispettato il loro diritto alla privacy: non hanno mai voluto che la loro vita privata diventasse di dominio pubblico.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.