FOX  

I Simpson: quella volta in cui Homer divenne Hulk (e Stan Lee no)

di - | aggiornato

Ricordate quella volta in cui Bart, alla ricerca di nuovi spunti per il suo Papà Incacchiato, fece diventare Homer verde di rabbia? Ripercorriamo quell'episodio!

Homer Simpson nella sua versione Hulk

4 condivisioni 0 commenti

Condividi

Ci fu un tempo, prima dei cinecomics e dell'avvento dei Marvel Studios - giusto per porre un esempio -, in cui potevamo goderci i supereroi soltanto tramite albi a fumetti, serie animate e qualche sporadica pellicola stand alone autoconclusiva. Ogni chicca, ogni riferimento, ogni dedica a questo mondo di nicchia ci regalava tante emozioni, tutte condensate in quel momento. Certo, mai tutti noi ci saremmo aspettati di vedere supereroi nei Simpson!

Sì perché, ad eccezione dell'Uomo Torta e di Adam West - ex interprete di Batman nella seconda metà del 20esimo secolo -, non sono stati tantissimi i riferimenti diretti, o almeno così è stato prima della 13esima stagione: arrivando all'episodio n.18, infatti, possiamo goderci una versione simpsoniana di Hulk, interpretata nell'occasione da un arrabbiatissimo Homer!

Vota anche tu!

Ricordavate questo fantastico momento in chiave Marvel dei Simpson?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

La trama di Papà Incacchiato

Un Bart come suo solito alla ricerca dei modi più disparati per far passare il tempo, dà sfogo alla sua vena artistica realizzando un fumetto di nome Papà Incacchiato. Ora, siamo certi che per molti di voi non ci sia neanche bisogno di leggere a chi questo personaggio sia ispirato, per cui vi informiamo soltanto che l'uomo in questione ha un nome che comincia per H e finisce per omer. Sta di fatto che la suddettà creazione raccoglie un successo insperato, a tratti clamoroso, finendo per essere acquistato da una società che decide di realizzarci su un flash cartoon. Avete presente i giochi piazzati su alcuni siti realizzati con Adobe Flash, popolarissimi nella prima metà degli anni 2000? Ecco, stesso concetto.

Ovviamente, il karma impiega poco a far sì che le avventure di Papà Incacchiato arrivino anche agli occhi di Homer, che resosi conto del misfatto decide di cambiare il proprio approccio alla vita reprimendo la sua rabbia di fronte alle sfortunate vicissitudini di tutti i giorni, vedendo spuntare diversi bozzi sul proprio collo a seguito di tutto ciò.

Simpson Hulk
Homer spacca, e spacca anche parecchio!

Il tracollo e la trasformazione il Hulkmer

Sta di fatto che Bart, a seguito del cambio di abitudini di Homer, non riesce proprio a trovare altro materiale per i nuovi episodi di Papà Incacchiato. Ce la mette tutta per far esplodere di rabbia Homer, fin quando uno scherzo talmente articolato quanto folle sortisce l'effetto sperato. Attirato in una trappola con un espediente molto efficace - ciambelle gratuite -, Homer finisce sulla casa sull'albero, cadendo giù e venendo trascinato con una corda sulla caviglia a testa in giù dapprima su una serie di cactus e poi su una fila di pannolini sporchi. Trovatosi di fronte ad una forbice per tagliare la fune, cade dentro una piscina piena di vernice verde.

Risultato? Bozzi a profusione sul collo del nostro eroe, che si strappa la camicia e comincia a seminare il panico in tutta Springfield. Il tutto sotto gli occhi dei vari abitanti, e di uno Stan Lee in compagnia dell'Uomo dei Fumetti: è proprio quest'ultimo a guardare con espressione sdegnata il papà della Marvel, che prova a trasformarsi anche lui nell'uomo verde ma senza successo. Fortunatamente, però, gli uomini del commissario Winchester fermano Hulkmer, che viene ricoverato in ospedale. Lì, mentre Bart è intento a scusarsi col padre, si viene a capo di una notizia clamorosa: qualora Homer non fosse esploso di rabbia sarebbe scattato un esaurimento nervoso.

Lo scherzo di Bart, dunque, ha salvato la vita ad Homer! E voi, ricordavate tutti i dettagli di questo episodio? Quante volte lo avevate già visto?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.