FOX

Jason Momoa su See: 'È un po' come se Khal Drogo fosse sopravvissuto'

di - | aggiornato

Cosa sarebbe accaduto, se Khal Drogo fosse sopravvissuto? La risposta potrebbe arrivare da See. Jason Momoa ha fatto un paragone tra il suo ruolo nella nuova serie e quello dell'indimenticabile guerriero Dothraki.

Jason Momoa è Baba Voss nella nuova serie See Apple Tv+

8 condivisioni 0 commenti

Condividi

Non appena hanno visto il trailer ufficiale di See, i fan di Game of Thrones non hanno potuto fare a meno di pensare a Khal Drogo. E a quanto pare, anche per Jason Momoa è stato così.

Come riporta Entertainment Weekly, l'attore di origini hawaiane ha rivelato di sentire una sorta di connessione tra il personaggio che interpreta nella nuova serie di Apple TV+ e il (sempre rimpianto) guerriero Dothraki:

Provate a immaginare se Khal Drogo fosse sopravvissuto. Non è mai stato padre. Non ho mai avuto l'occasione di portare sullo schermo nulla del genere. Anche in Frontier [la serie Netflix di cui è protagonista, n.d.r.] ho avuto un figlio, ma la mia famiglia mi è stata portata via. In See, a partire dal secondo episodio, ho 60 anni e due gemelli di 15. [Baba Voss, n.d.r.] è un guerriero, ma è anche un uomo che cerca di tenere unita la sua famiglia. Non ho mai interpretato il ruolo di un padre. Per me, è un terreno inesplorato.

Ma anche se si tratta di qualcosa di completamente nuovo, Jason non ha dubbi:

Probabilmente, è il mio lavoro migliore.

E in effetti, See si presenta con ottime credenziali. La nuova serie targata Apple è scritta e prodotta dal creatore dell'acclamata Peaky Blinders, Steven Knight, mentre dietro la macchina da presa c'è Francis Lawrence, regista di film come Io sono leggenda e di 3 capitoli della saga di Hunger Games (La ragazza di fuoco e Il canto della rivolta parte I e II).
Una coppia di indiscutibile esperienza e bravura, alla quale si aggiunge una storia originale e decisamente affascinante.

See è ambientata in un futuro remoto, in un mondo post-apocalittico. In un'epoca lontana, un virus misterioso ha decimato l'umanità e i sopravvissuti hanno perso l'uso della vista. Nel corso dei secoli, uomini, donne e bambini si sono adattati alla loro condizione e hanno sviluppato un nuovo stile di vita.

Ma quando in una tribù nascono due gemelli che vedono normalmente, le comunità di sopravvissuti si dividono tra coloro che credono che i bambini rappresentino la speranza di un nuovo inizio e coloro che li ritengono creature maligne e pericolose. 

Steven Knight ha spiegato che è stato fatto un grande lavoro per ottenere una rappresentazione credibile di un mondo popolato da un'umanità priva della vista:

Non è come dire: 'Ci sono persone che sono diventate cieche ed è terribile'. Il mondo si è curato da solo. È tornato a essere bellissimo e incontaminato. La razza umana si è adattata. Abbiamo passato settimane insieme a una squadra di survivalisti, scienziati e antropologi per creare una rappresentazione realistica di un mondo simile. Volevamo capire cosa poteva essere rimasto della tecnologia e cosa no.

E Jason e gli altri attori hanno dovuto affrontare degli allenamenti molto particolari per realizzare le numerose scene di combattimento tra i guerrieri ciechi presenti nella serie.

Nello specifico, la star di Aquaman si è preparata con un istruttore di movimento e un maestro di arti marziali non vedente. Inoltre, ha indossato una maschera per dormire come una benda e ha fatto pratica di ecolocalizzazione, una tecnica che prevede di produrre dei suoni e di ascoltare come rimbalzano nell'ambiente circostante per orientarsi e muoversi (in pratica, il principio del sonar).

L'attore ha parlato dell'esperienza con entusiasmo:

Se dipendi meno dai tuoi occhi, è come se la tua pelle sentisse di più. Cammini in una stanza e senti gli oggetti che ti si avvicinano. Fai ecolocalizzazione, ovvero senti il suono rimbalzare sugli oggetti. E più ti alleni in questo modo, più diventi questa sorta di guerriero definitivo, perché i tuoi sensi sono intensificati al massimo e non dipendi dalla vista. Tutte le scene di combattimento sono diverse, perché non vedi.

E tra la complessità del personaggio di Baba Voss e le difficoltà fisiche, Jason ha dichiarato che See è stata probabilmente una delle sfide più grandi che abbia mai affrontato:

È la cosa più difficile che abbia fatto come attore. E ne sono orgoglioso.

Inutile dire che i fan sono ansiosi di vedere il risultato. L'appuntamento è dall'1 novembre sul servizio di streaming Apple TV+.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.