FOX

Matthew Lewis pensa che sia ora di una serie TV di Harry Potter (e ha idee su cosa dovrebbe esplorare)

di - | aggiornato

Durante la FanX Salt Lake Comic Convention, l'interprete di Neville Paciock ha ammesso che una serie TV su Harry Potter permetterebbe di esplorare altri aspetti del mondo magico.

Matthew Lewis è Neville Paciock in Harry Potter Warner Bros.

31 condivisioni 2 commenti

Condividi

Sulla scia dell'adattamento televisivo dei romanzi fantasy di George R.R. Martin che hanno ispirato le otto stagioni de Il Trono di Spade, la star della saga cinematografica di Harry Potter Matthew Lewis crede che sia arrivato il momento di una serie TV basata sulla storia scritta da J.K. Rowling.

Come riportato da Comicbook, l'interprete di Neville Paciock è stato ospite della FanX Comic Convention di Salt Lake City, dove ha dichiarato che vedrebbe molto bene un adattamento del franchise sul celebre maghetto per il piccolo schermo. 

Penso che verrebbe davvero bene sotto forma di serie televisiva, in un’era come quella attuale. Magari non sarebbe stato così quando uscì per la prima volta, ma in un mondo dove c’è stato Game of Thrones e tenendo in considerazione quello che HBO,  BBC America [e altri network] hanno fatto... – penso realmente che [la storia di Harry Potter] sarebbe perfetta per una serie TV. Come probabilmente vedremo con la serie di Amazon su Il Signore degli Anelli. C’è così tanta ricchezza in quella storia e in quell'universo, e sarebbe davvero bello vedere molto di più anche del Wizarding World.

Primo piano di Matthew LewisGetty Images

Matthew Lewis ha poi aggiunto che realizzare una serie televisiva di lunga durata significherebbe riuscire ad esplorare anche altri paesi del mondo magico e scoprire altri aspetti dell'universo ideato da J.K. Rowling che non sono stati inclusi nelle pellicole o che si sono solo intravisti. 

L'attore ha affermato che ci sono molte storie riguardanti il mondo magico dell'Europa dell'est, come ad esempio quelle sui vampiri o sulle altre Arti Oscure, che non abbiamo mai visto esplorare, o che sono state solo accennate nella battaglia finale in Harry Potter e i Doni della Morte - Parte 2

Credo che una serie televisiva possa prendersi molto più tempo per entrare più in profondità e raccontare più dettagli contenuti in queste storie così ricche. E ovviamente ci sono così tante scene che abbiamo perso e che non abbiamo avuto il tempo di girare o che purtroppo abbiamo dovuto tagliare.

Tra le scene che non hanno potuto girare per i film, quella preferita da Matthew Lewis è tratta dal quinto romanzo della saga letteraria della Rowling, Harry Potter e l'Ordine della Fenice. Si tratta del momento in cui Neville Paciock va al St. Mungo's Hospital a trovare i suoi genitori, ricoverati nel reparto psichiatrico a causa della maledizione lanciata loro da Bellatrix Lestrange. 

Lewis e il regista David Yates hanno provato più volte a girare questa scena, ma alla fine hanno dovuto rinunciare per mancanza di tempo. E anche per questo motivo l'attore crede fortemente che sia arrivato il momento di una serie TV su Harry Potter. 

Penso che con una serie TV avremmo avuto molto più tempo per affrontare cose di questo tipo. Avremmo dato più spiegazioni sui motivi che hanno spinto i personaggi a diventare quello che sono poi diventati, e le ragioni dietro le loro azioni. Penso che avremmo visto molto di più. Non solo per Neville, il discorso vale per tutti i personaggi.

E voi cosa ne pensate delle parole di Matthew Lewis? Siete favorevoli a una serie TV incentrata sulla saga di Harry Potter?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.