FOX

Chernobyl agli Emmy 2019: le dichiarazioni di Craig Mazin

di - | aggiornato

Chernobyl è stata grande protagonista agli Emmy 2019. Ma Craig Mazin ha dichiarato che, nonostante l'enorme successo, non ci sarà una seconda stagione. L'autore ha parlato anche di Trump e Game of Thrones.

Craig Mazin agli Emmy 2019 Getty Images

6 condivisioni 0 commenti

Condividi

Dopo avere conquistato 7 riconoscimenti ai Creative Arts, Chernobyl è stata protagonista anche agli Emmy Awards 2019. La produzione di HBO sul disastro nucleare in Ucraina ha vinto 3 premi "pesanti", imponendosi nelle categorie Migliore miniserie, Migliore regia per una miniserie e Migliore sceneggiatura per una miniserie.

Ma il successo (annunciato e meritatissimo) di quello che è stato definito uno degli eventi televisivi dell'anno non farà da sponda (come spesso accade) a un nuovo ciclo di episodi. Come riportano Deadline e Variety, l'autore ha dichiarato che non ci sarà una seconda stagione (dopo avere smentito in precedenza le voci su un sequel su Fukushima):

Non la faremo. Abbiamo raccontato la storia di un luogo e di un tempo e credo che lo abbiamo fatto dannatamente bene. Adesso è il momento di iniziare a pensare ad altri luoghi e ad altri tempi. Qualunque cosa guardiamo, che si tratti di finzione o racconti una storia vera, è rilevante per chi siamo ora e per quello che ci troviamo ad affrontare.

Lo sceneggiatore ha sottolineato ancora una volta l'attualità del significato e del messaggio di Chernobyl:

Come autore, sono diventato molto più consapevole di come siamo tutti simili. Anche due nemici per antonomasia. Nel 2019 non è poi così diverso dal 1986. I problemi di allora sono gli stessi di oggi. Adesso, le conseguenze sono analoghe, se non peggiori.

E pure non nominando mai apertamente Donald Trump, ha lanciato diverse frecciate al Presidente USA e alla sua narrazione distorta della realtà:

Spero che in qualche modo la nostra serie abbia aiutato le persone a ricordare il valore della verità e il pericolo rappresentato dalla menzogna.

Nel backstage, Mazin ha parlato anche di Game of Thrones, che ha vinto l'Emmy per la Migliore serie drammatica e per il Migliore attore non protagonista (Peter Dinklage).

L'autore di Chernobyl è uno dei pochi (s)fortunati che hanno visto il pilot mai andato in onda e, anche se ha smentito di avere detto che fosse "una m****", ha ammesso che parecchie cose non funzionavano:

C'erano dei problemi sostanziali e li hanno risolti.

Ma la seconda versione lo ha lasciato senza parole:

Vedere qualcosa che credevo irrecuperabile e poi il nuovo pilot, è stato uno dei momenti più sorprendenti della mia vita. Era strabiliante. È stata la svolta più eccezionale della storia di Hollywood. A ragione, Game of Thrones è diventata una leggenda della TV.

Lo sceneggiatore ha aggiunto che la sua (dura) critica iniziale non ha danneggiato i rapporti con David Benioff e D.B. Weiss:

Ho la fortuna di essere stato loro amico prima del Trono di Spade e di esserlo anche adesso che la serie è conclusa.

Poster di ChernobylHDHBO
Craig Mazin ha dichiarato che non ci sarà una seconda stagione di Chernobyl

Invece, Mazin è stato vago in merito ai suoi nuovi progetti. Tuttavia, ha rivelato che qualcosa bolle in pentola:

[Mi sto dedicando a, n.d.r.] alcune cose interessanti.

Per sapere cosa, i fan non possono fare altro che armarsi di pazienza e aspettare. 

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.