FoxLife  

Le avventure di una (extra) vergine - La location a luci rosse

di - | aggiornato

La location fa la sua parte, ma occhio agli incendi.

Dafne alle prese con una location particolare - Le avventure di una extra vergine FoxLife

6 condivisioni 0 commenti

Condividi

Finalmente una serata tranquilla e casalinga. Ginevra, la mia coinquilina, mentre si ritocca l’impeccabile manicure mi racconta della sua ultima conquista, un imprenditore che ha fondato una startup diventata “unicorno” in meno di una settimana (cioè l’ennesimo riccone), che l’ha portata lo scorso weekend in una spa extra lusso.

“Non mi piaceva granché, ma visto che eravamo lì ci ho fatto sesso”, dice come se fosse la cosa più naturale del mondo.

“Dafne, tu sei ancora vergine e certe cose non le puoi capire, ma la location fa la sua parte”, aggiunge dando la mazzata quotidiana alla mia autostima.

Io scoppio a ridere e decido di confessarle un episodio che mi è capitato di recente a proposito di “location”.

Ero andata a casa di Gennaro, un ragazzo con cui ero uscita un paio di volte a mangiare la pizza (“Con quel nome? Che cliché” ha commentato Ginevra) e che quella sera aveva deciso di offrirmi uno speciale dessert: lui. Gli avevo rivelato che non ho esperienza, tanto per non creare troppe aspettative, e lui si era mostrato molto delicato e comprensivo.

Lodovica Comello è Dafne in ExtravergineHDFoxLife
Lodovica Comello è Dafne in Extravergine

Il mio sesto senso, come sempre, fiutava la fregatura ma lui aveva proposto anche la crostata fatta da sua nonna, per cui chi ero io per rifiutare?

Mentre mi ingozzavo beata di torta come se non ci fosse stato un domani, Gennaro mi faceva gli occhi dolci e piazzava allusioni piccanti come: “dicono che chi mangia con gusto abbia lo stesso appetito anche a letto, eh eh”.

E lì si riaffacciava quella vocina interiore che diceva: scappa! Ma la torta era veramente buona…

Una volta finita quella delizia, il nostro mi ha fatta sdraiare sul suo comodissimo divano e, per “creare la giusta atmosfera”, ha detto, ha drappeggiato un fazzoletto scarlatto sull’abat-jour. L’effetto non era niente male: subito il salotto si era colorato di una soffusa luce rossa che mimetizzava le imperfezioni della pelle facendoci apparire tutti e due più sani.

Quest’ultima osservazione è di Ginevra, ovviamente, che è sempre attenta al lato beauty di ogni situazione.

Gennaro ha preso a baciarmi, facendosi di minuto in minuto più appassionato. Ad un certo punto mi sono accorta che, alle sue spalle, saliva del fumo. Mi sono sporta meglio, mentre lui con perizia si concentrava sul mio collo, e ho realizzato con orrore che il fazzoletto rosso stava bruciando!

“Ehm, Gennaro…c’è qualcosa che va a fuoco qui” ho pigolato io.

“Sì piccola: sono io” ha mormorato lui estatico.

“No: è il fazzoletto”, gli ho spiegato facendolo voltare.

Le avventure di una Extra Vergine - Dafne e le location a luci rosseHDFoxLife
Le avventure di una Extra Vergine - Dafne e le location a luci rosse

L’ultima scena che ricordo è lui, mezzo svestito, che saltava come un ossesso nel tentativo di estinguere il mini incendio e io che morivo dal ridere.

Ginevra non riesce a crederci: “possibile che trovi solo degli uomini così inetti?” Allo stesso tempo però non può fare a meno di sganasciarsi come sto ancora facendo io.

Forse sono come Jessica Rabbit: sono attratta dagli uomini che mi fanno ridere. C’è da dire comunque che Gennaro ha mostrato una notevole presenza di spirito, chiudendo la serata con questa fulminante battuta:

“mi aspettavo un incontro a luci rosse, invece sono andato in bianco”.

Che sia davvero il grigio, con le sue cinquanta sfumature, il colore giusto per il sesso?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.