FoxCrime

Making a Murderer: un uomo ha confessato l'omicidio al centro della docu-serie

di - | aggiornato

Steven Avery e Brendan Dassey sono innocenti come dicono? Un detenuto del carcere del Wisconsin ha confessato l'omicidio della fotografa Teresa Halbach, al centro della docu-serie Making a Murderer.

Steven Avery in Making a Murderer Netflix/Newsweek

0 commenti

Condividi

C'è un colpo di scena nel caso dell'assassinio della fotografa Teresa Halbach, al centro della docu-serie Making a Murderer. Come scrive Newsweek, un anonimo detenuto del Wisconsin ha confessato l'omicidio alla troupe che sta girando il sequel, Convicting a Murderer.

Al momento, della morte della donna sono accusati Steven Avery e il nipote, Brendan Dassey. Ma la vicenda presenta molti punti oscuri. I due non hanno mai smesso di proclamare la propria innocenza e la dichiarazione di colpevolezza del misterioso galeotto potrebbe rappresentare una incredibile svolta.

Il regista Shawn Rech ha dichiarato che l'uomo ha ammesso le proprie responsabilità durante le riprese dei nuovi episodi:

Non possiamo confermare che la confessione sia credibile. Tuttavia, poiché proviene da un noto condannato per omicidio del Wisconsin, sentiamo la responsabilità di fornire tutte le prove possibili alle forze dell'ordine e agli avvocati che si occupano del caso. Il fatto di seguire la vicenda da 20 mesi ci ha permesso di scoprire una imperscrutabile quantità di informazioni e prove che ci stanno portando alla verità. La nostra indagine non finisce qui.

Tuttavia, come riporta Heavy.com, la (presunta) confessione esplosiva sembra piuttosto un fuoco di paglia.

L'anonimo detenuto ha dichiarato la propria colpevolezza non solo alla troupe della serie targata Netflix, ma anche all'avvocato di Avery, Kathleen Zellner. L'uomo ha inviato alla donna una lettera, rivelando così il suo nome: Joseph W. Evans Jr. Ed è proprio l'identità del sedicente serial killer a rendere la sua dichiarazione di colpevolezza ben poco, se non per niente attendibile.

Condannato per l'omicidio della moglie e rinchiuso nello stesso carcere di Avery, in un'altra missiva del 2016, ha affermato che il compagno di prigione gli avrebbe confessato di avere ucciso Teresa Halbach:

[Steven Avery, n.d.r.] l'avrebbe fatta franca, se quell'idiota di suo nipote Brendan non avesse parlato con la polizia, come lui gli aveva consigliato...

Un precedente che getta lunghe ombre sulla credibilità delle parole di Evans Jr. A maggior ragione, dal momento che nella missiva a Zellner chiede apertamente denaro per la sua "testimonianza":

Avanzo una richiesta per la ricompensa che offri in cambio di informazioni sul caso di Steven Avery. Ho provato a contattarti per telefono e tramite un amico e un membro della famiglia, ma senza successo. Sono certo che sai chi sono. Ma c'è molto altro oltre a quello che sai (sic). Sono stato usato dallo stato, ma sono pronto ad andare avanti con tutto quello che so. Ma dirò a te quello che è successo, in cambio della ricompensa che offri.

L'avvocato di Avery ha pubblicato su Twitter l'intera lettera e... il modulo per la distinta di versamento, invitando ironicamente a giudicare la credibilità della confessione:

Prima di rendere pubblica la lettera e il nome di Evans Jr., Zellner aveva dichiarato a Heavy di avere buone ragioni di ritenere che il misterioso testimone, la cui identità era "familiare", fosse solo a caccia di soldi:

Siamo stati contattati dal detenuto una settimana fa. Ha inviato la missiva scritta a mano a noi, prima di contattare la società di produzione. La confessione è arrivata solo per la nostra offerta di una ricompensa di 100mila dollari e non ha nulla a che fare con la società di produzione. Quando non abbiamo risposto immediatamente a questa persona, ha chiamato la società di produzione.

L'avvocato ha aggiunto che il sedicente serial killer ha chiesto altri 250mila dollari e aiuto economico e legale per affrontare il processo e ha osservato laconicamente che la sua dichiarazione di colpevolezza "è inutile, a meno che non venga provata".

Tuttavia, ha affermato che la battaglia per dimostrare l'innocenza del suo cliente non è conclusa:

A coloro che credono in Steven: non lasciatevi scoraggiare dagli ultimi eventi. Abbiamo ricevuto alcune dritte molto credibili. Una volta che le avremo verificate, le faremo avere alle forze dell'ordine. Basta acrobazie pubblicitarie. Basta moduli per la distinta di versamento.

Dopo i tweet di Zellner, Shawn Rech ha dichiarato che il Dipartimento di Giustizia del Wisconsin lo ha contattato per fargli domande sulla (presunta) confessione di Evans Jr. E a breve distanza, un portavoce ha espresso la posizione ufficiale del dicastero sulla vicenda: 

Il Dipartimento di Giustizia (DoJ) del Wisconsin ha ricevuto le nuove informazioni relative al caso. Il DoJ prende sul serio tutti i rapporti credibili, ma è importante notare che queste nuove informazioni contraddicono in maniera diretta le informazioni fornite in precedenza dalla stessa persona.

Dunque, la vicenda di Steven Avery (impegnato nel processo d'appello) e Brendan Dassey (che ha portato il suo caso fino alla Corte Suprema, dove la sua richiesta di un nuovo processo è stata respinta) è tutt'altro che chiusa.

Le "dritte" di cui parla l'avvocato Kathleen Zellner porteranno a una svolta? Il suo assistito e suo nipote sono davvero innocenti e vittime di un complotto, come sostengono?

Ma soprattutto, Teresa Halbach otterrà finalmente e definitivamente giustizia?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.