FoxCrime

Sahar Tabar, la 'Angelina Jolie zombie', arrestata per blasfemia in Iran

di - | aggiornato

Sahar Tabar, la Angelina Jolie zombie, è stata arrestata con l'accusa di blasfemia dalle autorità iraniane.

Una foto di Sahar Tabar Sahar Tabar/Instagram

0 condivisioni 0 commenti

Condividi

Sahar Tabar è diventata un nome famoso su Instagram dopo aver pubblicato una serie di foto in cui mostrava gli effetti di circa 50 interventi di chirurgia estetica dietro i quali di celava il desiderio di somigliare ad Angelina Jolie. In realtà, si è scoperto più tardi, molte foto erano semplicemente frutto di un trucco professionale unito a un qualche software di fotoritocco.

Volto emaciato, labbra gonfiate all’inverosimile e naso all’insù fanno somigliare la ragazza a Emily, protagonista de La Sposa Cadavere, piuttosto che alla star di Maleficent - Signora del male.

View this post on Instagram

#sahartabar #beforeandafter

A post shared by Sahar Tabar ☠️🖤 (@sahartabar.before) on

La Tabar è stata ora arrestata e accusata di blasfemia. Durante le sue dirette sul social che l'ha resa nota, avrebbe condannato i precetti religiosi riferiti al vestiario del suo paese, l'Iran.

All'accusa di blasfemia si aggiungono altri capi d’imputazione: istigazione alla violenza, acquisizione illegale di proprietà, insulto al codice di abbigliamento del Paese e incoraggiamento dei giovani a commettere azioni immorali.

Le autorità si sono subito mosse nei confronti della donna, cancellando il suo profilo Instagram originale. La reazione del web è stata immediata: numerosi utenti hanno criticato la durezza con cui le istituzioni hanno agito nei riguardi della influencer. 

Non si tratta della prima star di Internet ad essere andata incontro a una decisione simile in Iran. Teheran ne ha private molte della libertà dopo averle accusate di aver disconosciuto la sacralità della legge o di rappresentare cattivi esempi per i giovani iraniani.

Instagram è l'unica piattaforma social ad essere accessibile in Iran, mentre Facebook, Twitter e Telegram sono ufficialmente proibiti.

Fonte: BBC

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.