FoxCrime

Joker conquisterà gli Oscar? I commenti a caldo dei membri dell'Academy

di - | aggiornato

Domenica 13 ottobre c'è stata la proiezione ufficiale del film di Todd Phillips per i componenti dell'Academy: le reazioni sono state contrastanti...

Todd Phillips e Joaquin Phoenix sul set di Joker Warner Bros.

18 condivisioni 0 commenti

Condividi

Gli Oscar 2020 si avvicinano e il 13 gennaio saranno rese note le candidature ai 92esimi Academy Awards. Con tutta probabilità saranno otto i film in nomination per la statuetta di Miglior film, che sarà assegnata la Notte del 9 febbraio, e tra questi potrebbe esserci Joker.

Il cinecomic di Todd Phillips ha già conquistato il Leone d'Oro a Venezia 76 e ha superato quota 500 milioni di dollari incassati in tutto il mondo.

Sono già arrivati endorsement eccellenti al momento della sua uscita al cinema. Chris Rock ha definito l'origin-story del villain come "incredibile" e "capolavoro".

Particolarmente significato è stato il lungo post dedicato da Michael Moore al film.

Joker è un capolavoro. Il pericolo è NON vederlo. Quel pagliaccio disturbato non è solo. Perché la storia è così profonda, così necessaria, che se distogli lo sguardo dal genio di quest'opera d'arte, perderai il dono che ci offre.

Domenica 13 ottobre 2019 c'è stata la proiezione ufficiale di Joker per i componenti dell'Academy. La sala era particolarmente affollata: 500 persone hanno preso parte all'evento.

The Hollywood Reporter è riuscito a carpire le prime reazioni e i pareri sono contrastanti: è soprattutto l'"ambiguo" messaggio politico del film a "preoccupare" i componenti dell'Academy.

Anche se impeccabile dal punto di vista realizzativo e produttivo, Joker è considerato "troppo violento", "pericoloso" ed eccessivo nell'aspra contrapposizione tra popolo ed élite, nella descrizione delle fratture sociali che, a Gotham come negli Stati Uniti post-Trump, si manifestano in tutta la loro brutalità e potenza.

L'unico punto su cui quasi tutti concordano è Joaquin Phoenix: l'attore è strepitoso e merita l'Oscar.

Un componente dell'Academy fa un bilancio generale dei commenti dei suoi colleghi.

Nonostante sia un film così oscuro e inquietante che si pensa non otterrà quei commenti entusiasti di un film più ottimista, è stato accolto molto bene. Penso che sia un film brillante. E Phoenix non è mai stato migliore.

I produttori sono preoccupati soprattutto dall'odio di classe descritto dal film.

Per me la violenza gratuita del film manda un messaggio molto strano. Incasserà un sacco di soldi, e qualsiasi studio produrrebbe un film così, ma è davvero responsabile? Una volta è successo anche a me un caso di questo tipo, e ho scelto di non produrre il film, che poi è stato fatto e ha incassato parecchio.

Un altro executive è particolarmente confuso.

Joaquin merita una nomination all'Oscar – la sua interpretazione spacca – e la fotografia è fantastica. Comunque, di sicuro non voglio rivederlo. Non sono un esperto di salute mentale, ma sono certo che ci sono molte persone che quando vedranno il pazzo che danza nel bagno dopo la triplice uccisione, penseranno sia una cosa sexy da fare. L'adorazione nei suoi confronti alla fine potrebbe anche sembrare abbastanza cool per una persona malata di mente.

La responsabilità è la questione più dibattuta tra i vari producers.

Adoro Aronofsky, von Trier, Haneke e la maggior parte dei film che davvero spingono oltre i confini dell'oscurità. Ma qui c'è un nichilismo e un narcisismo che hanno lasciato un gruppo di noi produttori davvero disturbati e a disagio.

L'incertezza regna tra i boss dei vari studios.

Non so ancora cosa sia responsabile fare in qualità di votante. Se l'arte non viene usata per cominciare una riflessione su certi temi, e viene usata solo per esacerbare qualcosa, non sono sicuro di quanto sia benefica.

Soltanto in pochi hanno certezza di aver assistito ad un film da Oscar.

L'ho amato e sono sicuro vincerà l'Oscar come miglior film. Mi sono proprio stufato dei film di supereroi: Joker mi è piaciuto perché è un grande film prima che un film di genere.

Una produttrice la pensa allo stesso modo.

Mi ha messo a disagio dalla prima all'ultima scena, ma penso che il film sia davvero straordinario. Non ho voluto leggere nulla prima di vederlo, e pensavo fosse una sorta di Batman. La performance di Joaquin Phoenix è una delle più straordinarie che abbia mai visto in molti anni.

Gli sceneggiatori apprezzano la qualità complessiva del film, anche se una sceneggiatrice ha qualche riserva.

Non è particolarmente originale nel raccontare la storia di un solitario che precipita nella psicopatia, anche se Joaquin Phoenix è uno dei nostri migliori attori in ogni ruolo che interpreta.

Uno sceneggiatore va invece dritto al punto.

È crudo, realistico e suggestivo, e penso che sia un tentativo coraggioso di capire cosa sta succedendo nella nostra società in questo momento. Non ho ancora visto gli altri film di questa stagione, ma, artisticamente, penso che questo sia più forte di molti dei film candidati all'Oscar l'anno scorso. Ma dimentichiamoci per un attimo dell'Academy: quanti altri film negli ultimi dieci anni sono riusciti a raggiungere un tale livello per un pubblico di massa?

Un collega concorda ed esalta il copione di Phillips e Scott Silver.

Un tempo, si perdeva la testa per film come Arancia meccanica e Gangster Story. Joker è un'esperienza illuminante e angosciosa il cui coraggio e talento andrebbero applauditi, specialmente in un'era di cinema sterilizzato e incellofanato.

Le critiche maggiori arrivano dai componenti del settore PR e marketing. C'è chi stronca completamente il film, memore dei tempi di Tim Burton.

Solo Michelle Pfeiffer e Danny DeVito in Batman - Il ritorno sono riusciti a bilanciare i toni dark con la leggerezza. Joker non ha un punto di vista sulla politica e la lotta di classe, e la sua descrizione della malattia mentale è irresponsabile. Joaquin è così sopra le righe da risultare irritante.

Anche dal settore registi piove qualche critica sul risultato finale.

Quando la violenza ha il solo scopo di scioccare, la trovo disgustosa. Non è basata su alcuna caratterizzazione reale. Sembra anche che questo film sia stato fatto solo per provocare. Ma trovo che non sia neanche abbastanza interessante.

Un regista della sezione documentari è d'accordo con il suo collega: il film di Phillips è tecnicamente superbo (la fotografia di Lawrence Sher, le musiche di Hildur Guðnadóttir, la prova d'attore di Phoenix) ma narrativamente fragile ed equivoco.

Il nichilismo della trama, l'intensificare volutamente lo spettro di sconvolgimento sociale negli Stati Uniti di oggi è pericolosamente sovversivo.

Joker (2019)

Data uscita in Italia: 03 ottobre 2019 voto 7,5
  • Titolo originale: Joker

  • Genere: Drammatico, Giallo, Thriller

  • Nazione: Stati Uniti d'America

  • Regista: Todd Phillips

  • Durata: 122 min

  • Cast: Joaquin Phoenix, Robert De Niro, Zazie Beetz, Shea Whigham, Bryan Callen, Brett Cullen, Frances Conroy, Glenn Fleshler, Marc Maron, Douglas Hodge, ...

Insomma, Joker è un film che disturba, spiazza e divide gli addetti ai lavori statunitensi. Proprio perché tocca nervi scoperti della società.

Secondo voi riuscirà, nonostante tutto, a portare a casa un Oscar?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.