FOX

Francis Ford Coppola aggiunge il suo nome alla polemica Marvel: botta e risposta

di - | aggiornato

Dopo Martin Scorsese, anche Francis Ford Coppola è entrato nella polemica sui film di supereroi. Il regista ha attaccato duramente i film Marvel e (ovviamente) la risposta dei colleghi coinvolti non si è fatta attendere.

Francis Ford Coppola a un evento ufficiale Getty Images

9 condivisioni 1 commento

Condividi

La miccia è stata accesa e l'incendio sembra indomabile. Dopo che Martin Scorsese ha dichiarato che i cinecomic non sono cinema e li ha paragonati a un parco dei divertimenti (salvo poi aggiustare un po' il tiro), è arrivato Francis Ford Coppola ad alimentare le fiamme della polemica sui film Marvel.

Come riportano Deadline e Slash Film, il regista della saga di Il padrino e di Apocalypse Now non solo ha detto a chiare lettere di essere d'accordo con il celebre collega, ma ha anche espresso un giudizio tranchant:

Quando Scorsese afferma che i film Marvel non sono cinema ha ragione. Perché dal cinema ci aspettiamo di imparare qualcosa, di ricevere qualcosa: illuminazione, conoscenza, ispirazione. Non credo che sia possibile ottenere qualcosa dal rivedere più e più volte lo stesso film. Martin è stato gentile a dire che non sono cinema. Non ha detto che sono spregevoli, cosa che invece dico io.

Com'era prevedibile (e inevitabile), le parole del filmmaker hanno generato una immediata reazione.

Il regista James GunnHDGetty Images
James Gunn ha rsposto alle critiche di Francis Ford Coppola con una interessante riflessione sul mondo del cinema

Dopo avere chiarito che Scorsese è "un genio", lo sceneggiatore di Doctor Strange, C. Robert Cargill, ha detto che "chiunque sostenga che Marvel stia solo cercando di fare una corsa in un parco a tema è cinico e ingiusto".

Ma una delle risposte più articolate ed equilibrate sull'argomento è probabilmente quella formulata da James Gunn. Il regista di Guardiani della galassia ha offerto una interessante riflessione sull'evoluzione del mondo del cinema e dell'atteggiamento (e dei gusti) del pubblico:

Molti dei nostri nonni pensavano che i film di gangster fossero tutti uguali e spesso li definivano 'spregevoli'. Diversi dei nostri bisnonni pensavano lo stesso dei western e credevano che i film di John Ford, Sam Peckinpah e Sergio Leone raccontassero le medesime, identiche storie. Ricordo un prozio al quale stavo facendo una testa così per Star Wars. Mi ha risposto: 'L'ho visto quando si chiamava 2001. Ragazzo mio, era noioso!'. I supereroi sono semplicemente i gangster, i cowboy e gli avventurieri di un'altra dimensione di oggi.

Il filmmaker ha concluso riconoscendo la diversa qualità dei cinecomic in circolazione e ha aggiunto che ognuno è libero e ha diritto di dire la sua opinione:

Alcuni cinecomic sono terribili, altri sono meravigliosi. Come i film western e di gangster (e prima ancora, come tutti i film), non tutti li apprezzeranno. Anche tra geni indiscussi. E va bene così.

View this post on Instagram

Many of our grandfathers thought all gangster movies were the same, often calling them “despicable”. Some of our great grandfathers thought the same of westerns, and believed the films of John Ford, Sam Peckinpah, and Sergio Leone were all exactly the same. I remember a great uncle to whom I was raving about Star Wars. He responded by saying, “I saw that when it was called 2001, and, boy, was it boring!” Superheroes are simply today’s gangsters/cowboys/outer space adventurers. Some superhero films are awful, some are beautiful. Like westerns and gangster movies (and before that, just MOVIES), not everyone will be able to appreciate them, even some geniuses. And that’s okay. ❤️

A post shared by James Gunn (@jamesgunn) on

La saggia e diplomatica risposta di James Gunn (sulla falsariga di quella di Robert Downey Jr. a Martin Scorsese) metterà fine alla discussione? La sensazione è che la dura critica avanzata dai due grandi registi non sia che la punta di un iceberg. 

Come riporta ancora Slash Film, Francis Ford Coppola avrebbe avuto da ridire anche sui film Pixar. A rivelarlo è stato Lee Unkrich (co-autore di Toy Story 2 e 3, Monsters & Co., Alla ricerca di Nemo, Coco) in un post pubblicato su Twitter e poi cancellato (ma non abbastanza in fretta per non essere annotato):

Nessuno dovrebbe giudicare un genere o un mezzo di comunicazione più o meno degno di essere chiamato cinema. Ho incontrato Coppola due volte e in entrambe si è dimostrato sprezzante nei confronti dei film che avevamo realizzato alla Pixar. Mi ha davvero depresso e posso immaginare come si sentano i registi del Marvel Cinematic Universe.

La discussione sembra più aperta che mai e sarà interessante vedere che direzione prenderà: distruttiva o costruttiva?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.