FOX

Game of Thrones 8: alcune scene tagliate avrebbero spiegato la discesa di Daenerys nella follia

di - | aggiornato

La trasformazione di Daenerys nella Mad Queen è una delle svolte narrative che più hanno deluso e fatto arrabbiare i fan di Game of Thrones. Ma alcune scene tagliate spiegavano (meglio) l'evoluzione della Madre dei Draghi.

Daenerys in Game of Thrones 8, poco prima di distruggere Approdo del Re HBO

89 condivisioni 1 commento

Condividi

I fan non si sono ancora rassegnati alla fine di Game of Thrones. C'è chi proprio non riesce a credere di avere detto addio per sempre a Jon, Daenerys, Tyrion e tutti gli altri (amati e odiati) protagonisti. E chi non si fa un ragione di come si è conclusa la serie.

Molti spettatori sono delusi e arrabbiati per la piega presa dalla storia e da alcuni personaggi. Uno su tutti, la Madre dei Draghi. La sua trasformazione nella Mad Queen è stata giudicata affrettata e incoerente e ha acceso un fuoco di polemiche che continua a bruciare e non sembra destinato a spegnersi tanto in fretta (del resto, potrebbe essere altrimenti?).

Ma forse non è stato il copione a tradire la Khaleesi, bensì il montaggio.

Dopo che lo script dell'episodio finale, The Iron Throne, è stato reso pubblico in occasione degli Emmy (svelando un dettaglio non di poco conto su Drogon), è diventato possibile consultare le sceneggiature di tutta la stagione 8 presso la Writers Guild Foundation della Shavelson-Webb Library di Los Angeles.

Insider è andato a leggerle e ha scoperto che alcune scene tagliate avrebbero spiegato la discesa di Daenerys nella follia

Le sequenze eliminate riguardano la storia d'amore tra Verme Grigio e Missandei, il dialogo tra Jon Snow e la Madre dei Draghi dopo l'esecuzione di Varys e la distruzione della Fortezza Rossa.

La storia d'amore tra Verme Grigio e Missandei

Nel copione originale, il dialogo tra Verme Grigio e Missandei nell'episodio 8x01, Winterfell, contiene un paio di battute in più, che confermano il forte, fortissimo legame tra i due. Ma il passaggio che veramente conta è stato tagliato dalla sceneggiatura di 8x04, The Last of the Starks.

Lo script rivela che Verme Grigio e Missandei partecipano alla festa a Grande Inverno dopo la battaglia con il Night King e siedono di fianco a Daenerys.

A un certo punto, la giovane interprete guarda di nascosto il guerriero e sul volto le compare un sorriso:

Quando si accorge che Dany la osserva, smette di sorridere e guarda avanti, cercando di darsi un contegno.

Missandei e Verme Grigio in Game of Thrones 8HDHBO
Alcune scene tagliate della storia tra MIssandei e Verme Grigio chiarivano la discesa nella follia di Daenerys

La Madre dei Draghi sorride a sua volta, perché è felice per Missandei e Verme Grigio, ma si rabbuia non appena il suo sguardo si posa su Jon Snow. Il giovane è immerso nei suoi pensieri e il sorriso della Khaleesi svanisce.

Più tardi, Daenerys congeda il comandante degli Immacolati. E quando Verme Grigio lascia la festa, Missandei dice di non sentirsi bene e chiede alla sua regina se può ritirarsi. La giovane, "una terribile bugiarda", fatica a trovare una scusa, ma è la stessa Madre dei Draghi (che sa che sta mentendo) a offrirle una via d'uscita. Così, la ragazza se ne va.

E a questo punto arriva un passaggio chiave:

Dany è felice per la sua amica. Ma anche consapevole che tutti sembrano divertirsi tranne lei. È sola e Varys lo ha notato.

La scena successiva è quella in cui Tormund magnifica il coraggio e le prodezze di Jon Snow e afferma che solo un re potrebbe agire così. Di fatto, rivendicando (seppure inconsapevolmente) il diritto del giovane a sedere sul Trono di Spade. 

Tormund, Jon e Daenerys in Game of Thrones 8HBO
In alcune sequenze eliminate della festa a Winterfell, Daenerys realizzava di essere davvero, davvero sola

Il copione originale fissa il momento in cui peggiori incubi di Dany prendono forma.

Ha vinto la guerra contro gli Estranei, ma ha perso Ser Jorah Mormont e l'amore tra Verme Grigio e Missandei la mette di fronte all'amara realtà dell'abisso che si sta spalancando tra lei e Jon. La sua fiducia nel giovane vacilla, così come quella (già duramente provata) in Tyrion.

Tutto quello che ha sempre creduto suo di diritto non lo è ed è chiaro che il Nord vede in lei nient'altro che una regina straniera.

Il dialogo tra Jon Snow e la Madre dei Draghi dopo l'esecuzione di Varys

La sceneggiatura iniziale dell'episodio 8x05, The Bells, rivela che il dialogo tra Jon Snow e Daenerys dopo l'esecuzione di Varys è più lungo di quello visto sullo schermo e affronta anche lo spinoso tema della relazione incestuosa tra i due.

Quando il giovane entra nella stanza della Madre dei Draghi, la Khaleesi gli chiede subito di cosa hanno parlato lui e il Ragno sulla spiaggia, al suo arrivo a Roccia del Drago. Jon, che "odia alimentare i sospetti sempre maggiori" della giovane Targaryen, "ma ancora di più odia mentire", cerca di evitare la discussione:

Credo che tu lo sappia.

Ma alla fine, cede di fronte all'insistenza di Dany:

Sapeva di me. E voleva che rivendicassi il trono.

A questo punto, lo script si collega a quello effettivamente utilizzato. Ma con una sostanziale differenza. Dopo che il giovane dice a Daenerys che la ama e sarà sempre la sua regina, la Madre dei Draghi gli chiede:

È tutto quello che sono per te? La tua regina?

Jon e Daenerys in Game of Thrones 8HBO
Il dialogo tra Jon e Daenerys in The Bells conteneva alcune battute che mostravano la solitudine della Madre dei Draghi

Nell'episodio visto in TV, Jon non parla. Lascia che lei lo baci e poi i due si allontanano. Invece, nel copione originale risponde:

No.

I due si baciano e la Khaleesi capisce di averlo perduto:

Dany cerca disperatamente una connessione. Non ricorda di essersi mai sentita così sola. Si allontana da Jon e lo guarda. Per lui è complicato. La ama. Disapprova con tutto sé stesso le azioni di lei. La desidera. La teme. Lei sente la sua ambivalenza.

Il tormento di Jon è davanti a lei e la Madre dei Draghi va dritta al punto:

Ti ripugna.

Il giovane prova a parlarle, ma lei non vuole ascoltare. Ed è allora che dice che se Westeros non la ama, dovrà temerla.

Di fatto, le sequenze tagliate, ma soprattutto le battute eliminate chiariscono che, alla vigilia dell'attacco ad Approdo del Re, Daenerys sa che anche l'uomo che ama e che credeva l'amasse è perduto.

Con lei non c'è più nessuno. Può contare solo su sé stessa, su Drogon e Verme Grigio. Una donna disperata, consumata da una profezia di potere, una creatura di morte e distruzione legata indissolubilmente a sua "madre" e un guerriero in cerca di vendetta...

Come avrebbe potuto finire la battaglia, se non come è finita?

Daenerys e Drogon distruggono Approdo del Re in Game of Thrones 8HDHBO
La furia di Daenerys e Drogon contro Approdo del Re

La distruzione della Fortezza Rossa

Il montaggio finale di The Bell sceglie di non mostrare più Daenerys dopo che decide di distruggere Approdo del Re. La giovane Targaryen è una cosa sola con Drogon e adempie il suo destino di drago portatore di "fuoco e sangue".

Invece, nella sceneggiatura originale, c'è un (breve) momento in cui la Khaleesi torna protagonista. 

Dany si avvicina alla Fortezza Rossa e guarda la sala del trono. Ed è allora che vede il leone dei Lannister sul vetro di una delle finestre. Il sigillo degli odiati nemici è l'ultima spinta, rappresenta tutto quello che le è stato portato via e scatena la sua furia. A quel punto, la Madre dei Draghi distrugge il castello e uccide (di fatto) Cersei e Jaime.

Daenerys è la Mad Queen in Game of Thrones 8HDHBO
Nello script originale, il leone dei Lannister sulla Fortezza Rossa spinge Daenerys a distruggere il castello

La scena è un'ulteriore tessera nel puzzle della follia di Daenerys, anche se forse non rilevante come le precedenti.

Tuttavia, la sensazione è che neppure i chiarimenti degli script originali basteranno ai fan per accettare il finale di Game of Thrones. Ma del resto, è impossibile che la conclusione di una serie della portata di quella di HBO possa accontentare tutti.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.