FOX  

[Spoiler!]

Watchmen e il doppio collegamento con Lost nell'episodio pilota

di - | aggiornato

Damon Lindelof aveva dei piani per Lost che all'epoca, nel 2004, non furono realizzati. Oggi, 15 anni dopo, si è preso la sua rivincita con l'episodio pilota di Watchmen. Ecco in che modo.

Una scena dal pilot di Watchmen HBO

20 condivisioni 0 commenti

Condividi

Il giorno tanto atteso è arrivato: Watchmen, la serie tratta dall'omonimo fumetto DC Comics e già portata precedentemente sul grande schermo, ha debuttato negli USA e in Italia (su Sky Atlantic, con l'episodio in lingua originale sottotitolato in italiano) con la firma di Damon Lindelof.

Un grande esordio, per un episodio pilota ricco d'azione, dramma e mistero. 

A proposito di mistero, proprio Lindelof, già dietro le quinte di Lost insieme a J.J. Abrams, ha infarcito Watchmen di citazioni.

Nell'episodio pilota, il primo dei due richiami a Lost - in una situazione perfino più drammatica di un aereo che si schianta - si trova quasi all'inizio.

Attenzione! Possibili spoiler!

Il piccolo sopravvissuto (Daniel Boyd Jr.), si risveglia dopo l'attacco al suo trasporto. Solo, in mezzo all'erba, si alza e si aggira per cercare di capire cos'è successo.

Vede il corpo di una donna, poi sente piangere e trova una bambina, che raccoglie fra le proprie braccia.

Sullo sfondo, in lontananza, Tulsa è in fiamme. Le stesse fiamme che rendono omaggio alla celebre scena di Via col vento in cui il Sud è invaso dal fuoco e le stesse fiamme che Jack (Matthew Fox) avrebbe scorto sulla spiaggia, dopo essersi risvegliato in seguito al disastro aereo, con una delle turbine che brucia.

Anche Jack si era risvegliato da solo, confuso, e anche lui avrebbe trovato i corpi di chi non era sopravvissuto all'incidente.

Questo è il richiamo a ciò che abbiamo visto in TV, ma c'è dell'altro.

Un pilot di Lost in cui il Dr. Jack Shephard era interpretato da Michael Keaton, che avrebbe lasciato subito il posto di leader del gruppo a Kate Austen (Evangeline Lilly).

Come nel pilot di Watchmen, in un certo senso,

Attenzione! Possibili spoiler!

il personaggio di riferimento per i buoni, interpretato in questo caso da Don Johnson, sarebbe uscito di scena per cedere il comando a qualcun altro.

In Watchmen, il protagonista Judd Crawford (Johnson), capo della polizia, fa una brutta fine già nel pilot. Anche per Lost era stato previsto un destino simile, con Keaton che, impegnato al cinema, non era disposto a girare un'intera serie e avrebbe lasciato spazio alla Lilly ben volentieri.

Ma le cose andarono diversamente e, come sappiamo, Fox venne scelto per il ruolo di Jack e per diventare la guida del gruppo.

Come segnala Vanity Fair, benché Lindelof non abbia mai spiegato la ragione del cambiamento rispetto al copione originale del pilot di Lost, un saggio del 2015 scritto da Javer Grillo-Marxuach, sceneggiatore della serie, riportava questa spiegazione:

La triste realtà nella TV americana nel 2004 era che le serie avevano bisogno di protagonisti competenti, facilmente identificabili con abilità che innegabilmente parlassero della loro leadership ed eroismo: e questo era, il più delle volte, un bel ragazzo bianco con una laurea in criminologia, legge o medicina... E un passato assurdamente tragico.

Watchmen: il posterHDHBO
Watchmen: il poster della serie

Da quel momento sono passati 15 anni e sì, ora il protagonista di riferimento per una serie TV può essere una donna. Di colore. Sposata a con figli.

Mi riferisco al personaggio, straordinario, interpretato da Regina King (The Leftovers, The Big Bang Theory): Angela Abar.

Damon Lindelof ha potuto realizzare ciò che voleva: dare il ruolo da protagonista a una donna. Ha dovuto aspettare 15 anni per farlo, ma alla fine c'è riuscito.

E, se avete già visto il pilot di Watchmen, sapete che ha fatto un gran lavoro.

Ora sappiamo anche che, in Lost, le cose sarebbero dovute andare in modo diverso, fin dall'episodio pilota...

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.