FOX  

The Walking Dead: e se Dante fosse una spia dei Sussurratori?

di - | aggiornato

Dante assiste Siddiq, lo aiuta, riconosce i sintomi del disturbo che lo tormenta... Ma se fosse proprio lui a scatenarlo? Ecco la teoria sul ruolo di Dante, presunta spia dei Sussurratori, nella stagione 10 di The Walking Dead.

14 condivisioni 0 commenti

Condividi

Giusto nella recensione allo scorso episodio avevamo parlato di lui: Dante, interpretato da Juan Janvier Cardenas (S.W.A.T., Shooter, Snowfall) e proveniente direttamente dal fumetto di The Walking Dead, si era fatto notare per la sua capacità di far sorridere Siddiq (Avi Nash, Silicon Valley) in un momento difficile.

Nella serie, in cui la situazione è molto diversa da quella del fumetto, Dante lavora come assistente di Siddiq e gli copre le spalle quando si trova in difficoltà.

Affabile, intelligente e capace di catalizzare l'attenzione, il personaggio si presenta come un medico che si unisce ai sopravvissuti di Alexandria, e nell'ultimo episodio trasmesso racconta a Siddiq di essere stato un medico nell'esercito, durante la guerra in Iraq.

Per questo, avendo sofferto in prima persona di PTSD (disturbo post-traumatico da stress), riconosce in Siddiq i sintomi della stessa sindrome e lo aiuta.

The Walking Dead: Dante con SiddiqAMC
The Walking Dead: Dante con Siddiq nell'episodio Fantasmi

Il trauma di Siddiq

Dopo essere stato costretto ad assistere al massacro compiuto da Alpha e i Sussurratori ai danni dei suoi amici, inclusi i giovani Enid e Henry, finiti sulle picche, Siddiq è tormentato da flashback sconvolgenti.

Vede il volto di Alpha, sente le grida dei suoi, si estranea dalla realtà, sopraffatto dalle immagini mentali del trauma che lo tormenta.

Lasciato volutamente vivo, come testimone della crudeltà di cui i nemici sono capaci, Siddiq è in qualche modo diventato il ricordo vivente di quel massacro.

Una sorta di memoria collettiva per gli abitanti di Alexandria, che con la sua presenza non possono mai dimenticare ciò che hanno dovuto sopportare.

In questo contesto, il legame di esperienze vissute, diventa con Dante uno strumento molto potente per far presa sulla sua psiche.

Questo potrebbe essere il primo indizio del ruolo di Dante come spia, ma c'è molto altro.

La teoria su Dante

Come ricorda efficacemente Comicbook, tanto per cominciare Dante ricorda fisicamente, e parecchio, l'uomo che vediamo di spalle contro il quale Daryl si scaglia con violenza in uno dei trailer della stagione 10. Potete rivederlo qui sotto:

Il fermo-immagine di Daryl al minuto 1:08 del trailer di luglio, quello rilasciato durante il Comic-Con di San Diego, mostra questo:

The Walking Dead 10: un frame del trailerAMC
The Walking Dead 10: un frame del trailer di luglio

Daryl sta prendendo a pugni qualcuno, con Carol alle sue spalle che assiste alla scena, in un luogo che sembrerebbe proprio essere l'infermeria. E quel qualcuno sembrerebbe proprio indossare un camice bianco e non ha i capelli di Siddiq. Si tratta di un unico, breve, rapidissimo indizio... Ma è qualcosa da non sottovalutare.

Il secondo indizio riguarda le parole di Angela Kang (potete rileggerle qui), che aveva paragonato il clima della stagione 10 di The Walking Dead a quello della Guerra Fredda.

Ed è storicamente noto che un elemento chiave della Guerra Fredda era lo spionaggio. E sappiamo, direttamente da Alpha, che i Sussurratori osservano sempre i loro nemici. Sempre.

Alpha sa tutto, più di quanto dica. Che abbia inviato un infiltrato fra le fila di Alexandria? E che si tratti proprio di Dante, comparso dal nulla?

La questione Maggie

The Walking Dead: Maggie e DanteHDAMC
The Walking Dead: Maggie e Dante accostati in un'immagine

In attesa del ritorno di Maggie (Lauren Cohan), che a questo punto diventa una certezza e non più una speranza, dobbiamo necessariamente fare il paragone con il Dante dei fumetti.

Nel fumetto, infatti, Dante rappresenta un interesse sentimentale per Maggie. 

La affianca a Hilltop, e si dimostra sia affascinanate che manipolatore, capace di far credere agli altri cose false sul suo conto.

Nella serie, Dante si trova ad Alexandria e la showrunner ha detto che avrà un ruolo importante nella storia di questa comunità.

Ma non ha mai detto che si tratterà di un ruolo positivo... Maggie, presumiamo, tornerà nella sua comunità, Hilltop, lontana da Dante.

Ma non per questo, le caratteristiche del personaggio interpretato da Cardenas devono necessariamente cambiare.

Reduci

The Walking Dead: Dante a fumettiSkyb
The Walking Dead: Dante nel fumetto

Ultimo indizio su cui riflettere: sappiamo che Dante riconosce i sintomi del PTSD di cui soffre Siddiq perché è un medico e perché, dice, è stato in guerra.

Come Siddiq, dunque, è reduce da un trauma.

Ma se fosse proprio lui a scatenare quei sintomi? Se fosse stato in qualche modo "registrato" fra le fila dei Sussurratori da Siddiq nei momenti concitati del massacro delle picche, diventano una sorta di elemento scatenante, quello che in termini medici si definisce "trigger"?

La questione non è da sottovalutare, visto che gli altri - quando Siddiq si estranea - non sembrano farci caso tanto quanto Dante.

E visto che la presenza di Dante è spesso collegata a questi episodi per Siddiq.

Che dite? Abbiamo abbastanza idee per confermare l'ipotesi, secondo voi?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.