FOX

The Last of Us Part II: l'uscita su PS4 slitta in primavera, ecco la nuova data

di - | aggiornato

A sorpresa e a solo un mese dall'annuncio della release, Sony e Naughty Dog posticipano la data di uscita di The Last of Us Part II su PlayStation 4. L'appuntamento con Ellie e Joel slitta a maggio.

Un primo piano di Ellie da The Last of Us Part II Sony/Naughty Dog

1 condivisione 0 commenti

Condividi

Solo un mese fa, Sony e i "cagnacci" californiani di Naughty Dog fissavano al 21 febbraio del prossimo anno la data di uscita di The Last of Us Part II.

E lo facevano con tutti i crismi del caso, allestendo uno speciale State of Play per omaggiare al meglio quella che, con Death Stranding di Hideo Kojima, è l'esclusiva PlayStation 4 e PlayStation 4 Pro più attesa dagli appassionati. Condendo il tutto con un trailer che è riuscito ad incendiare un hype già incandescente. 

Un idillio che nelle ultime ore è stato incrinato dall'annuncio che non ti aspetti. Dalle pagine del PlayStation Blog, il colosso giapponese e il team di sviluppo hanno infatti ufficialmente posticipato la release dell'avventura post apocalittica con protagonisti Ellie e Joel, facendola slittare di circa tre mesi, fino al 29 maggio del 2020

Una scelta di certo non facile, ma che permetterà a Naugty Dog di migliorare la qualità della produzione per rispecchiare i suoi conclamati standard. A spiegarlo con un lunghissimo messaggio, e sempre sulle pagine del portale istituzionale dell'universo PlayStation, è Neil Druckmann, dirigente della compagnia e director del videogame dalle tinte orrorifiche:

Ai nostri fan, lasciatemi fare chiarezza e togliere ogni dubbio. The Last of Us Parte 2 ha una nuova data di uscita fissata per il 29 maggio 2020. Lo so. Solo un mese fa c'è stata l'esplosione del gioco, avendo fatto giocare la stampa per oltre due ore e con la presentazione del nuovo trailer che ha svelato la storia e la data di uscita. La cosa positiva è che abbiamo visto una risposta della community travolgente. Potete sentire l'energia tra i membri del team. Dopo aver lavorato su qualcosa per tanti anni, è bellissimo avere un assaggio del compiacimento per il duro lavoro svolto. Tuttavia, è stato durante le ultime due settimane, mentre finivamo le sezioni del gioco, che abbiamo realizzato che non avremmo avuto il tempo necessario per portare il gioco sugli standard di Naughty Dog.

Druckmann prosegue, sottolineando come il rinvio sia da accogliere positivamente per la riuscita finale del secondo capitolo di The Last of Us:

A questo punto ci siamo trovati di fronte a due opzioni: compromettere alcune parti del gioco o guadagnare più tempo. Abbiamo scelto quest'ultima via, la nuova data di uscita ci consentirà di finire tutto secondo il nostro livello di soddisfazione, riducendo nello stesso tempo lo stress del team. Mentre da un lato siamo soddisfatti di non dover compromettere la nostra visione, dall'altro siamo delusi per non aver evitato questa situazione. Pensavamo di aver previsto la quantità di energia che ci sarebbe servita ma le dimensioni e la portata del titolo hanno avuto la meglio su di noi. Odiamo deludere i fan e questo ci dispiace. Ci auguriamo che possiate capire che ulteriore tempo garantisce a TLOU 2 di essere all'altezza delle nostre aspettative e del nostro livello di qualità. Sappiamo che i mesi in più si aggiungeranno a quella che potrebbe già essere un'attesa estenuante. Siamo grati per la pazienza e per il supporto continuo. Tornate il prossimo maggio e ritroverete Ellie in The Last of Us Parte 2.

The Last of Us Part II in esclusiva per PS4 e PS4 ProSony/Naughty Dog

Insomma, dovremo aspettare fino a maggio per poter riabbracciare l'amata coppia di sopravvissuti pennellata dagli stessi autori di Crash Bandicoot e Uncharted. In un titolo che, stando alle promesse e a quanto già visto a schermo, promette di essere una delle esperienze più immersive ed entusiasmanti mai viste sulla console di ultima generazione di Sony - e più in generale nell'intero settore. 

Ubisoft segue a ruota e fa tris di rinvii

The Last of Us Part II non è l'unico videogioco che nelle ultime ore ha subito un inaspettato - e inevitabilmente chiacchieratissimo - ritardo.

A sorpresa, la francese Ubisoft ha infatti annunciato il posticipo di ben tre giochi inizialmente attesi nei primi mesi del prossimo anno. Stiamo parlando di Watch Dogs Legion, Rainbow Six Quarantine e Gods & Monsters.

Stando a quanto riferito dalla giornalista Chloé Woiter di Figaro, tutti e tre i titoli sono stati rinviati al prossimo anno fiscale, ovvero in un periodo compreso tra il primo aprile 2020 e il 31 marzo 2021.

Gods & Monsters, ispirato al franchise di The Legend of Zelda e annunciato durante lo scorso E3, era previsto per il 25 febbraio 2020, mentre l'ambizioso Wath Dogs Legion, che permetterà ai giocatori di prendere il controllo di qualsiasi personaggio sullo sfondo di una Londra post-Brexit del futuro, era atteso per il 6 marzo 2020. I piani per l'FPS cooperativo Rainbow Six Quarantine, invece, erano meno precisi, e prevedevano il lancio in un periodo compreso tra il primo gennaio e il 31 marzo 2020.

In ogni caso, nessuno dei tre rispetterà i piani iniziali. Questo per permettere ai rispettivi team di sviluppo di realizzare dei prodotti di alta qualità, soprattutto a fronte della recente delusione fatta registrare da Ghost Recon Breakpoint, ben al di sotto delle aspettative di stampa e pubblico. 

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.