FOX

Francis Ford Coppola chiarisce i suoi commenti sui film Marvel

di - | aggiornato

Coppola chiarisce perché ha usato la parola "spregevoli" per definire i film Marvel.

Il regista Francis Ford Coppola Getty Images

0 condivisioni 0 commenti

Condividi

Da quando è scoppiato il dibattito sui film Marvel per bocca di Martin Scorsese, molti protagonisti di Hollywood si sono uniti o opposti alle dichiarazioni del regista di The Irishman. Tra quelli che hanno sostenuto la tesi di Scorsese contro i lungometraggi ispirati ai fumetti figurava anche il regista de Il Padrino Francis Ford Coppola, che li ha definiti spregevoli.

Adesso, Coppola ha voluto approfondire la sua posizione in una intervista rilasciata al sito americano Deadline. Il regista di Apocalypse Now specifica che quello che non apprezza è il come vengono realizzati questi film e non quello che esprimono a livello cinematografico. Quindi, più che la qualità intrinseca dei film, lui critica il modo di realizzarli.

Il fattore rischio

Coppola ha spiegato che non ama l'idea dei franchise in generale, perché si tratta di progetti dove non c'è il fattore rischio. Secondo il regista, progetti come quelli Marvel (studiati in serie) riducono il rischio economico quasi a zero e, per lui, a volte il rischio economico è fondamentale per l'ottima riuscita di un film.

Per certi versi penso che il cinema sia come il cibo. Certamente si possono aggiungere cose per renderlo allettante, gustoso e piacevole, ma deve anche essere nutriente per qualificarsi come vero cibo.

Questa assenza di rischio, secondo Coppola, è alla base della mancanza di una nuova Hollywood, come quella che lui stesso contribuì a creare negli anni '70, dando linfa vitale al cinema.

Per Coppola non si rischia più nulla e se un film va bene, si inizia una saga. Il rischio, per il regista, è qualcosa che rende un film interessante e da quel lavoro poi si impara qualcosa.

I registi Francis Ford Coppola, Martin Scorsese e Steven Spielberg durante la notte degli OscarHDGetty Images
Francis Ford Coppola insieme a Martin Scorsese e Steven Spielberg

Nel corso dell'intervista Coppola ha provato a interpretare ciò che ha detto il suo amico di lunga data, dicendo che se si chiedesse a Scorsese se nei film Marvel c'è talento ed espressione cinematografica, lui direbbe sicuramente di sì. Il problema risiede nel fatto che questi film assorbono tutte le energie di Hollywood e su questo Coppola dice di essere d'accordo. Poi afferma:

Anche gli spot televisivi sono cinema ma è una bella forma di cinema? No.

Infine Francis Ford Coppola è andato al punto della questione:

Inoltre, c'è una filosofia secondo la quale una persona ricca può essere giusta o ingiusta. È molto importante quando ne parli. La ricchezze ottenuta ingiustamente si esaurisce, non contribuisce. La ricchezza giusta è quella che porta di più alla società. Il cinema è la stessa cosa. Il cinema vero porta qualcosa, un dono meraviglioso alla società. Non si tratta solo di denaro e di arricchire la gente. Questo è spregevole. Quindi Martin è stato gentile quando ha detto che non è cinema, non ha detto che è spregevole, cosa che ho appena detto che è.

Francis Ford Coppola ha ribadito in tre punti fondamenti cosa secondo lui rappresentano i film Marvel per l'industria di Hollywood.

Voi da che parte state?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.