FOX

Avengers: Endgame, la spiegazione del plothole con Cap e Mjolnir

di - | aggiornato

I fulmini sono un'esclusiva di Thor?

Capitan America impugna il Mjolnir in Avengers: Endgame Disney

1 condivisione 0 commenti

Condividi

Più e più volte i due sceneggiatori di Avengers: Endgame, Christopher Markus e Stephen McFeely, si sono ritrovati a dover spiegare al pubblico molte delle scelte fatte per il film targato Marvel Studios. E recentemente, in una intervista al sito SlashFilm, Markus ha risposto sul buco di sceneggiatura dovuto a una grossa incongruenza riguardo il triangolo supereroistico formato da Steve Rogers, Thor e il Mjolnir.

Come potete vedere nella clip qui sotto, a un certo punto della grande battaglia finale degli Avengers contro Thanos, Capitan America impugna il martello e (al minuto 1:51) da questo scaturiscono dei fulmini che colpiscono il Titano Pazzo:

Nessuno mette in dubbio che Cap sia degno di sollevare il martello del Dio del Tuono. Ma come fa a invocare i fulmini se questi sono una prerogativa del figlio di Odino?

Nel combattimento finale tra Thor ed Hela, nel film Thor: Ragnarok diretto da Taika Waititi, la Dea della Morte ha cavato un occhio all'eroe e lo sta per battere quando gli dice:

Vedi? Non sono né una regina né un mostro. Sono la Dea della Morte, invece tu eri il Dio di cosa?

In questo momento, Thor ha una visione del padre Odino (morto a inizio film) e i due hanno un colloquio che porterà il Dio del Tuono a reagire alla presa di Hela:

Thor: "È troppo forte, senza il mio Martello non riesco." 

Odino: "Tu sei Thor il Dio dei Martelli? Il Martello ti aiutava a controllare il tuo potere e a concentrarlo. Non era la fonte della tua forza."

Potete vedere la scena nella clip qui sotto:

Dalle parole di Odino è evidente che il Mjolnir è solo uno strumento canalizzatore.

Quello che viene fatto da Taika Waititi in Thor: Ragnarok è più che corretto, poiché la forza del personaggio di Thor non deve ridursi all'avere o meno un oggetto (seppur magico) ma deve essere intrinseca nell'uomo, nel supereroe.

Questo passaggio, fondamentale per le sorti del film e del personaggio stesso, viene non considerato importante dagli sceneggiatori di Avengers: Endgame, che - per stessa ammissione di Markus - hanno pensato più all'aspetto visivo della scena che alla coerenza narrativa:

C'è stato certamente un dibattito a un certo punto perché, soprattutto in Ragnarok, si stabilisce che Thor può evocare il fulmine senza il martello. Credo che Odino dica addirittura: 'Non è mai stato il martello'.

Eppure [in Avengers: Endgame] Cap evoca il fulmine con il martello. Alla fine ci siamo detti: 'È un'immagine troppo bella per non girare la scena! Parleremo più tardi [di come spiegare il tutto]'.

Non c'è alcun dubbio che la scena sia molto spettacolare e che il pubblico abbia apprezzato, anche se questo elemento si aggiunge alla lista di ciò che non è stato spiegato nel film.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.