FOX

The Witcher sarà più un horror che un fantasy alla Game of Thrones

di - | aggiornato

The Witcher non avrà paura di guardare anche all'horror: ad assicurarlo è stato Julian Parry, supervisore per gli effetti speciali della produzione Netfix, che ha anticipato qualche dettaglio sulle atmosfere della serie.

Henry Cavill in The Witcher Netflix

4 condivisioni 0 commenti

Condividi

Da quando è stata annunciata la serie The Witcher, che arriverà a dicembre su Netflix, gli appassionati del fantasy televisivo hanno rapidamente compiuto l'accostamento tra questa produzione, firmata dalla showrunner Lauren S. Hissrich, e la celebre saga Game of Thrones di HBO. Secondo Julian Parry, supervisore per gli effetti speciali di The Witcher, però, non è solo alla vena fantasy, che bisogna guardare, per la serie con protagonista Henry Cavill: è anche, e soprattutto, alla sua anima horror.

The Witcher? Più horror che fantasy

Intervistato dalla rivista cartacea SFX Magazine e rilanciato dalla controparte online, GamesRadar+, Parry ha spiegato che, se dovesse scegliere, direbbe sicuramente che The Witcher è più vicino a un horror, nelle immagini che mostrerà e in come le mostrerà, che a un fantasy.

Secondo Parry:

Penso che guardi decisamente verso il genere horror, che stiamo togliendo il fantasy. Anzi, se devo essere sincero, posso dire che questa non è una serie di genere fantastico. Voglio dire, c'è del fantasy, ma che affonda più le radici nell'horror. Se devo farvi un esempio, una Strige è un essere dall'aspetto sgradevole, non è una bella cosa, da vedere – è davvero spiacevole!

I trailer avevano, in effetti, anticipato queste atmosfere, anche tenendo conto che gli otto episodi di questa prima stagione vogliono essere il più fedeli possibile alle opere di Andrzej Sapkowski – e, in particolare, a Il Guardiano degli Innocenti e alle mostruosità in cui Geralt si imbatteva tra le sue pagine.

Nei giorni scorsi, la showrunner Hissrich aveva anche anticipato che, sebbene per ora non ci sia ancora l'approvazione ufficiale per una seconda stagione, nella sua mente ne ha già progettato ben sette, nella speranza che la risposta di pubblico e critica sia positiva. Gli autori hanno anche ribadito a più riprese che The Witcher mira a un pubblico adulto e che non solo non vuole somigliare a Game of Thrones (come testimonia la vena horror) ma, nei sogni di Sapkowski, mira a superarlo.

Henry Cavill in un'immagine da The WitcherHDNetflix
Geralt è un cacciatore di mostri: legittimo aspettarsi che, in The Witcher, faccia incontri molto sgradevoli

L'appuntamento con Geralt è fissato per il 20 dicembre, come annunciato durante Lucca Comics and Games 2019. Gli episodi, come da tradizione, saranno pubblicati tutti contemporaneamente su Netflix. Nel casto, oltre a Henry Cavill nel ruolo di protagonista, anche Freya Allan (Ciri) e Anya Chalotra (Yennefer).

Siete già pronti a una lunga seduta di binge watching o le atmosfere horror che caratterizzeranno le avventure dello Strigo non fanno per voi?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.