FoxCrime

Mindhunter: la terza stagione è in pausa (in attesa del nuovo film di David Fincher)

di - | aggiornato

La stagione 3 di Mindhunter si farà? Al momento, non c'è ancora una conferma ufficiale. Ma se arriverà, la serie dovrà prima aspettare che David Fincher finisca il suo nuovo film.

I protagonisti di Mindhunter Netflix

0 commenti

Condividi

I fan di Mindhunter sono abbonati alle lunghe attese. Dopo la prima stagione, uscita nel 2017, hanno dovuto aspettare due anni per vedere la seconda. E a quanto sembra, dovranno di nuovo fare appello alla loro pazienza. Al momento, Netflix non ha ancora dato semaforo verde ai nuovi episodi. E se lo farà (come sperano gli appassionati), la serie sulla nascita dei profiler entrerà in produzione dopo che il suo produttore esecutivo, David Fincher, avrà finito il suo nuovo film.

La notizia che Mindhunter è in pausa per gli impegni del regista arriva da un'intervista di Jonathan Groff (interprete di uno dei protagonisti, l'agente Holden Ford) a The Hollywood Reporter. Secondo il sito, la priorità del filmmaker sarebbe il biopic Mank, sullo sceneggiatore di Quarto Potere, Herman J. Mankiewicz.

Stando a quello che scrive Comic Book, la pellicola sarebbe entrata in produzione all'inizio di novembre 2019 e probabilmente sarà distribuita nel 2020. Facendo alcuni rapidi calcoli, questo significa che la stagione 3 di Mindhunter arriverà non prima del 2021. Se non addirittura nel 2022. Ovviamente, sempre che Netflix la confermi.

Ma come ricorda Slash Film, David Fincher sembra convinto che la serie proseguirà a lungo, almeno stando a quello che avrebbe detto a un altro dei protagonisti, Holt McCallany (l'agente Bill Tench):

Senti, sei pronto a farla per 5 stagioni? Perché anche se farò una m****, andrà avanti per 5 stagioni. E non ho intenzione di fare una m****.

Il sito scrive che non è chiaro se il regista abbia una qualche sorta di accordo con Netflix o se semplicemente sia sicuro di sé. Ma come ha osservato John Douglas, l'autore del libro su cui è basata Mindhunter, Mindhunter: Inside the FBI Elite Serial Crime Unit, ci sono ancora molti crimini e serial killer di cui parlare.

E secondo Slash Film, la serie avrebbe un fan molto famoso, ovvero Bong Joon-ho, il regista del film Palma d'oro a Cannes, Parasite, che sarebbe interessato a dirigere uno o più episodi.

I protagonisti di MindhunterHDNetflix
Ci potrebbe volere molto tempo prima che Mindhunter 3 arrivi in TV... se sarà rinnovata

Naturalmente, si tratta di speculazioni. L'ultima parola spetta a Netflix e, se la piattaforma darà il sospirato ok, la palla passerà a Fincher. E a quanto pare, gli impegni del regista non si limitano al biopic Mank. Stando a quello che scrive Deadline, il filmmaker parteciperà in qualità di sceneggiatore e produttore esecutivo alla realizzazione di una serie prequel di Chinatown, il classico del 1974 diretto da Roman Polanski.

Insomma, mai come in questo caso, "aspettare" è la parola d'ordine...

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.