Cyberpunk 2077 avrà anche le scene di sesso in soggettiva (e girate in motion capture)

di - | aggiornato

CD Projekt RED, software house già autrice della saga The Witcher, non ha certo paura di eccedere con il realismo, nel suo prossimo Cyberpunk 2077: ecco perché le scene di sesso saranno girate con tanto di motion capture per le animazioni.

Un'immagine di Cyberpunk 2077 che mostra Night City e V CD Projekt RED

0 commenti

Condividi

Dopo aver ricevuto numerosi premi, nel 2015, per il lavoro svolto con The Witcher 3: Wild Hunt, la software house polacca CD Projekt RED è da qualche anno concentrata a piene forze su Cyberpunk 2077, nuovo gioco di ruolo virtuale ispirato a quello tradizionale di Michael Pondsmith.

Il titolo, a differenza dell'ultima avventura di Geralt di Rivia, sarà giocabile interamente in prima persona, con l'intento di aumentare l'immedesimazione e di porre l'accento sulle sparatorie in cui ci troveremo coinvolti, che costituiranno il sistema di combattimento. Questo significa che anche molte altre sequenze, come i dialoghi, presenteranno la stessa scelta di regia, consentendo di vedere le cose molto molto da vicino.

A confermarlo è stata la stessa CD Projekt RED, che nel corso di una serie di domande e risposte a cui si è concessa durante un evento con i fan a Varsavia, spiega il sito PC Gamer, ha fugato alcuni dubbi su Cyberpunk 2077 – quelli sulle scene di sesso compresi.

V in versione femminile e maschile in Cyberpunk 2077HDCD Projekt RED
V, il protagonista di Cyberpunk 2077, si potrà personalizzare scegliendone anche aspetto e sesso

L'importanza dell'immedesimazione

La software house aveva già anticipato che, a parte rare eccezioni, vivremo l'intero gioco dalla soggettiva del nostro protagonista, V. Questo eroe, personalizzabile nell'aspetto, nella voce e nel genere sessuale, potrà in questo modo essere sempre pronto ad agire, anche quando, magari, durante un dialogo le cose si stanno facendo pericolose ed è necessario sfoderare rapidamente le armi. Nel caso di Cyberpunk 2077, questo avverrà senza interruzioni nel passaggio tra la fase di dialogo e quella d'azione, grazie al piano sequenza concesso dalla visuale in soggettiva.

Succederà qualcosa di simile anche con i rapporti sessuali con cui il nostro protagonista potrà intrattenersi. Gli sviluppatori hanno spiegato che, anche in questo caso, il gioco manterrà la visuale in prima persona su quello che sta succedendo.

Un'immagine promozionale di Cyberpunk 2077HDCD Projekt RED
Night City consentirà ai giocatori di Cyberpunk 2077 di fare incontri che potranno sfociare nelle cosiddette "romance", storie d'amore giocabil

In caso qualcuno potesse pensare che, di conseguenza, quanto mostrato sarà reso meno realistico, magari per evitare polemiche o censure in alcuni mercati particolarmente severi, CD Projekt RED ha anche anticipato di aver registrato "moltissimo motion capture" per animare queste sequenze. Si tratta della tecnologia che equipaggia degli attori in carne e ossa con dei sensori mentre recitano in uno studio apposito, in maniera tale da riprodurne fedelmente le movenze all'interno del gioco.

La promessa, insomma, è quella di sequenze di sesso estremamente realistiche e mostrate molto da vicino. Lo saranno troppo, anche per un gioco idealmente destinato agli adulti? Lo scopriremo quando PEGI, l'ente europeo per la valutazione dei contenuti dei videogiochi, indicherà definitivamente la fascia d'età ideale per la fruizione del titolo.

Tutto sulla rigiocabilità

Al medesimo evento, CD Projekt RED ha anche confermato che Cyberpunk 2077 sarà più breve di The Witcher 3, ma anche più rigiocabile. Significa che, nel puro numero di ore, il nuovo gioco avrà una durata più ridotta, ma incoraggerà il giocatore ad affrontare più di una campagna, per vedere cambiare gli esiti degli eventi legati ad alcune scelte compiute.

Gli sviluppatori hanno spiegato, ad esempio, che le missioni secondarie saranno molto ramificate, rispetto a quelle di Wild Hunt: una scelta compiuta potrebbe portare l'incarico a un esito completamente diverso da quello inizialmente previsto, andando anche a influenzare alcuni aspetti della trama principale. Da qui, quindi, la certezza della software house polacca che il gioco risulterà più appetibile di The Witcher 3, in termini di rigiocabilità. 

La boxart di Cyberpunk 2077CD Projekt RED

Cyberpunk 2077 arriverà su PlayStation 4, Xbox One, PC e Google Stadia il 16 aprile 2020. Ambientato nella tecnologica Night City, divisa in quartieri che ben si distingueranno per ricchezza e criminalità, il gioco porrà nei panni di V, che si ritroverà alle prese con le corporazioni e le gang che controllano la città.  Tra le peculiarità del gameplay, oltre ai già citati dialoghi ramificati, anche la possibilità di fallire le missioni senza incappare nel game over: si dovrà rifare daccapo qualcosa solo in caso di morte del proprio protagonista.

Nel cast, con tanto di annuncio all'E3 dello scorso mese di giugno, troveremo anche Keanu Reeves, che vestirà i panni del celebre musicista Johnny Silverhand – e con il quale no, non potrete iniziare una relazione amorosa – che sarà doppiato da Luca Ward.

Quanto sono alte le vostre aspettative per la prossima opera di casa CD Projekt Red?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.