FOX  

I Simpson: la doppiatrice originale di Bart racconta la sua storia

di - | aggiornato

Nancy Cartwright, doppiatrice originale di Bart, svela come sono nate le battute più iconiche del primogenito di casa Simpson, tra retroscena e aneddoti!

0 commenti

Condividi

Che Bart Simpson sia uno dei personaggi più iconici dell'intera scena televisiva mondiale non lo scopriamo certo noi. D'altronde, il primogenito di casa Simpson è ormai entrato a piedi uniti nella cultura pop, con frasi identificative divenute tormentoni nel corso degli anni - come il classico ciucciati il calzino qui in Italia - e un atteggiamento strafottente che tanto ha fatto presa già dagli inizi degli anni '90.

E noi, che come sapete abbiamo un certo debole per la serie più gialla d'America, ci siamo sempre chiesti: ma da dove provengono i più classici tormentoni del buon Bart? Le risposte, a dirla tutta, sono molteplici: si passa dalle idee più originali di produttori e doppiatori - anzi, doppiatrice - a semplici frasi divenute poi involontariamente degli slogan del secondo maschio di famiglia. Ma, a raccontare qualcosa di più e a svelare qualche retroscena, ci ha pensato Nancy Cartwright.

Vota anche tu!

Quanto amate Bart Simpson da 1 a 10?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

Nancy Cartwright e Bart Simpson: dall'audizione al mito

Intervistata da Today, la doppiatrice statunitense ha raccontato le origini del suo rapporto vocale con Bart: una professionista affermata nel settore, l'oggi 62enne, che oltre a diversi lavori attoriali - tra Willy il Principe di Bel-Air, Saranno Famosi e 24 - ha anche prestato la voce a diversi protagonisti dei cartoni di Hanna e Barbera, a cui si aggiungono le prove in Rugrats e Kim Possible. Nancy Cartwright che non è comunque la doppiatrice del solo Bart: come nel caso di molti altri suoi colleghi ne I Simpson, infatti, sono diversi i personaggi che si vestono del suo tono squillante. Da Nelson a Todd Flanders, passando per Patata, Ralph, Maggie e Kyle Database.

E pensare che, in principio, Nancy si era presentata alle audizioni per provare ad ottenere il doppiaggio di Lisa!

Originariamente mi ero presentata per doppiare Lisa, e quando sono arrivata erano in corso quelle per lei e Bart. Quest'ultimo ha attirato la mia attenzione: ha 10 anni, odia la scuola e ne è anche orgoglioso. Il monologo di prova per Lisa è stato semplicemente un dolce monologo di una bambina di 8 anni. Quello di Bart, invece, è stato molto più divertente e la mia voce si incastrava meglio con lui rispetto che con Lisa.

Ma come nascono le frasi tipiche di Bart, come ad esempio eat my shorts - l'equivalente dell'italiano ciucciati il calzino, seppur con parole diverse -? 

Mi è venuto in mente quando andavo alle superiori. Ero nella banda, e i batteristi suonavano tenendo un ritmo che faceva dun, dun, dun, dun, Fairmont West! Su questa cadenza di batteria, si marciava. Al mio ultimo anno, però, il ritmo è rimasto lo stesso ma hanno cambiato le parole: dun, dun, dun, dun, eat my shorts! Nessuno durante il percorso sapeva cosa stessimo dicendo.

Insomma, una storia un po' confusa, un aneddoto che probabilmente soltanto Nancy è in grado di capire - perché lo ha spiegato esattamente come ve lo abbiamo riportato -, ma tant'è! E voi, che idea vi siete fatti sulle parole della doppiatrice originale di Bart? Sapevate già che a dargli la voce fosse una donna? 

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.