Anche nel 2020, gli Oscar non avranno un solo presentatore

di - | aggiornato

La cerimonia di premiazione degli Oscar 2020 non sarà affidata a un presentatore unico: la notizia è stata divulgata dalla Presidente di ABC Entertainment.

Statuetta degli Oscar Getty Images

0 commenti

Condividi

È ufficiale: gli Oscar non avranno un presentatore unico, proprio come è accaduto per la cerimonia del 2019. 

Ad annunciarlo è Karey Burke, Presidente di ABC Entertainment, network che trasmette la premiazione. Ospite al Winter Television Critics Association Press Tour, la Burke ha dichiarato: 

Abbiamo deciso insieme all’Academy che non ci sarà un presentatore unico e ripeteremo lo schema dell’anno scorso, che per noi la funzionato. La cerimonia sarà caratterizzata da grandi momenti di intrattenimento, da grandi numeri musicali, da momenti comici e da importanti star. 

In effetti, i risultati di ascolto ottenuti dalla cerimonia dell’anno scorso hanno premiato la scelta dell’assenza del presentatore unico. La serata è durata circa 30 minuti in meno rispetto agli anni precedenti e ha visto un aumento degli spettatori pari al +12% rispetto alla serata di premiazione del 2018. Non solo, sono aumentati del 13% gli spettatori più giovani, di età compresa tra i 18 e i 49 anni. 

Proprio in virtù di questi numeri è stata abbandonata l’idea di tornare al presentatore unico. In realtà è il primo anno che l’assenza del conduttore è intenzionale. Come forse ricorderete, il comico Kevin Hart avrebbe dovuto presentare gli Oscar 2019, ma è stato costretto a rinunciare a causa di una polemica generata da alcune sue vecchie battute omofobe.

L'Academy si è ritrovata cioè senza candidati e ha dovuto ripiegare sulla versione con più presentatori sul palco. 

L'attore Kevin HartHDGetty Images
Kevin Hart - cerimonia di posa delle mani al TCL Chinese Theatre

Stranamente, a inizio ottobre 2019 erano circolate nuovamente delle voci su un ritorno di Hart nella rosa dei possibili conduttori, insieme all’attrice comica Tiffany Haddish. I rumor si erano diffusi dopo i risultati di ascolto piuttosto deludenti della cerimonia degli Emmy, tenutasi a settembre 2019. Nonostante l’assenza del presentatore unico, infatti, la serata non ha attratto molti spettatori facendo rinascere le speculazioni sulla modalità migliore per proporre questo genere di spettacolo al pubblico. 

L’ipotesi di un Kevin Hart bis, però, era apparsa subito poco attendibile, soprattutto perché l'attore è reduce da un importante intervento alla schiena dopo un incidente stradale

Oggi, sappiamo con certezza che il conduttore unico non ci sarà. Per capire come si svolgerà la cerimonia del 9 febbraio bisognerà aspettare le nomination, che verranno annunciate il 13 gennaio 2020. 

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.