Foto hot, match di tennis, e altri modi originali per la raccolta fondi contro gli incendi in Australia

di - | aggiornato

L'ex star del cinema a luci rosse Riley Reid invia selfie osé a chi contribuisce, Serena Williams e Roger Federer hanno organizzato un incontro benefico, ma ci sono anche artisti che hanno inventato modi altrettanto originali per spingere a donare.

Due koala, uno dei animali-simbolo dell'Australia Pixabay

0 commenti

Condividi

Chris Hemsworth non è stato l'unico a scendere in campo lanciando un appello per spingere a donare dopo gli incendi che stanno devastando l'Australia. Se il protagonista di Thor ha contribuito con un milione di dollari unendosi ai colleghi Nicole Kidman, Russell Crowe e Cate Blanchett, sono spuntati altri modi molto originali per la raccolta fondi che punta a risolvere il disastro causato dalle fiamme.

Ashleigh Barty, la tennista numero uno al mondo, ha annunciato che donerà le sue vincite al torneo di Brisbane alla Croce Rossa per aiutare le vittime dei roghi. Serena Williams, Roger Federer e Rafa Nadal sono andati oltre: i tre, insieme ad altre star del tennis come Naomi Osaka, Caroline Wozniacki, Nick Kyrgios e Stefanos Tsitsipas, hanno organizzato un incontro benefico previsto per il 15 gennaio alla Rod Laver Arena di Melbourne. L'obiettivo, come reso noto da CNN, è finanziare le attività di contrasto agli incendi. Ad oggi il bilancio è di 26 persone e milioni di animali morti, mentre i soccorritori si apprestano a far fronte ad un ulteriore peggioramento delle condizioni meteo.

Karolina Pliskova, come già fatto da Nick Kyrgios, ha annunciato su Twitter che donerà 200 dollari per ogni ace realizzato nei suoi match all'Australian Open.

Piuttosto insolito è il metodo per invitare a donare che ha ideato Kaylen Ward. La modella, che si definisce una "Naked Philanthropist", ha pensato di donare una sua foto nuda ad ogni follower in cambio di una donazione di almeno 10 dollari a un'organizzazione impegnata nello spegnimento delle fiamme. Con quest'idea ha già raccolto circa 700mila dollari. La sua proposta è diventata subito virale su Twitter e la modella, intervistata dal Guardian, ha raccontato che l'idea è stata davvero semplice.

Io stessa ho donato mille dollari. Così ho pensato che, avendo un numero considerevole di follower, al momento circa 30mila, molti di loro avrebbero presentato e inviato alcune donazioni per gli incendi.

Dopo la diffusione della notizia, il profilo Instagram della Ward è stato cancellato e poi ripristinato. Allo stesso tempo, sono nati diversi falsi profili a suo nome.

L'esempio di Kaylen è stato subito seguito da Katie Day, una sex worker di Vancouver che manda scatti personalizzati a chiunque doni dieci dollari alla causa.

A questa missione non poteva esimersi una specialista come Riley Reid, una leggenda del cinema a luci rosse. La sua campagna si chiama "Donate & I'll Send You a Nude": nel suo caso, basta una donazione da 5 dollari a Greenpeace Australia.

Peggio è andata a Tammy Hembrow, nota influencer australiana che vanta 10,5 milioni di follower su Instagram. La modella ha scatenato un putiferio in patria per aver postato una contestatissima immagine (poi rimossa) in cui indossa una canottiera bagnata nel tentativo di raccogliere fondi per i devastanti incendi boschivi, rimandando ad un brand di abbigliamento sportivo che sponsorizza, Saski Collection.

C'è ovviamente chi usa forme differenti di sensibilizzazione del pubblico. Due artiste californiane hanno lanciato il progetto di fundraising Lines For Trees, ovvero un artbook al quale artisti da ogni parte del mondo possono contribuire inviando entro il 10 febbraio le proprie opere. I proventi raccolti dalla vendita serviranno a finanziare l'NSW Wildlife Information, Rescue and Education Service, la più grande organizzazione australiana di pronto soccorso per animali selvatici.

Gli artisti Ken Done, Yvette Coppersmith e Reko Rennie non sono da meno: i tre hanno organizzato un'asta online donando le loro opere per raccogliere fondi per le autorità regionali che si occupano di lotta antincendio, come la Country Fire Association di Victoria e WIRES Australian Wildlife Rescue Organisation del New South Wales. L'asta, dal titolo Art Fights Fire 2020, durerà fino al 13 gennaio sul sito Air Auctioneer e include quadri di artisti quotati come la Coppersmith, Guy Maestri e Kirra Jamison. L'obiettivo di 50mila dollari è già stato superato: i proventi sono arrivati a quasi 120mila dollari.

View this post on Instagram

This morning we woke up to see our running total for our Art Fights Fire bushfire relief at $85,000!!!!! We just added 11 EPIC new artworks to the online auction. Check out these incredible new works from @sallyleeanderson @belynda__henry @lelefraser @bobbyclark____ @den_holm @derek_swalwell @madebymorgen @robert_malherbe @kellythompsoncreative @tammykanat + @sandeterovic (a very special work graciously donated by Sandra’s family ❤️) - UPDATE: we’ve decided to donate funds raised to @wildlifevictoria along with @wireswildliferescue and @cfavic #ozfireartauction _ LINK TO AUCTION IN BIO ↖ Artworks by @sallyleeanderson @belynda__henry @lelefraser @tammykanat @bobbyclark____ @sandeterovic https://airauctioneer.com/art-fights-fire-2020

A post shared by The Design Files (@thedesignfiles) on

Volete donare anche voi per supportare la causa? Il magazine USA Today ha stilato questa lista di indirizzi utili per fare la vostra parte e aiutare enti e nonprofit che stanno combattendo l'emergenza.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.