Paulo Coelho stava scrivendo un libro per bambini con Kobe Bryant

di - | aggiornato

La morte di Kobe Bryant ha sconvolto anche lo scrittore Paulo Coelho, che ha rivelato di come fosse al lavoro per scrivere un libro con il famoso sportivo. Ecco tutti i dettagli di un progetto che, però, non vedrà mai la luce.

L'autore Paulo Coelho

0 commenti

Condividi

DisneyPlus in offerta a tempo limitato per 1 anno a 59,99 euro. Offerta valida sino al 23 marzo 2020.

Il mondo è ancora sconvolto dalla morte di Kobe Bryant, l'ex cestista considerato uno tra i migliori giocatori della storia dell'NBA, nonché uno dei più grandi esponenti dello sport professionistico di ogni tempo. Quel che non tutti sanno è che Bryant, che ha tragicamente perso la vita insieme alla figlia di 13 anni ed altre sette persone, stava lavorando alla realizzazione di un libro per ragazzi che, però, non vedrà mai luce, secondo quanto riferito dallo scrittore Paulo Coelho.

Il famoso autore brasiliano, 72 anni, ha rivelato di essere stato al lavoro con l'atleta e via Twitter ha fatto sapere di voler cancellare la bozza del libro in seguito alla notizia della morte di Bryant. 

Oltre allo screenshot di quella che sembrava essere una conversazione diretta con Bryant nel 2019, Coelho ha scritto:

Sei stato molto più che un grande giocatore, caro Kobe Bryant. Ho imparato molto interagendo con te. Eliminerò la bozza in questo momento, questo libro ha perso la sua ragione d'essere.

Kobe BryantHDGetty Images
Kobe Bryant stava scrivendo un libro con Paulo Cohelo

Coelho ha dichiarato che lui e Bryant avevano cominciato a scrivere il libro alcuni mesi fa, ma, come riferito nel tweet, ha distrutto il manoscritto dopo aver appreso la tragica notizia:

L'autore ha aggiunto:

Ho eliminato la bozza perché non aveva senso pubblicare il libro senza di lui. Non aggiungerebbe nulla di rilevante per lui o la sua famiglia. Questo non mi impedirà di scrivere un giorno le cose che ho imparato da Kobe e di quanto fosse una persona straordinaria. Ma il libro per ragazzi non aveva più senso.

Secondo Coelho, l'idea alla base del libro era quella di ispirare i bambini più sfortunati o svantaggiati a superare le avversità attraverso lo sport:

Kobe voleva scrivere qualcosa che fosse d’esempio per i giovanissimi, soprattutto quelli che provengono dalle situazioni più disagiate. La sua tragica morte ha già dimostrato quanto fosse importante per il mondo, non solo per gli Stati Uniti. Discuteremo della sua eredità per molti anni, ben oltre lo sport. 

Paulo CoelhoHDGetty Images
Lo scrittore Paulo Coelho

Bryant si è avventurato nel mondo dei libri quando la sua società multimediale, Granity Studios, ha pubblicato la sua autobiografia The Mamba Mentality: Il mio basket nel 2018.

L'ex star della NBA ha continuato a co-realizzare un'altra serie di libri di narrativa con Wesley King intitolata The Wizenard Series, che segue cinque giovani giocatori di basket in una storia di Harry Potter. 

Kobe Bryant libroRizzoli
Il libro di Kobe Bryant The Mamba Mentality: Il mio basket

Bryant lascia sua moglie Vanessa, 37 anni, e altre tre figlie: Natalia, 17 anni, Bianka, 3, e Capri, 7 mesi.

Via: People

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.