FOX

[Spoiler!]

Gianni Morandi, 'agli Oscar per caso con Parasite': cosa devi sapere sulla sua canzone nel film

di - | aggiornato

Ecco perché In ginocchio da te, classico del 1964 dell'eterno ragazzo di Monghidoro, è stata inserita in una delle scene più significative del film vincitore di quattro Premi Oscar.

Choi Woo-shik, Song Kang-ho, Chang Hyae Jin e Park So-dam in una scena del film Parasite Academy Two

0 commenti

Condividi

DisneyPlus in offerta a tempo limitato per 1 anno a 59,99 euro. Offerta valida sino al 23 marzo 2020.

Gianni Morandi è felice come Bong Joon Ho quando ammira estasiato le sue quattro statuette in uno dei momenti cult degli Oscar 2020. Il film sudcoreano che ha fatto la storia degli Academy Awards, primo film non in lingua inglese ad aggiudicarsi la statuetta come miglior film, ha infatti un pezzo d'Italia nella colonna sonora: la canzone In ginocchio da te, inserita in una delle scene più significative.

Attenzione! Possibili spoiler!

Si tratta di un momento particolarmente rilevante della storia: quando si ribaltano i ruoli tra la famiglia Kim e la domestica Moon-gwang e il marito Ki-woo, uscito finalmente dal bunker nel quale era rinchiuso. Lo scontro tra poveri, a quel punto, diventa inevitabile.

La scelta del brano di Morandi è in realtà del tutto casuale, nonostante in quella scena i personaggi siano letteralmente in ginocchio. Il cantante di Monghidoro si è ritrovato nello score del film perché è molto famoso ed amato in Corea del Sud.

Oltre a vincere il Cantagiro, In ginocchio da te ha venduto oltre un milione di copie e nel 1964 è rimasta al primo posto della nostra hit parade per 17 settimane consecutive.

Il papà di Bong è un appassionato di musica italiana e in casa aveva una corposa collezione di dischi.

Ma il regista, ha confessato al Festival di Cannes dove ha vinto la Palma d'oro, non sapeva che In ginocchio da te fosse una canzone d'amore.

Cercavo un brano rilassante, che mi facesse pensare al sole del Mediterraneo. Non conoscevo le parole, è una coincidenza che nella sequenza i protagonisti siano in ginocchio. Così nel contesto del film è ancora più divertente!

Bong non sapeva nemmeno che il pezzo, scritto da Franco Migliacci su musica di Bruno Zambrini e arrangiato da Ennio Morricone, avesse ispirato il musicarello diretto nel 1964 da Ettore Maria Fizzarotti, nel quale il militare Gianni, durante un'audizione alla Rai, chiede perdono alla fidanzata Carla, interpretata dalla sua futura moglie Laura Efrikian.

Durante la conferenza stampa di Cannes, il regista ha espresso il desiderio di conoscere Morandi, che ha subito risposto sui social sollecitato da Academy Two, la società che distribuisce il film in Italia.

Sono sorpreso e contento. Che bello! Magari mi invitano a cantare in Sud Corea, dove non sono mai andato...

Il trionfo di Parasite agli Oscar 2020 ha riportato il cantautore al centro dell'attenzione. Nell'ennesimo video postato su Facebook, Morandi ha pubblicato la scena chiave del film commentando la vicenda con la consueta ironia.

Oggi mi chiamano tutti come se avessi vinto l'Oscar, ma l'Oscar l'ha vinto il film coreano, non io. Però la cosa bella è che in questo film che ha vinto l'Oscar, Parasite, c'è dentro In ginocchio da te. Una canzone che io ho inciso che non avevo ancora vent'anni. Comunque sono contento: il film è bellissimo e dentro c'è qualcosa di italiano.

Raggiunto telefonicamente dall'Huffington Post, Morandi si dice sorpreso di quanto è successo: In ginocchio da te appare in una scena in cui "sembra raccontare il contrario di quanto si vede nelle immagini" e il cantante pensa che abbia colpito Bong soprattutto dal punto di vista sonoro.

Il colore, il suono, la pennellata finale, la regia è di Morricone e forse questa sonorità ha il suo peso.

A Gianni, appassionato di cinema, sarebbe piaciuto vivere da vicino la vittoria di Parasite.

Non saprei dire molte cose perché nella testa del regista, che deve essere un genio, io non ci sono. Mi trovo lì per caso. Certo se l'avessi saputo avrei preso l'aereo e sarei andato lì, avrei comprato il biglietto e mi sarei nascosto in mezzo al pubblico.

Ci voleva proprio il Gianni nazionale per trovare un po' di tricolore nella sfavillante notte dell'Academy.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.