FOX

Halo Infinite: il motore di gioco è nato in funzione della next gen

di - | aggiornato

Il nuovo motore di gioco di Halo Infinite è nato in funzione della next gen e permetterà cose mai viste prima: questo quanto dichiarato dagli sviluppatori.

Halo Infinite: il banner ufficiale Xbox Game Studios

0 commenti

Condividi

DisneyPlus in offerta a tempo limitato per 1 anno a 59,99 euro. Offerta valida sino al 23 marzo 2020.

Halo Infinite è pronto a stupire tutti. Il sesto capitolo della storica saga divenuta leggenda tra gli utenti Xbox promette di rivoluzionare tanti aspetti, da quello strettamente tecnico alla storia in sé. Ad esempio, basti pensare a come, in uno dei trailer, Master Chief si trovi in balia del vuoto assoluto, disperso nello spazio. Una situazione che si discostava da quanto accaduto nel precedente capitolo della saga, dove a seguito dell'evasione dalla prigione di Cortana si era dapprima diretto verso il pianeta terra distaccandosi successivamente dalla Infinity.

Ciò vuol dire che per Capo, soldato scelto Spartan-II e veterano di guerra, vi sarà ampio spazio in Halo Infinite proprio per capire cosa sia successo nell'arco di tempo che intercorre dal precedente capitolo della saga a quello di prossima uscita. Halo 6 che però regalerà agli utenti anche un motore di gioco tutto nuovo, sviluppato anche e soprattutto in funzione dell'arrivo della next gen. Come spiegato attraverso un video pubblicato sul canale YouTube Halo da Frank O'Connor, direttore di 343 Industries per quanto riguarda Halo e deus ex machina dietro al franchise, l'idea per il sesto capitolo della saga era quella di costruire più di un gioco. E questo è stato assolutamente fatto, come dimostrato dalla grafica dei trailer.

Abbiamo creato un motore più potente per lo sviluppo della next gen, che nel contempo fosse però anche più agile. Questo è stato fatto in modo tale che i creatori e i tecnici riuscissero a lavorare in maniera più facile e veloce. Realizzare questa base tecnica è stato fondamentale per costruire una piattaforma che darà futuro ad Halo.

Il direttore tecnico di 343 David Berger, invece, si è focalizzato più sui tools messi a disposizione del motore Slipspace - seppur dicendo tutto e nulla -, che ha permesso al team di sviluppo di creare contenuti che prima non era possibile realizzare

Bisogna creare strumenti che consentano di creare a loro volta tools per nuove features che non si era in grado di inserire prima. Devi offrire certe cose al team creativo per tirar fuori qualcosa. 

Ovviamente, anche in Halo Infinite avrà fondamentale importanza la componente del multiplayer, vero e proprio cavallo di battaglia della saga con milioni di utenti ormai affezionati ad un sistema vincente già a partire dal primo capitolo. Insomma, tantissima carne al fuoco per il sesto atto dello sparatutto in prima persona, che uscirà nel corso del 2020 per Xbox One e PC Microsoft - stando a quanto riportato dal sito ufficiale Xbox -, anche se come confermato dalle parole del team di sviluppo ci sarà da aspettarsi anche uno sbarco verosimilmente immediato su Xbox Series X, nuova console di casa Microsoft che dovrebbe essere rilasciata sul mercato nel medesimo anno.

Qual è la saga di videogiochi più bella di tutti i tempi?

Vota

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.