FOX

MWC 2020 di Barcellona: la fiera tech cancellata a causa del coronavirus

di - | aggiornato

L'epidemia del coronavirus ha obbligato l'ente organizzatore della fiera di Barcellona ad annullare l'edizione di quest'anno. Avevano già annunciato la loro assenza all'evento aziende come LG, Amazon e Sony.

Il logo del MWC di Barcellona GSMA

0 commenti

Condividi

DisneyPlus in offerta a tempo limitato per 1 anno a 59,99 euro. Offerta valida sino al 23 marzo 2020.

Le notizie delle ultime settimane non lasciavano supporre nulla di buono. Dopo le rinunce a catena di aziende come LG, Sony e Amazon è arrivato l'annuncio ufficiale da parte della GSMA: il Mobile World Congress di Barcellona quest'anno non si terrà a causa della minaccia del coronavirus.

Dopo una lunga riunione con i principali rappresentati dell'associazione mondiale degli operatori delle telecomunicazioni, il CEO di GSMA John Hoffman ha spiegato con un comunicato stampa che l'epidemia del coronavirus ha reso impossibile l'organizzazione dell'evento previsto per la fine di febbraio, dal 24 al 27 del mese. La salute dei partecipanti alla fiera (circa 100mila ogni anno) e la sicurezza della città ospitante vengono prima di tutto, si legge:

Tenendo in considerazione l'ambiente sicuro e salubre di Barcellona e del paese ospitante, la GSMA ha deciso di annullare il MWC 2020 di Barcellona perché la preoccupazione globale per l'epidemia del coronavirus, considerando viaggi e altre circostanze, rende impossibile l'organizzazione della fiera.

Il nostro pensiero va ora alle persone colpite dal coronavirus in Cina e nel resto del mondo.

Dunque rinviata al 2021 la fiera più importante dell'anno dedicata agli smartphone, dal 2006 un appuntamento fisso nella città catalana per aziende del settore (molte delle quali cinesi), giornalisti ed esperti. Ma a conti fatti, in caso di conferma, sarebbe stata l'edizione più scarna di sempre perché priva di quei protagonisti che ogni anno attirano persone da tutto il mondo promettendo innovazione.

Ancora prima della definitiva decisione della GSM Association, avevano fatto un passo indietro LG, ZTE, Ericsson (attesa con lo stand più grande della fiera), Nvidia, Intel, VIVO, Sony, Amazon, Facebook, Cisco, Nokia e HMD Global. E probabilmente altre aziende avrebbero seguito, nei prossimi giorni, il loro esempio. Un forfait generale, condiviso e, soprattutto, condivisibile.

Appuntamento al prossimo anno per il Mobile World Congress, ma nel frattempo le eccellenze del settore di certo non se ne staranno con le mani in mano. Colossi come LG, Intel, Sony e Facebook hanno infatti tutti i mezzi per annunciare in separata sede le proprie novità per questo 2020 e fornire qualche anteprima sui progetti futuri e attualmente in cantiere.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.