FOX

Fast and Furious: l’ordine di visione di film e cortometraggi della saga

di -

Auto veloci, sequenze spettacolari e personaggi iconici: la saga di Fast and Furious è nel cuore degli appassionati da quasi 20 anni. È tempo di rivivere le emozioni della serie, cercando di mettere ordine tra i tanti film e gli spin-off disponibii.

Toretto e O'Conner in una scena di Fast and Furious Universal

0 commenti

Condividi

Quello di Fast and Furious è un franchise cinematografico che si è andato a espandere nel tempo, e che comprende ormai diversi capitoli. Un vero e proprio universo narrativo nato all’alba del XXI secolo che ha saputo interpretare al meglio quella sottocultura fatta di amore per le auto veloci e gli inseguimenti spericolati.

Se si pensa a Fast and Furious, è inevitabile tornare alla mente ad alcuni dei suoi personaggi più importanti. Tra tutti, spiccano senza dubbio Dominic Toretto e Brian O’Conner. E se il primo, portato in scena da Vin Diesel, continua a imperversare sugli schermi cinematografici, il secondo è rimasto nella mente degli appassionati insieme al suo interprete, Paul Walker, scomparso tragicamente nel 2013.

Ma non basta: nel corso degli anni, e dei vari film, sono state proposte altre figure ormai entrate nell’immaginario del pubblico. Come Leticia “Letty” Ortiz, impersonata da Michelle Rodriguez, destinata a far parte anche di Fast and Furious 9, in arrivo il prossimo maggio.

Per non parlare delle oltre cento vetture protagoniste delle varie pellicole. Oltre alla classica Dodge Charger R/T, l'auto storica di Toretto introdotta fin dal primo capitolo, spicca la Mazda VeilSide, protagonista di Fast and Furious: Tokyo Drift. Ancora, come non ricordare la velocissima Bugatti Veyron di Fast and Furious 7, o la Chevrolet Camaro Yenko di 2 Fast 2 Furious?

I personaggi principali di Fast and Furious 6HDUniversal

Senza ulteriori indugi, è tempo di riepilogare i vari capitoli della serie Fast and Furious, concentrando lo sguardo non solo sui capitoli principali, ma anche su spin-off e progetti paralleli. Non mancherà un approfondimento sui diversi ordini da seguire per guardare le varie pellicole della serie.

 

I film

Fast and Furious (2001)

Titolo originale: The Fast and the Furious

Sceneggiatura: David Ayer, Erik Bergquist, Gary Scott Thompson

Regia: Rob Cohen

Durata: 106 minuti

Il film che ha aperto la saga di Fast and Furious riuscì subito a far breccia nel cuore degli appassionati. Capace di incassare oltre 200 milioni di dollari (secondo rilevazioni Box Office Mojo), la pellicola introduceva il personaggio di Dominic Toretto, l’uomo che vive “un quarto di miglio alla volta”.

La trama, però, si basava anche sulla presenza dell’agente della polizia di Los Angeles Brian O’Conner (Paul Walker), che all’inizio della pellicola ha davanti a sé l’occasione per farsi valere. Incaricato di indagare su una serie di furti, il protagonista entra ben presto nell’orbita di Dominic Toretto, un ladro che ama le macchine veloci e le corse spericolate.

Dopo aver guadagnato la fiducia di Toretto, aiutandolo a scappare dalla polizia, O’Conner prosegue il suo pericoloso doppio gioco. Insieme a Dom e a Letty (Michelle Rodriguez), a bordo di tre Honda Civic nere, Brian partecipa a una rapina a un camion che trasporta merci di valore. Il colpo non va nel verso sperato, e alla fine Brian deve rivelare la sua vera identità.

Non c’è tempo, però, per i confronti. Ben presto, infatti, uno dei compagni di Toretto, Jesse (Chad Lindberg), viene ucciso dal malvivente Johnny Tran (Rick Yune). I due protagonisti, allora, si lanciano in una corsa spettacolare per cercare di raggiungere i carnefici di Jesse. Arrivati a un passaggio a livello, Toretto non riesce a evitare l’impatto con un furgone.

Nonostante l’incidente, Dom è ancora tutto intero, ma la sua auto è distrutta. Brian, allora, gli consegna le chiavi del suo mezzo, una Toyota Supra, difatti diventando suo complice e aiutandolo a scappare dalla polizia. Toretto salta sul bolide di O'Conner, diretto verso la California.

2 Fast 2 Furious (2003)

Titolo originale: 2 Fast 2 Furious

Sceneggiatura: Michael Brandt, Derek Haas

Regia: John Singleton

Durata: 107 minuti

Rispetto al primo capitolo, l’accoglienza riservata a 2 Fast 2 Furious fu meno lusinghiera. Ai pareri poco favorevoli della critica seguirono anche le nomination ai Razzie Awards 2003 nelle categorie Peggior remake o sequel e Peggior pretesto per un film attuale. Tutto ciò, però, non influì sugli incassi, che si rivelarono superiori a quelli del capitolo precedente, attestandosi sui 236 milioni di dollari (secondo rivelazioni Box Office Mojo).

Priva del carisma di Vin Diesel, assente dal cast, la pellicola porta nuovamente lo spettatore nella vita di Brian O’Conner. Per il protagonista, le cose sono parecchio diverse rispetto all’inizio del primo film. Ora vive a Miami e, soprattutto, è ricercato dalla polizia per la sua partecipazione ad alcune corse illegali.

Una sera, dopo aver trionfato in una gara, viene arrestato dall’FBI, che gli offre un accordo: collaborare sotto copertura per arrestare Carter Verone (Cole Hauser), e ricevere in cambio una fedina penale pulita. Brian accetta, e ritrova il suo vecchio amico Roman Pearce (Tyrese Gibson). Ad aiutarli c’è anche la bella Monica Fuentes (Eva Mendes), agente sotto copertura che è diventata la fidanzata di Verone.

Dopo varie peripezie e corse tra le vie trafficate di Miami, Brian sembra essere sul punto di soccombere per mano di Verone. Roman, però, riesce a salvare il suo amico. I due, allora, alla fine hanno la meglio sul malvivente, che viene consegnato alle autorità.

Brian, completamente ristabilito agli occhi della giustizia, sceglie di rimanere a Miami, e di aprire un’officina con Roman - servendosi anche dei soldi trafugati al boss ormai sconfitto.

The Fast and the Furious: Tokyo Drift (2006)

Titolo originale: The Fast and the Furious: Tokyo Drift

Sceneggiatura: Chris Morgan

Regia: Justin Lin

Durata: 104 minuti

Dopo i due capitoli dedicati al personaggio di Brian O’Conner, nel 2006 la saga di Fast and Furious scelse di guardare all’Asia con The Fast and the Furious: Tokyo Drift. Con Paul Walker assente dal cast, a farla da padrone era Lucas Black, spalleggiato da Bow Wow e Nathalie Kelley.

La trama del film, ambientata nel 2015 in Arizona, introduce il personaggio di Sean Boswell (Lucas Black). Il ragazzo, dopo l’ennesima corsa clandestina, viene spedito dalla madre in Giappone. Qui si trova il padre del protagonista, un militare di stanza a Tokyo.

Sean si ritrova così in un mondo del tutto nuovo. Gli inizi non sono facili: etichettato come gaijin (straniero) e isolato a causa della poca conoscenza del giapponese, il protagonista riesce comunque a trovare un amico in Twinkie (Bow Wow), un ragazzo americano. Parte da qui la scalata di Sean al mondo delle corse clandestine di Tokyo, dove si afferma la disciplina spettacolare del drifting.

Ben presto, però, Sean si ritroverà a dover fare i conti anche con il mondo della criminalità locale, e in particolare con Takashi Kamata (Brian Tee), detto D.K., nipote di un noto boss della zona. Si arriva così alla corsa finale, che vede Sean vincitore. Il ragazzo diventa il re del drifting, e viene chiamato ben presto alla sua ennesima sfida su strada. Questa volta, il suo avversario è Dominic Toretto, a bordo di una Plymouth Road Runner del 1970.

Fast and Furious - Solo parti originali (2009)

Titolo originale: Fast and Furious

Sceneggiatura: Chris Morgan

Regia: Justin Lin

Durata: 107 minuti

Il ritorno della coppia composta da Paul Walker e Vin Diesel in Fast and Furious - Solo parti originali non serve a convincere i critici, che affibbiano al nuovo capitolo della saga giudizi tendenzialmente negativi. Nonostante ciò, gli incassi volano, arrivando a toccare quota 360 milioni di dollari, a fronte di un budget di 85 milioni di dollari (secondo rilevazioni Box Office Mojo).

Dominic Toretto è impegnato nella vita di sempre. Insieme a Letty e alla sua banda, si diletta a compiere rapine nella Repubblica Dominicana. La situazione, però, subisce un brusco cambiamento quando Dom parte per Panama, lasciando la sua compagna da sola. Dopo breve tempo, il protagonista riceve una telefonata da parte della sorella Mia (Jordana Brewster), e le notizie non suono buone. Letty, tornata a Los Angeles, sarebbe morta in un incidente.

Al funerale della ragazza è presente anche Brian O’Conner, completamente reintegrato come agente di polizia. Ritrovatisi nel momento di maggior dolore, Brian e Toretto iniziano a indagare sulla scomparsa di Letty, e arrivano a individuare nell'attività del criminale Arturo Braga (John Ortiz) una buona traccia da seguire.

Si scopre così che il responsabile dell’uccisione di Letty è Fenix Rise (Laz Alonso). Toretto sembra avere la peggio nel primo scontro con il criminale, ma l’intervento di Mia rimette in sesto il protagonista. Dom non può fare a meno di esplodere di rabbia quando scopre che Letty era impegnata a lavorare sotto copertura. L'obiettivo della donna era tenere al sicuro lo stesso Toretto.

Brian e Dom riescono comunque ad avere la meglio di Fenix, e vendicare Letty. Toretto, questa volta, sceglie di fare i conti con la giustizia, e viene condannato a 25 anni di reclusione. Brian, però, riesce a far evadere l’amico.

Fast and Furious 5 (2011)

Titolo originale: Fast Five

Sceneggiatura: Chris Morgan

Regia: Justin Lin

Durata: 131 minuti

Nel 2011, la serie di Fast and Furious vive un nuovo, clamoroso momento di successo con Fast and Furious 5. Il film vede il ritorno di tutti i suoi personaggi principali, con l’aggiunta di Dwayne Johnson, impegnato a portare in scena l’agente Luke Hobbs.

L’approvazione, questa volta, fu sia da parte del pubblico che della critica. La pellicola registrò infatti incassi per oltre 600 milioni di dollari, a fronte di un budget di 125 milioni di dollari (secondo i dati Box Office Mojo). Sul fronte dei riconoscimenti, invece, è da segnalare il premio per la miglior colonna sonora (composta da Brian Tyler) ai BMI Film Music Award.

Il film si concentra ancora una volta sulle vicende di Dominic Toretto, riuscito a evadere di prigione grazie all’aiuto della sorella Mia, e soprattutto di Brian O’Conner. Il terzetto decide di far sparire le proprie tracce e di scappare a Rio de Janeiro. Anche qui, però, la situazione si rivela ben presto movimentata. Dopo un colpo andato male, Brian e Dom vengono catturati dagli uomini di Hernan Reyes (Joaquim de Almeida), il criminale più in vista della città. Il suo obiettivo è quello di recuperare un chip nascosto in una macchina rubata, contenente i dati relativi ai suoi traffici illeciti.

Come se non bastasse, l’FBI è sulle tracce dei due protagonisti, ritenuti colpevoli dell’uccisione di alcuni agenti della DEA. A seguire il caso è l’agente Luke Hobbs, insieme alla poliziotta Elena Neves (Elsa Pataky). Dom e Brian, in possesso del chip di Reyes, pianificano un nuovo colpo, che si rivelerà piuttosto difficile da portare a termine. Tra inseguimenti per le strade di Rio, esplosioni e situazioni al limite, Hobbs finirà per uccidere Reyes e lasciare andare Dom e Brian. I due, ingannando l’agente dell’FBI, riescono a scappare con i soldi del colpo.

Il colpo di scena maggiore, però, arriva dopo i titoli di coda. L’agente Monica Fuentes consegna a Hobbs un fascicolo riguardante un furto d’auto avvenuto a Berlino. Non si tratta di un crimine come un altro: a essere implicata sarebbe Letty, moglie di Dom, creduta morta fino a quel momento.

Fast and Furious 6 (2013)

Titolo originale: Fast and Furious 6

Sceneggiatura: Chris Morgan

Regia: Justin Lin

Durata: 130 minuti

Dopo l'accoglienza lusinghiera riservata a Fast and Furious 5, nel 2013 la saga registrò un altro grande successo con Fast and Furious 6. Anche in questo caso, l’approvazione fu pressoché unanime, sia da parte del pubblico che dalla critica. Al botteghino, la pellicola fece registrare incassi per 788 milioni di dollari (stando ai dati Box Office Mojo). Nel 2014, inoltre, il film fu premiato ai Saturn Award come Miglior film d’azione/di avventura.

Il cast vedeva ancora una volta il ritorno del nucleo di protagonisti principali, con l’aggiunta di Jason Statham, chiamato a interpretare Deckard Shaw.

La trama del film ripartiva dalle vicende del capitolo precedente. Toretto e O’Conner, rimasti a Rio de Janeiro, avrebbero molti motivi per essere felici: dopo aver sgominato Hernan Reyes, ed essere riusciti ad appropriarsi di 100 milioni di dollari, i due sono praticamente inavvicinabili dalle autorità.

La nostalgia di casa, però, li spinge ad accettare la proposta dell’agente Hobbs, intenzionato a sgominare l’organizzazione di piloti criminali di Owen Shaw (Luke Evans). Il suo braccio destro si rivela essere nient’altri che Letty, moglie di Dom, creduta morta anni prima. La donna, dopo il terribile incidente occorsole durante Fast and Furious - Solo parti originali, aveva perso la memoria, e ritenendo di non poter ricordare il passato, aveva scelto di entrare a far parte della squadra di Shaw.

Hobbs chiede a Dom e Brian di recarsi a Londra per catturare Shaw: in cambio, otterranno l’assoluzione dai loro crimini. La coppia di protagonisti riunisce così una squadra formata da vecchie conoscenze della serie, come Roman, Tej (Ludacris), Gisele (Gal Gadot) e Han (Sung Kang).

Anche questa volta, Dom e Brian riescono ad avere la meglio sul malvivente di turno, con Toretto che si ritrova a gettare Shaw da un aereo ormai in fiamme. I protagonisti, così, sono liberi di tornare a Los Angeles, a esclusione di Gisele, morta per salvare la vita ad Han.

Proprio Han, segnato profondamente dal modo in cui si è conclusa la missione, sceglie di tornare a Tokyo. Ed è qui che il personaggio interpretato da Sung Kang troverà la morte per mano di Deckard Shaw, fratello di Owen, intenzionato a vendicarsi di Toretto.

Fast and Furious 7 (2015)

Titolo originale: Furious 7

Sceneggiatura: Chris Morgan

Regia: James Wan

Durata: 137 minuti

Fast and Furious 7 segna una nuova era all’interno della saga. E lo fa in un modo decisamente triste, purtroppo. Il 30 novembre 2013, in un periodo di pausa delle riprese del film, Paul Walker trovò la morte insieme a Roger Rodas in un tremendo incidente stradale a Santa Clarita, California. La pellicola, dunque, rappresenta il commiato anche del personaggio di Brian O’Conner, chiamato alla sua ultima avventura insieme alla squadra di sempre.

Anche in questo caso, il film registrò un successo senza precedenti. A un budget di 190 milioni di dollari corrisposero guadagni per oltre 1,5 milioni di dollari (secondo rilevazioni Box Office Mojo). Il film, nel 2016, ricevette inoltre una candidatura ai Golden Globe per la miglior canzone originale (See you Again di Wiz Khalifa e Charlie Puth), e trionfò ai People’s Choice Awards come film d’azione preferito.

La storia si concentra su Dom, Brian e la loro squadra, finalmente in grado di tornare negli Stati Uniti e vivere in totale tranquillità. Toretto tenta di aiutare Letty a riacquistare la memoria e O’Conner inizia a sentirsi a suo agio nei panni di papà.

La minaccia, però, questa volta arriva da Londra. Deckard Shaw compie una strage nell’ospedale in cui è in cura suo fratello maggiore, Owen, giurandogli che la farà pagare cara a Toretto e la sua banda. Lo stesso Shaw riesce a rubare alcuni dati dal computer di Hobbs, relativi proprio alla squadra di Dom e Brian. Lo scontro tra Shaw e Hobbs vede il secondo uscire ferito in maniera grave. Le brutte notizie non finiscono qui.  Toretto rischia la vita dopo aver aperto un pacchetto indirizzato a lui e proveniente da Tokyo. Questo avvenimento spinge il protagonista a chiedere informazioni a Hobbs, ed è qui che Dom viene a conoscenza di Deckard.

Parte da qui l’operazione che porterà tutta la squadra a cercare di eliminare Shaw, prima che questi faccia lo stesso con loro. L’incredibile serie di eventi che ne segue si conclude con Dom in fin di vita. Solo le lacrime di Letty, che ha riacquistato parte della sua memoria, riusciranno a salvare Toretto. Shaw, alla fine, viene arrestato da Hobbs.

Il finale del film ha un sapore dolceamaro. È possibile vedere Brian e Mia giocare con il loro figlioletto, Jack. Sullo sfondo, Dom e Letty guardano la scena, e giungono alla conclusione che i giorni da pilota spericolato, per O’Conner, sono finiti. Toretto prende l’auto per andarsene, ma viene raggiunto dal personaggio interpretato, per l’ultima volta, da Paul Walker. In una scena diventata iconica, e carica di significato, i due ricordano i bei momenti passati insieme, prima di separarsi e prendere due strade diverse.

Fast and Furious 8 (2017)

Titolo originale: The Fate of the Furious

Sceneggiatura: Chris Morgan

Regia: F. Gary Gray

Durata: 136 minuti

Dopo l’emozionante epilogo di Fast and Furious 7, la serie tornò alla ribalta con Fast and Furious 8. L’impatto sul mercato fu rilevante, sebbene leggermente inferiore a quello della pellicola precedente. Gli incassi, infatti, si “fermarono” a 1,2 miliardi di dollari, a fronte di un budget di 250 milioni di dollari (secondo i dati di Box Office Mojo). Il film fece incetta di nomination ai Teen Choice Award del 2017 e ai Saturn Award del 2018, senza però riuscire a portare a casa alcun riconoscimento.

Il cast, orfano di Paul Walker, vedeva la conferma dei suoi attori principali, con l’aggiunta di Charlize Theron, chiamata a interpretare la diabolica Cipher. Trovava spazio anche Helen Mirren, che impersonava Magdalene, madre dei fratelli Shaw.

Dopo gli eventi del film precedente, tutto sembra procedere per il meglio. Shaw è rinchiuso in un carcere di massima sicurezza, mentre Dom e Letty sono a L’Avana, Cuba, per celebrare la loro luna di miele. È qui che Toretto incontra Cipher, che propone al protagonista di lavorare per lei. La richiesta è tutt’altro che amichevole. La donna, infatti, ha rapito Elena Neves, ex fidanzata di Dom, e suo figlio – il cui padre, per un curioso scherzo del destino, è proprio Toretto.

Dom, allora, inizia a lavorare per Cipher, mettendosi contro Hobbs, che finisce in carcere. Lo stesso agente, una volta in cella, si ritrova faccia a faccia con Deckard Shaw. I due riescono a evadere e pianificano di vendicarsi contro Cipher. Toretto, intanto, è sempre più succube della donna, e arriva a mettere in pericolo la sua relazione con Letty. A farne le spese è la povera Elena, che viene uccisa.

Nelle sequenze conclusive del film, i fratelli Shaw (Owen, intanto, si è ristabilito dopo l’incidente del sesto film) riescono a prendere in ostaggio i piloti dell’aereo di Cipher, e a salvare il bambino di Elena. Dom, a questo punto, può ribellarsi definitivamente alla donna, che messa alle strette non può fare altro che saltare dal suo velivolo, scomparendo.

Deckard, alla fine, riesce a portare il bambino di Elena da Dom, che decide di chiamarlo Brian, in onore del personaggio interpretato da Paul Walker.

Fast & Furious 8 (2017)

Data uscita in Italia: 03 aprile 2017
  • Titolo originale: The Fate of the Furious

  • Genere: Avventura, Azione, Thriller

  • Nazione: Canada, Francia, Giappone, Regno Unito, Samoa, Samoa Americane, Stati Uniti d'America

  • Regista: F. Gary Grey

  • Durata: 160 min

  • Cast: Vin Diesel, Dwayne Johnson, Jason Statham, Charlize Theron, Michelle Rodriguez, Kurt Russell

Fast and Furious 9 - The Fast Saga (2020)

Titolo originale: F9: The Fast Saga

Sceneggiatura: Daniel Casey

Regia: Justin Lin

Durata: 135 minuti

Il nono capitolo della saga arriverà nei cinema il prossimo 22 maggio. La trama prenderà piede dal finale di Fast and Furious 8, con Cipher che vestirà nuovamente i panni dell’antagonista. Alleatasi con Jakob Toretto, fratello di Mia e Dom, la donna rappresenterà una grande minaccia per il personaggio portato in scena da Vin Diesel, che però potrà contare sul ritorno di Han e Mia.

Grande curiosità desta Jakob, che sarà impersonato dal wrestler John Cena. Secondo Vin Diesel, il personaggio questione lascerà i fan sbalorditi. Non sarà della partita, invece, Dwayne Johnson, anche a causa dei rapporti un po’ turbolenti con l’attore che interpreta Dom Toretto.

L’uscita del film, tra le altre cose, sarà accompagnata dalla pubblicazione del videogioco Fast and Furious Crossroads, annunciato dagli stessi Vin Diesel e Michelle Rodriguez durante l’ultima edizione dei Game Awards.

Gli spin-off

Fast and Furious - Hobbs and Shaw (2019)

Titolo originale: Fast and Furious Presents: Hobbs and Shaw

Sceneggiatura: Chris Morgan, Drew Pearce

Regia: David Leitch

Durata: 137 minuti

Il 2019 è stato l’anno dello spin-off Fast and Furious - Hobbs and Shaw, ambientato due anni dopo gli eventi di Fast and Furious 8. L’episodio si regge sulle interpretazioni di Dwayne Johnson e Jason Statham, che riprendono i ruoli già portati in scena nei capitoli della serie principale. Nel cast entrano anche Idris Elba e Vanessa Kirby, mentre Helen Mirren torna nei panni di Magdalene.

I risultati al botteghino non hanno saputo tenere testa agli straordinari successi registrati dalle ultime iterazioni della saga. Il bilancio, comunque, è positivo, visto che a 200 milioni di dollari di budget sono corrisposti quasi 760 milioni di dollari di incassi (secondo Box Office Mojo).

La trama si sviluppa attorno al pericoloso virus “Fiocco di neve”, sviluppato dall’organizzazione terroristica Eteon, che può essere programmato per eliminare milioni di persone. Per evitare una catastrofe, alcuni agenti dell’MI6 tentano di eliminare il virus, ma vengono fermati da Brixton Lore (Idris Elba), agente dell’Eteon dotato di impianti cibernetici. A farne le spese è Hattie Shaw (Vanessa Kirby), che sceglie di iniettarsi il virus ed è costretta a mettersi in fuga.

Hobbs e Shaw, fratello di Hattie, vengono a sapere del presunto furto del virus, e riescono a rintracciare e arrestare la ragazza. Una volta portata alla CIA, però, viene rapita nuovamente da Brixton, e salvata dai due protagonisti dopo un inseguimento in auto.

Come se non bastasse, il creatore del virus, il professor Andreiko (Eddie Marsan), informa i due personaggi principali che il virus può essere debellato utilizzando un apparecchio situato in Ucraina. Hobbs e i fratelli Shaw partono allora alla volta dell’Est Europa dove, tra varie peripezie, riusciranno nell’impresa.

Le scene visibili durante e dopo i titoli di coda, però, rivelano una verità non molto positiva. Un nuovo virus, ancora più potente di quello appena sconfitto, sarebbe pronto a essere immesso in circolazione.

Fast & Furious - Hobbs & Shaw (2019)

Data uscita in Italia: 08 agosto 2019
  • Titolo originale: Fast & Furious Presents: Hobbs & Shaw

  • Genere: Avventura, Azione, Thriller

  • Nazione: Stati Uniti d'America

  • Regista: David Leitch

  • Durata: 137 min

  • Cast: Dwayne Johnson, Vanessa Kirby, Idris Elba, Jason Statham, Eiza González, Helen Mirren, Eddie Marsan, Cliff Curtis, Joe Anoa'i, Stephanie Vogt, ...

Fast and Furious: Piloti sotto copertura (2019)

Titolo originale: Fast and Furious Spy Racers

Direzione artistica: Christine Bianepisodes, Joel Fajnor

Episodi: 8

Pubblicata alla fine del 2019, Fast and Furious: Piloti sotto copertura è una serie animata che segue le avventure di Tony Toretto, due anni dopo gli eventi di Fast and Furious 8. Tony è il cugino di Dom, e viene reclutato da un’agenzia governativa per entrare a far parte di un circuito di corse su strada. Le competizioni non sono altro che una copertura per un’organizzazione criminale – la SH1FT3R – che si prefigge un obiettivo piuttosto ambizioso: il dominio del mondo.

La serie si compone di otto episodi da circa 23 minuti e vede anche la presenza, in alcune parti, di Dom, doppiato dallo stesso Vin Diesel (il doppiaggio italiano, invece, è di Roberto Draghetti).

Gli altri progetti in sviluppo

Sembra esserci ancora del fermento attorno a Fast and Furious. Vin Diesel, infatti, ha più volte ribadito l’intenzione di produrre uno spin-off tutto al femminile, a cui lavoreranno le sceneggiatrici Nicole Perlman, Lindsey Beer e Geneva Robertson-Dworet.

Ma non basta, perché pare che gli spin-off di Fast and Furious saranno addirittura tre. L’interprete di Toretto, a questo proposito, si è espresso così su Instagram:

Come saprete, ci sono tre nuovi spin-off che abbiamo promesso a Universal… beh, questa settimana abbiamo ascoltato una proposta per il film con una protagonista femminile che ho creato nel 2017, e potete vedere dal sorriso di Samantha [produttrice e sorella dell’attore, n.d.r.] che si tratta di qualcosa di veramente eccitante. Un grande saluto a Nicole Perlman, Lindsey Beer e Geneva Robertson-Dworet. Benvenute nella famiglia FAST…

Il futuro, pertanto, sembra essere ricco di nuovi progetti per la saga di Toretto.

I cortometraggi

The Turbo-Charged Prelude for 2 Fast 2 Furious (2003)

Una scena tratta da Turbo-Charged Prelude for 2 Fast 2 FuriousUniversal

Titolo originale: The Turbo-Charged Prelude for 2 Fast 2 Furious

Sceneggiatura: Keith Dinielli

Regia: Philip G. Atwell

Durata: 6 minuti

Nel 2003 venne pubblicato The Turbo-Charged Prelude for 2 Fast 2 Furious, cortometraggio che si proponeva come un prequel di 2 Fast 2 Furious.

Incluso nella versione DVD e Blu-ray del film, il contributo si concentrava sulla storia di Brian O’Conner, successiva alla fine del primo capitolo.

Dopo aver consegnato la sua auto a Toretto, Brian è costretto a lasciare l’FBI. Ricercato, non può fare altro che scappare ed entrare nel mondo delle corse clandestine. Cercando di evitare incontri sgraditi con la polizia, Brian si ritrova a fare l’autostop in autostrada. Qui viene aiutato da una ragazza (Minka Kelly) incontrata il giorno prima. In seguito, il protagonista rimedia e mette a nuovo una Nissan Skyline. Brian torna su strada e sceglie di dirigersi verso Miami, dove avranno luogo i fatti di 2 Fast 2 Furious.

Los Bandoleros (2009)

Una sequenza tratta da Los BandolerosOne Race Films

Titolo originale: Los Bandoleros

Sceneggiatura: Vin Diesel, T.J. Mancini

Regia: Vin Diesel

Durata: 20 minuti

Il 2009 è stato l’anno anche di Los Bandoleros, cortometraggio che a livello cronologico si pone a poca distanza dagli eventi di Fast and Furious - Solo parti originali. La versione con sottotitoli in italiano fu inserita nella versione blu-ray del film.

Scritto e diretto da Vin Diesel, il corto si concentra su Dom Toretto, costretto a rifugiarsi nella Repubblica Dominicana. Qui, il protagonista sarà al centro di una storia che lo vedrà a stretto contatto con il boss locale, e vedrà l’entrata in scena dei personaggi di Tego (Tego Calderón) e Han. Nel finale arriverà anche Letty, che si ritroverà con il protagonista. I due, così, avranno l’occasione di avvicinarsi una nuova volta. Le scene finali del cortometraggio faranno luce sul perché Dom abbia deciso di derubare il camion pieno di benzina, che sarà protagonista delle prime scene del quarto capitolo della serie.

L’ordine di visione secondo le uscite al cinema

L’annuncio di Fast and Furious 9 - The Fast Saga, che uscirà nel 2020, è stato accompagnato anche dalla conferma dell’arrivo di un decimo capitolo, Fast and Furious 10, atteso nel 2021. Questa data segnerà l'anniversario dei primi venti anni della saga, apertasi nell’ormai lontano 2001.

Per ripercorrere tutte le imprese di Toretto e compagni, allora, è possibile seguire l’ordine di uscita delle varie opere, compresi spin-off, cortometraggi e serie animate:

  • Fast and Furious (2001)
  • 2 Fast 2 Furious (2003)
  • The Turbo-Charged Prelude for 2 Fast 2 Furious (cortometraggio) (2003)
  • The Fast and the Furious: Tokyo Drift (2006)
  • Fast and Furious - Solo parti originali (2009)
  • Los Bandoleros (cortometraggio) (2009)
  • Fast and Furious 5 (2011)
  • Fast and Furious 6 (2013)
  • Fast and Furious 7 (2015)
  • Fast and Furious 8 (2017)
  • Fast and Furious - Hobbs and Shaw (spin-off) (2019)
  • Fast and Furious: Piloti sotto copertura (serie animata) (2019)
  • Fast and Furious 9 - The Fast Saga (2020)
  • Fast and Furious 10 (2021)

Quest’ordine permette di apprezzare senza particolari problemi tutti gli avvenimenti narrativi più importanti, dall’incontro tra Dom e Brian all’uscita di scena di quest’ultimo. L’arrivo di Cipher, in Fast and Furious 8 del 2017, coincide con la nuova fase della serie, che vede l’introduzione anche dello spin-off dedicato a Hobbs e Shaw.

I personaggi principali di Fast and Furious 8 HDUniversal

L’ordine di visione cronologico della storia

La serie di Fast and Furious include numerosi capitoli e spin-off. La maggioranza delle pellicole si concentra sulla storia di Brian, Dom e Letty, così come del resto della squadra. Per questo motivo, in linea di massima, seguire l’ordine di uscita delle varie pellicole rappresenta una buona soluzione.

I più esigenti, però, possono scegliere un metodo di visione ancora più corretto, e che si basa sull'ordine cronologico delle varie storie raccontate. Così come suggerisce CBR, infatti, la time line di Fast and Furious è più complessa di quanto si possa pensare in un primo momento. Questo è l’ordine di visione cronologico di tutte le opere legate a Fast and Furious:

  • Fast and Furious (2001)
  • The Turbo-Charged Prelude for 2 Fast 2 Furious (cortometraggio) (2003)
  • 2 Fast 2 Furious (2003)
  • Los Bandoleros (cortometraggio) (2009)
  • Fast and Furious - Solo parti originali (2009)
  • Fast and Furious 5 (2011)
  • Fast and Furious 6 (2013)
  • The Fast and the Furious: Tokyo Drift (2006)
  • Fast and Furious 7 (2015)
  • Fast and Furious 8 (2017)
  • Fast and Furious: Piloti sotto copertura (serie animata) (2019)
  • Fast and Furious - Hobbs and Shaw (spin-off) (2019)
  • Fast and Furious 9 - The Fast Saga (2020)
  • Fast and Furious 10 (2021)

In Fast and Furious è possibile fare conoscenza con i personaggi principali della saga, come Toretto o Brian. The Turbo-Charged Prelude for 2 Fast 2 Furious collega la prima pellicola all’inizio di 2 Fast 2 Furious. Il cortometraggio Los Bandoleros, invece, fa luce sulla storia di Dom, assente nella seconda pellicola. Al tempo stesso, l’opera funge da prequel per Fast and Furious - Solo parti originali, del 2009, che inizia proprio con l’assalto al furgone della benzina, soggetto ampiamente trattato nella breve avventura di Toretto. In ogni caso, in Fast and Furious - Solo parti originali, Brian torna dalla parte della legge, diventando agente dell’FBI, mentre Letty viene creduta morta dopo un incidente.

A questa pellicola segue senza soluzione di continuità Fast and Furious 5, del 2011, che riprende la storia dal punto in cui era rimasta nel film precedente. Toretto, aiutato da Brian e la sua squadra, evade di prigione. L’azione si sposta a Rio De Janeiro, ed entra in scena anche il personaggio di Luke Hobbs. Subito dopo segue Fast and Furious 6, del 2013, dove si rivede una vecchia conoscenza: Letty. La ragazza, però, è affetta da amnesia, e lavora con Owen Shaw. Questo verrà sconfitto e ferito gravemente. I protagonisti non hanno fatto però i conti con il fratello di Shaw, Deckard, che a Tokyo prepara la sua vendetta.

E l’azione si sposta proprio in Giappone con The Fast and the Furious: Tokyo Drift, del 2006. Han, dopo aver perso Giselle, si lancia nel mondo delle corse clandestine giapponesi. Il protagonista, Sean Boswell, stringe amicizia con Han, per poi diventare il re incontrastato della scena motoristica locale. Dopo una fugace apparizione di Toretto, l’azione torna negli Stati Uniti, con Fast and Furious 7, del 2015. Questa pellicola segna l’addio di Paul Walker (e conseguentemente del personaggio di Brian O’Conner). La parte del “cattivo” è di Deckard Shaw, che alla fine verrà sconfitto.

In Fast and Furious 8, del 2017, l’azione prosegue senza Brian. Entra in scena Cipher, che ricatta Toretto e minaccia di uccidere suo figlio. Alla fine, però, Dom riesce a sconfiggere la donna e riabbracciare suo figlio, che chiama Brian.

Dopo questa pellicola, trovano posto la serie animata Fast and Furious: Piloti sotto copertura, che segue le imprese di Tony, cugino di Tom, ma soprattutto lo spin-off Fast and Furious - Hobbs and Shaw, incentrato sui personaggi di Dwayne Johnson e Jason Statham. L’accenno alla presenza di un nuovo virus, rivelato alla fine del film, potrebbe rappresentare l’incipit per il prossimo Fast and Furious 9 - The Fast Saga, o per un nuovo spin-off.

Una scena tratta dal finale di Fast and Furious 7HDUniversal

Qual è il vostro capitolo preferito di Fast and Furious?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.